Microsoft: sviluppate robot col nostro software

Il colosso di Redmond lancia il kit di sviluppo Robotics Studio, pensato per chi si dedica alla programmazione amatoriale e professionale di piccoli automi. Il supporto hardware č offerto da LEGO Mindstorms NXT

Pittsburgh (USA) - Microsoft si butta sulla robotica e durante il convegno Robobusiness ha presentato una piattaforma di sviluppo interamente dedicata a questo affascinante settore tecnologico: si chiama Microsoft Robotics Studio e gli utenti possono già scaricare una versione preview. "L'obiettivo di questo prodotto è fornire un ambiente software per lo sviluppo di applicazioni nel campo della robotica e dell'interazione con le macchine", sintetizzano i portavoce dell'azienda di Redmond.

L'uso di Robotics Studio permetterà di realizzare "semplici aspirapolvere così come veicoli automatizzati per il soccorso stradale", si legge in un comunicato ufficiale. L'entrata in campo di Microsoft nella robotica, secondo i portavoce, è destinata a definire un nuovo standard di riferimento nel mondo dello sviluppo robotico, che la multinazionale statunitense ha voluto definire "estremamente frammentato".

Il kit, compatibile con piattaforme Windows XP e Windows Server 2003 R2, è dotato di numerosi strumenti e librerie per la programmazione visuale di automi. I robot programmabili con Robotics Studio possono essere macchine dotate di architettura ad 8, 16 o 32 bit, configurate per operare come client in una rete locale con server Windows. Una sorta di sandbox in tempo reale permetterà ai programmatori di sperimentare le proprie creazioni su un ambiente grafico ad alta definizione, che ricalca con precisione differenti scenari fisici.
Il prodotto si rivolge ad appassionati e professionisti: "Vediamo un grande potenziale nella robotica", ha detto Tandy Trower, direttore generale del progetto, "e pensiamo che Robotics Studio sia versatile per ogni tipo di scenario, come ci ha fatto intuire la reazione entusiastica della comunità accademica di ricercatori dediti alla robotica".

Robotics Studio gode inoltre del supporto di LEGO, pioniere della robotica per tutti e produttore della linea di robot Mindstorm NXT. "Insieme a Microsoft", ha detto il direttore del progetto Mindstorm Søren Lund, "possiamo amplificare notevolmente l'impatto della robotica sul pubblico: abbiamo già una grande comunità di utenti interessati al nostro progetto e Microsoft Robotics Studio potrà essere utilizzato per sfruttare le potenzialità hardware del processore NXT".

Microsoft ha deciso di stabilire rapporti privilegiati anche con la prestigiosa università Carnegie Mellon, punta di diamante della ricerca robotica statunitense. L'azienda ha infatti commissionato la costruzione di un nuovo laboratorio di ricerca e sviluppo all'interno dell'ateneo, dove naturalmente verranno utilizzati gli strumenti messi a disposizione da Microsoft Robotics Studio.

Tommaso Lombardi
36 Commenti alla Notizia Microsoft: sviluppate robot col nostro software
Ordina
  • il supporto lego è già disponibile da anni nel kernel.

    Fan Linux

    W:-}
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    > il supporto lego è già disponibile da anni nel
    > kernel.
    >
    > Fan Linux
    >
    > W:-}

    Altrimenti a che serve?A bocca aperta
    non+autenticato
  • The Denmark company, which is one of the last to produce toys in the U.S., plans to close its U.S. manufacturing plant and lay off 300 people there in early 2007. About 900 of its employees in Denmark also will be sacked over the next three years.

    Ovunque arrivi la Microsoft arrivano posti di lavoroArrabbiato
    non+autenticato
  • 1° (Già lo avevo menzionato qualche giorno fa) L'Hitler di turno compra un po' di robot e conquista il mondo, poi lui muore e i robot restano padroni del mondo.
    2° L'autore dell'altro POST sbaglia un if e l'errore salta fuori dopo anni di funzionamento regolare, i robot ci ammazzano tutti e restano padroni del mondo.
    3° I robot con software microsoft ti chiedono la tua licenza di vita, non ce l'hai e ti disattivano (uccidendoti)
    4° I robot con software microsoft vengono attaccati da un virus entrato nel sistema a causa di un bug di Internet Explorer 15.7 patch 2039, i sistemi di sicurezza avanzati deducono che sia stato un uomo a creare il virus e per essere sicuro di punirlo uccidono tutti gli uomini.
    non+autenticato
  • 5) col trustred computing

    vorresti installare firefox nel tuo robot

    ti uccide
  • UAHUAHUAhA bocca aperta

    Max
    non+autenticato
  • Vincerà quello il robot che crasherà meno degli altri?
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    > Vincerà quello il robot che crasherà meno degli
    > altri?

    ROTFL!!! Rotola dal ridereRotola dal ridereRotola dal ridereRotola dal ridere
    non+autenticato
  • Non centra che marginalmente con questa news ma ho voglia di raccontare un po'...

    Per quelle cose assurde che capitano nella vita mi son trovato (dopo un "passato" da programmatore standard) a lavorare su robot "veri".
    Quei cosi gialli enormi con cui si fanno le linee automatizzate, si saldano o verniciano le macchine.

    Figlioli, e' un macello.
    La parte meccanica e' incredibile, sto usando un braccio con 6 gradi di libertà che porta una 20ina di chili di "atrezzo" e lo sposta a 1 metro al secondo con una precisione di (non saprei, micron? millimetri?)

    La cosa demenziale sono le "piattaforme" di sviluppo, gli standard di comunicazione, la "costruzione di tutto quello che sta intorno a sti cosi"
    Ci saranno 6 o 7 linguaggi (PLC, controllore del robot, applicazione del robot, il robot, le schede assi, la supervisione etc etc) pensati da psicopatici, con IDE cervellotici, che comunicano per vie "traversissime" (controllore -> scheda assi -> bus -> bit fisico -> plc -> bit fisico -> scheda digitalizzatrice -> fili -> etc etc e non sei ancora arrivato)
    Riuscire a far fare a sto mostro QUELLO CHE VOGLIAMO NOI quando lo vogliamo noi e' la cosa piu demente che ho mai fatto.

    Comunque quando parte il ciclo e sto mostro VVVVVVVZZZZZ VVVVVVZZZZZZ VVVVVVZZZZZZZ a 200 all'ora gira, prende, posa, e' fantastico!!!

    Dopo 5 anni di pc a una scrivania ora smonto, corro, stacco, attacco, rismonto, testo, scrivo una riga, ricorro, testo. Sto buttanado giu la pancia!!! A bocca aperta
    Alla sera ho le mani sporche di grasso e vernice, mi fanno male i piedi ma mi sento come un bambino.

    La cosa piu incredibile (e avrei voluto avere la foto!) e' stata la mia faccia al mio primo "errore sw".
    Il braccio ha preso in pieno un portapezzo distruggendolo!
    Non sapevo che dire, che fare!
    Stavo li con la bocca aperta, col cervello che diceva "sei stato tu? con quell'if messo alla caxxo? hai ROTTO UNA COSA con un if???"
    Stavo li immobile a bocca aperta con tutti intorno che correvano per schiacciare l'emergenza, io fermo che ridevo dentro.

    Si, e' un debug molto "fisico"
    Mi mancano internet, i db, i "colleghi" ma... cosi non e'male!
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    > Non centra che marginalmente con questa news ma
    > ho voglia di raccontare un
    > po'...
    >
    > Per quelle cose assurde che capitano nella vita
    > mi son trovato (dopo un "passato" da
    > programmatore standard) a lavorare su robot
    > "veri".
    > Quei cosi gialli enormi con cui si fanno le linee
    > automatizzate, si saldano o verniciano le
    > macchine.
    >
    > Figlioli, e' un macello.
    > La parte meccanica e' incredibile, sto usando un
    > braccio con 6 gradi di libertà che porta una
    > 20ina di chili di "atrezzo" e lo sposta a 1 metro
    > al secondo con una precisione di (non saprei,
    > micron?
    > millimetri?)
    >
    > La cosa demenziale sono le "piattaforme" di
    > sviluppo, gli standard di comunicazione, la
    > "costruzione di tutto quello che sta intorno a
    > sti
    > cosi"
    > Ci saranno 6 o 7 linguaggi (PLC, controllore del
    > robot, applicazione del robot, il robot, le
    > schede assi, la supervisione etc etc) pensati da
    > psicopatici, con IDE cervellotici, che comunicano
    > per vie "traversissime" (controllore -> scheda
    > assi -> bus -> bit fisico -> plc -> bit fisico ->
    > scheda digitalizzatrice -> fili -> etc etc e non
    > sei ancora arrivato)
    >
    > Riuscire a far fare a sto mostro QUELLO CHE
    > VOGLIAMO NOI quando lo vogliamo noi e' la cosa
    > piu demente che ho mai
    > fatto.
    >
    > Comunque quando parte il ciclo e sto mostro
    > VVVVVVVZZZZZ VVVVVVZZZZZZ VVVVVVZZZZZZZ a 200
    > all'ora gira, prende, posa, e'
    > fantastico!!!
    >
    > Dopo 5 anni di pc a una scrivania ora smonto,
    > corro, stacco, attacco, rismonto, testo, scrivo
    > una riga, ricorro, testo. Sto buttanado giu la
    > pancia!!!
    > A bocca aperta
    > Alla sera ho le mani sporche di grasso e vernice,
    > mi fanno male i piedi ma mi sento come un
    > bambino.
    >
    > La cosa piu incredibile (e avrei voluto avere la
    > foto!) e' stata la mia faccia al mio primo
    > "errore
    > sw".
    > Il braccio ha preso in pieno un portapezzo
    > distruggendolo!
    > Non sapevo che dire, che fare!
    > Stavo li con la bocca aperta, col cervello che
    > diceva "sei stato tu? con quell'if messo alla
    > caxxo? hai ROTTO UNA COSA con un
    > if???"
    > Stavo li immobile a bocca aperta con tutti
    > intorno che correvano per schiacciare
    > l'emergenza, io fermo che ridevo
    > dentro.
    >
    > Si, e' un debug molto "fisico"
    > Mi mancano internet, i db, i "colleghi" ma...
    > cosi non
    > e'male!

    La prima cosa che farei con un'attrezzo del genere è farmici grattare il fondoschiena stile Homer Simpson. E non dite di no che lo fareste tutti...
    non+autenticato
  • C'è chi non si limiterebbe a farsi grattare la schiena... Rotola dal ridere
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    > C'è chi non si limiterebbe a farsi grattare la
    > schiena...
    > Rotola dal ridere

    Certo, poi se sbagli l'if... ti ritrovi la vocina da soprano A bocca aperta
    non+autenticato
  • Se riesco a lavorare una sera senza "occhi indiscreti" voglio farmi porgere una sigaretta o mettere 100 palline da pingpong su un qualche supporto e fargliele "rompere".

    Il casino e' che tra il dire e il fare c'e' di mezzo un mondo di delirio.

    Mettendo il mostro (scherzo, gli voglio bene! ormai ci giro intorno mentre lavora, mi ci arrampico, mi appoggio al portautensile mentre "elucubriamo" per sentire che lui "reagisce" vibrando di potenza per mantenere la posizione) in manuale si puo' escludere tutta la follia "impianto robotizzato" e si puo' comandarlo direttamente.

    Solo che creare un "percorso" e' un'operazione incasinatissima, noiosissima, poco poco pratica.
    Puoi si salvare una serie di punti e poi farglieli eseguire ma cosi e' lento e scattoso.
    Il bello e' creare dei percorsi (con raccordi, accelerazioni, posizioni dei "gomiti" preferite) e lasciare che lui da solo si muova.

    Cioe' sposti la "punta" e tutto il robot si muove da solo per far fare a questa il movimento che desideri.

    ma e' uno sbattone e ci passo già troppo troppo tempo lavorativo...

    ma non e' detto che nel futuro...

    non+autenticato
  • > Cioe' sposti la "punta" e tutto il robot si muove
    > da solo per far fare a questa il movimento che
    > desideri.

    come la cinematica inversa nel 3d?
  • complimenti!! ..bel racconto. Non sono un bravo programmatore e non riuscirei minimamente a districarmi tra la logica e il funzionamento di quelle macchine...però mi piacerebbe tanto e se mai lo facessi avrei le stesse sensazioni tue.
    InvidiaOcchiolino.
    non+autenticato
  • > Stavo li con la bocca aperta, col cervello che
    > diceva "sei stato tu? con quell'if messo alla
    > caxxo? hai ROTTO UNA COSA con un
    > if???"


    brividi

    pensiamo oltre alle uova di pasqua ai possibili bug in un robot domestico
  • Pigli il braccio, gli "insegni" quello che deve fare, controlli, imposti la velocita' ed e' tutto fatto?

    Personalmente i tecnici che lavorano con i robot non gli ho mai visti molto allegri, sempre musoni, nervosi.
    non+autenticato
  • Si, ok.
    Se il robot deve fare sempre la stessa cosa tric trac tutto il giorno va bene.

    Io sto programmando una linea a isole (3 robot) just in time.
    Gli dici cosa arriva e il robot fa quello che deve fare.
    A volte lavora uno a volte l'altro etc secondo cosa bisogna fare.
    Piu la gestione errori
    Piu tempi tecnici (che si devono interfacciare con la linea).
    Piu emergenze.
    Piu un delirio di cose "accessorie" che devono essere pronte e disponibili quando lui lavora.
    Piu un botto di altra roba che gli venisse un'accidente.

    Comunque il linguaggio e' una specie di C addomesticato.
    Ogni prova va scaricato TUTTO, riavviato tutto, crunch, smadonno, no debug (al massimo stampi su un terminale una variabile per volta o in coda ad un log)

    Menoso...
    A bocca aperta A bocca aperta
    non+autenticato
  • avevo fatto quando ero al politecnico un corso di robotica, è stata una delle materie più belle che ho mai studiato, è un punto di convergenza per un sacco di discipline: meccanica teorica ed applicata, matematica di classe, algoritmica, tecniche si AI... bellissimo, immagino che ti abbia appassionato così tanto questa tua "scoperta"
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 9 discussioni)