Licenziato per dipendenza da sesso virtuale

James Pacenza non ha digerito il licenziamento di IBM: vuole 5 milioni di dollari di risarcimento e dimostrare che la sua patologia è paragonabile ai disturbi psicologici... moralmente accettati

Roma - James Pacenza è un ex dipendente di IBM che sta portando avanti la sua personale battaglia legale per dimostrare che la dipendenza da sesso è una vera e propria malattia. Lui, nel 2003 è stato licenziato perché pescato a chattare sul canale per adulti di ChatAvenue. In verità un collega aveva fatto la spia mentre era lontano dalla sua postazione; il risultato comunque è che, a un solo anno dalla pensione, l'allora cinquantacinquenne Pacenza si è ritrovato alla porta.

L'ex veterano del Vietnam ha sempre convissuto con la cosiddetta "nevrosi da guerra" (Disturbo post traumatico da stress). A suo dire, questo l'ha portato a cadere nella trappola della dipendenza da sesso e da web. Secondo Pacenza, IBM avrebbe dovuto permettergli di seguire un trattamento invece che procedere con un immediato licenziamento.

"È anche discriminatorio (se non manifestamente ingiusto) che il querelante non sia stato trattato con compassione da IBM, quando persone con altri tipi di inabilità psicologiche più gravi - alcolismo, tossicodipendenza o problemi di comportamento - ricevono normalmente pieno supporto", si legge sulla denuncia depositata in tribunale dall'avvocato di Pacenza.
Insomma, sebbene IBM disponga di una policy corporate che vieti assolutamente l'accesso ai siti per adulti durante il lavoro, Pacenza vuole essere risarcito di ben 5 milioni di dollari. La sua opinione è che l'azienda l'abbia giocata sporca: avrebbe sbirciato nella sua cartella medica in violazione dell'Americans With Disabilities Act e, di fatto, attuato un vero atto di discriminazione sia nei confronti della sua età che delle sue patologie.

IBM ha fatto richiesta di "processo abbreviato" (Summary judgment) sostenendo che Pacenza non solo ha violato una norma della policy interna ben conosciuta, ma che ha anche eluso un precedente avvertimento (warning) - cosa che l'ex impiegato nega.

Il caso di "dipendenza da sesso" di Pacenza, secondo gli esperti, è emblematico. Già nel 2000 la National Council on Sexual Addiction and Compulsivity (NCSAC) aveva rilevato una crescita esponenziale nell'uso dei siti a contenuto adulto da parte degli utenti internet. Un'attività che l'ultimo studio pubblicato su Perspectives in Psychiatric Care riguarderebbe tra il 5% e il 10% degli utenti.

Dario d'Elia
24 Commenti alla Notizia Licenziato per dipendenza da sesso virtuale
Ordina
  • "In verità un collega aveva fatto la spia mentre era lontano dalla sua postazione;"

    Bell'ambiente di lavoro dev'essere l'IBM!

  • - Scritto da: soulista
    > "In verità un collega aveva fatto la spia mentre
    > era lontano dalla sua
    > postazione;"
    >
    > Bell'ambiente di lavoro dev'essere l'IBM!


    eh già
    http://punto-informatico.it/p.aspx?i=46729
    non+autenticato
  • Maledetto collega....

    poteva farsi i ca--i suoi.....
    non+autenticato
  • vero,
    si tratta di un disturbo mentale che influisce nella sfera sessuale.
    Il meccanismo è simile a quello del disturbo della anoressia e altre fobie.

    sono sicuro che vincerà la causa. Già ci sono delle sentenza favorevoli a riguardo.

    max
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    > vero,
    > si tratta di un disturbo mentale che influisce
    > nella sfera
    > sessuale.
    > Il meccanismo è simile a quello del disturbo
    > della anoressia e altre
    > fobie.
    >
    > sono sicuro che vincerà la causa. Già ci sono
    > delle sentenza favorevoli a
    > riguardo.
    >
    > max



    se queste sono disturbi mentali, allora anche i gay sono "disturbati" Rotola dal ridereRotola dal ridereRotola dal ridereRotola dal ridere

    non+autenticato
  • I gay non sono "disturbati" e non disturbano. Questo è un segaiolo della peggiore specie, parassita d'un pidocchio che confidando nella bravura di un avvocato e in qualche cavillo legale pretende di spuntarla e di usare per azzi sua le risorse di chi gli dà da mangiare. Un calcio in culo, a parer mio. O nei denti, a scelta.
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    > I gay non sono "disturbati" e non disturbano.

    quelli che si fingono donne in chat fanno perdere solo tempo però.

    non+autenticato

  • - Scritto da:
    > vero,
    > si tratta di un disturbo mentale che influisce
    > nella sfera
    > sessuale.
    > Il meccanismo è simile a quello del disturbo
    > della anoressia e altre
    > fobie.

    E' vero, è una devianza, una malattia, una cosa pericolosa.
    Come l'anoressia o la bulimia.
    Non bisogna pesare troppo o troppo poco, scopare troppo o troppo poco.
    La virtù sta nel mezzo, non bisogna eccedere, sono vizi, i vizi vanno curati, sono malattie, l'unico diritto del malato è quello di guarire. Bisogna intervenire!
    Anche la gente troppo alta e troppo bassa... avrà dei problmei nella vita, sarà emarginata, ti chiamano "tappo" o "stanga"... bisogna intervenire con l'ingegneria genetica, standardizzare le stature... non parliamo poi del colore della pelle! Ma siamo pazzi? Mettere un bambino nero in una classe di bianchi? Poi lo sfottono a vita, si sentirà diverso, crescerà traumatizzato, poveretto... PENSATE AI BAMBINI!! Quindi meglio tenere separati bianchi e neri e gialli, oppure facciamo nascere tutti con lo stesso colore di pelle, di capelli, di occhi, con la stessa statura, lo stesso peso, lo stesso tipo e ritmo e frequenza di attività sessuale, e di lavoro, e di gusti, di letture, di film, di videogiochi.
    Solo così potremo finalmente superare tutti i pregiudizi, le discriminazioni, le devianze, i conflitti, i crimini, i disordini, i vizi, le immoralità... e il mondo vivrà libero & felice! E chi, per un qualche caso imprevedibile, finirà per deviare dal Sacro Standard Psico-fisico, be'... verrà abbattuto.
    non+autenticato
  • Vi immaginate gente che si spippa dietro il bancone o sotto alla postazione di lavoro, e appena il dirigente di turno gli fa notare la cosa, questi si trincerano dietro la "Pippa Act" (dove Pippa sta per Porno In Pubblico Previa Autorizzazione)A bocca aperta


    Cosi' ecco la societa' che va allo sfascio :

    -Mariti che passano 7-8 ore al giorno a pipparsi in ufficio tornano a casa stravolti, ignorano la moglie e questa in risposta si trova l'amante.

    L'amante pero' passa 7-8 ore al giorno a pipparsi in ufficio, e quindi la moglie si suicida per nevrosi sessuale.

    I figli finiscono in un orfanotrofio, la famiglia e' sfasciata, il Vaticano si imbizzarrisce, i Sindacati fanno la voce grossa, Mastella indulta tutti quelli che si pippano + Previti e Tronchetti, mentre il successore di Vista (PornHorn) blocca la visione di contenuti "pippari" (il blocco di chiamera' PRM).



    L'italia allo sbando per la legge sulle pippe.
    Si salvi chi puo', e chi non puo' si pippi, almeno si diverte fino all'ultimoA bocca aperta
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    > Vi immaginate gente che si spippa dietro il
    > bancone o sotto alla postazione di lavoro, e
    > appena il dirigente di turno gli fa notare la
    > cosa, questi si trincerano dietro la "Pippa Act"
    > (dove Pippa sta per Porno In Pubblico Previa
    > Autorizzazione)
    >A bocca aperta
    >
    >
    > Cosi' ecco la societa' che va allo sfascio :
    >
    > -Mariti che passano 7-8 ore al giorno a pipparsi
    > in ufficio tornano a casa stravolti, ignorano la
    > moglie e questa in risposta si trova
    > l'amante.
    >
    > L'amante pero' passa 7-8 ore al giorno a pipparsi
    > in ufficio, e quindi la moglie si suicida per
    > nevrosi
    > sessuale.
    >
    > I figli finiscono in un orfanotrofio, la famiglia
    > e' sfasciata, il Vaticano si imbizzarrisce, i
    > Sindacati fanno la voce grossa, Mastella indulta
    > tutti quelli che si pippano + Previti e
    > Tronchetti, mentre il successore di Vista
    > (PornHorn) blocca la visione di contenuti
    > "pippari" (il blocco di chiamera'
    > PRM).
    >
    >
    >
    > L'italia allo sbando per la legge sulle pippe.
    > Si salvi chi puo', e chi non puo' si pippi,
    > almeno si diverte fino all'ultimo
    >A bocca aperta


    è quasi comica come la realtà italiana.
    complimenti
    non+autenticato
  • Bel al di la' della comicita'. Il prugnettaro va assistito è una malattia, non oso pensare in ufficio queste persone che si prugnettano e poi toccano la tastiera magari condivisa da utenti normali (non prugnettari) insomma qualcosa deve essere fatto... e che schifo.. prugnettari ma andate a faaaanculo va!! e che schifo..
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    > Bel al di la' della comicita'. Il prugnettaro va
    > assistito è una malattia, non oso pensare in
    > ufficio queste persone che si prugnettano e poi
    > toccano la tastiera magari condivisa da utenti
    > normali (non prugnettari) insomma qualcosa deve
    > essere fatto... e che schifo.. prugnettari ma
    > andate a faaaanculo va!! e che
    > schifo..

    toh una donna che si lamentaA bocca aperta

    ps: si dice pugnetta (da pugno) non prugnetta (prugna=frutto)
    m00f
    445
  • - Scritto da:
    > Vi immaginate gente che si spippa dietro il
    > bancone o sotto alla postazione di lavoro, e
    > appena il dirigente di turno gli fa notare la
    > cosa, questi si trincerano dietro la "Pippa Act"
    > (dove Pippa sta per Porno In Pubblico Previa
    > Autorizzazione)
    >A bocca aperta
    >
    >
    > Cosi' ecco la societa' che va allo sfascio :
    >
    > -Mariti che passano 7-8 ore al giorno a pipparsi
    > in ufficio tornano a casa stravolti, ignorano la
    > moglie e questa in risposta si trova
    > l'amante.
    >
    > L'amante pero' passa 7-8 ore al giorno a pipparsi
    > in ufficio, e quindi la moglie si suicida per
    > nevrosi
    > sessuale.
    >
    > I figli finiscono in un orfanotrofio, la famiglia
    > e' sfasciata, il Vaticano si imbizzarrisce, i
    > Sindacati fanno la voce grossa, Mastella indulta
    > tutti quelli che si pippano + Previti e
    > Tronchetti, mentre il successore di Vista
    > (PornHorn) blocca la visione di contenuti
    > "pippari" (il blocco di chiamera'
    > PRM).
    >
    >
    >
    > L'italia allo sbando per la legge sulle pippe.
    > Si salvi chi puo', e chi non puo' si pippi,
    > almeno si diverte fino all'ultimo
    >A bocca aperta


    C'è da dire che l'ente pubblico e ogni società seria usa dei filtri per cui non si può accedere al porno, al gioco, alle chat e ad altri siti che fanno parte del lungo elenco dei siti censurati.

    Semmai la situazione è chiedersi : "può il porno rendere dipendenti?"
    Secondo me sì quando cade in vizio e il vizio non è una malattia ma una forma di carenza caratteriale che va' curata a calci nel popo'
    -----------------------------------------------------------
    Modificato dall' autore il 20 febbraio 2007 10.42
    -----------------------------------------------------------
    gaia75
    1791
  • - Scritto da: gaia75
    > C'è da dire che l'ente pubblico e ogni società
    > seria usa dei filtri per cui non si può accedere
    > al porno, al gioco, alle chat e ad altri siti che
    > fanno parte del lungo elenco dei siti
    > censurati.

    Se lavori nel ramo, forse sai che questi filtri si possono bypassare.
    Una societa' ti puo' monitorare senza che tu possa evitarlo, pero' sicuramente non puo' bloccarti la navigazione.
    Una porta http aperta significa l'entrata e l'uscita di dati, che poi tu debba usare qualche proxy, sotto-script o altro poco cambia.



    > Semmai la situazione è chiedersi : "può il porno
    > rendere dipendenti?"

    Visto che mi pare una domanda seria, ti
    rispondo :

    Nello stesso modo in cui la droga o gli alcolici rendono dipendenti.

    1-Non si riesce ad avere una vita sociale soddisfacente
    2-Si trova un passatempo che stimola il piacere (anche fisicamente, ci sono delle sostanze che vengono rilasciate dal nostro corpo quando si prova piacere [endorfine generiche])
    3-Il passatempo inizia a colmare in modo netto il vuoto lasciato dalla vita sociale
    4-Il passatempo diventa un occupazione stabile
    5-Il lavoro ne soffre, la vita sociale ne soffre, la risultante e', in genere, un ulteriore chiusura nel proprio "mondo ideale" con il passatempo scelto che aumenta fino al parossismo
    6-Il materiale porno diventa via via meno stimolante, quindi si ha bisogno di piu' "esposizione" per avere gli stessi vantaggi ricavati all'inizio
    7-Il sesso diventa qualcosa di meccanico, un pulsante da premere per avere piacere, la controparte (partner o occasionale) diventa un oggetto

    Ecco spiegato il meccanismo.
    Ed ecco il motivo per cui :


    > Secondo me sì quando cade in vizio e il vizio non
    > è una malattia ma una forma di carenza
    > caratteriale che va' curata a calci nel
    > popo'


    Quello che scrivi qui sopra farebbe solo peggiorare la situazioneOcchiolino
    I casi di dipendenza vanno trattati usando cure medico-psichiatriche portate avanti da specialisti del settore.
    non+autenticato
  • - Scritto da:

    > I casi di dipendenza vanno trattati usando cure
    > medico-psichiatriche portate avanti da
    > specialisti del
    > settore.

    E' possibile smettere di fumare con queste cure?
    fava
    524
  • - Scritto da: gaia75

    > Semmai la situazione è chiedersi : "può il porno
    > rendere dipendenti?"

    Eccomi!

    > Secondo me sì quando cade in vizio e il vizio non
    > è una malattia ma una forma di carenza
    > caratteriale che va' curata a calci nel
    > popo'

    Sì, ti prego!
    non+autenticato
  • - Scritto da: gaia75
    >

    > Semmai la situazione è chiedersi : "può il porno
    > rendere dipendenti?"
    >
    > Secondo me sì quando cade in vizio e il vizio non
    > è una malattia ma una forma di carenza
    > caratteriale che va' curata a calci nel
    > popo'

    anche il vizio del fumo è una forma di carenza caratteriale? che va curata?
    -----------------------------------------------------------
    Modificato dall' autore il 20 febbraio 2007 19.22
    -----------------------------------------------------------
    fava
    524
  • BellissimaA bocca aperta


    - Scritto da:
    > Vi immaginate gente che si spippa dietro il
    > bancone o sotto alla postazione di lavoro, e
    > appena il dirigente di turno gli fa notare la
    > cosa, questi si trincerano dietro la "Pippa Act"
    > (dove Pippa sta per Porno In Pubblico Previa
    > Autorizzazione)
    >A bocca aperta
    >
    >
    > Cosi' ecco la societa' che va allo sfascio :
    >
    > -Mariti che passano 7-8 ore al giorno a pipparsi
    > in ufficio tornano a casa stravolti, ignorano la
    > moglie e questa in risposta si trova
    > l'amante.
    >
    > L'amante pero' passa 7-8 ore al giorno a pipparsi
    > in ufficio, e quindi la moglie si suicida per
    > nevrosi
    > sessuale.
    >
    > I figli finiscono in un orfanotrofio, la famiglia
    > e' sfasciata, il Vaticano si imbizzarrisce, i
    > Sindacati fanno la voce grossa, Mastella indulta
    > tutti quelli che si pippano + Previti e
    > Tronchetti, mentre il successore di Vista
    > (PornHorn) blocca la visione di contenuti
    > "pippari" (il blocco di chiamera'
    > PRM).
    >
    >
    >
    > L'italia allo sbando per la legge sulle pippe.
    > Si salvi chi puo', e chi non puo' si pippi,
    > almeno si diverte fino all'ultimo
    >A bocca aperta
  • Abbiamo trovato la risposta alla legge Biagi!!
    Tutti a farci reintegrare a TIA bocca aperta
    non+autenticato
  • Grande Taglialegna...Sorride
  • sempre detto che in IBM sono tutti prugnettato, trovo ingiusto che chi ha la malattia del prugnettaro venga licenzito, giusto invece che chi venga preso in flagrante a chattare nelle ore d'ufficio venga licenziato. In ufficio si lavora, non si chatta.

    Per il discorso dei prugnettari andrebbero create delle strutture dove che ne so.. con la corrente elettrica si associa dolore alla prugnetta.
    non+autenticato

  • > prugnettaro venga licenzito, giusto invece che
    > chi venga preso in flagrante a chattare nelle
    > ore d'ufficio venga licenziato. In ufficio si
    > lavora, non si chatta.

    Gia'...e blaterare sui forum invece va bene...
    non+autenticato
  • > Per il discorso dei prugnettari andrebbero create
    > delle strutture dove che ne so.. con la corrente
    > elettrica si associa dolore alla
    > prugnetta.

    occhio che la pugnetta e la pRugnetta sono due cose mooolto diverse.

    p.s.: ma comprarti una tasiera con tutti i tasti al loro posto no? A bocca aperta
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    > > Per il discorso dei prugnettari andrebbero
    > create
    > > delle strutture dove che ne so.. con la corrente
    > > elettrica si associa dolore alla
    > > prugnetta.
    >
    > occhio che la pugnetta e la pRugnetta sono due
    > cose mooolto
    > diverse.
    >
    > p.s.: ma comprarti una tasiera con tutti i tasti
    > al loro posto no?
    > A bocca aperta

    forse prugnetta = fancubo

    una forma di censura autoimposta
    non+autenticato