GPS? Un deterrente contro la violenza

Una contea californiana si prepara ad approntare un sistema di sorveglianza a mezzo GPS, che possa monitorare gli spostamenti dei membri delle gang in libertà vigilata

San Bernardino (California) - La contea californiana di San Bernardino, accodandosi ad un progetto pilota lanciato lo scorso anno nella città omonima, chiederà l'appoggio del governatore Schwarzenegger per sorvegliare a mezzo GPS i membri delle gang rilasciati in libertà vigilata.

Si parla di 300 bande con un totale di 13mila membri nella sola contea di San Bernardino. Ma i sobborghi saranno più sicuri, assicurano le autorità locali, grazie ad una cavigliera con un modulo GPS integrato, tracciato da 24 satelliti incapaci di distrazione. Ogni tentativo di rimuovere o di mettere fuori uso il sistema di sorveglianza diramerà un'allerta alle forze dell'ordine, con un messaggio di testo.

I moduli GPS serviranno a tracciare gli ex-criminali di strada, consentendo loro di reintegrarsi nella società e, al tempo stesso, scoraggiando i recidivi. Saranno inoltre determinanti nella fase delle indagini, per venire a capo di casi collegati alle violenze fra bande rivali e per mappare la composizione e le relazioni fra le gang, annunciano le autorità della regione in un comunicato stampa.
"La Contea di San Bernardino non è più il posto adatto per le gang e i criminali" ha proclamato orgoglioso un portavoce del funzionario locale Brad Mitzelfelt, convinto che la cavigliera GPS possa rivelarsi un utile deterrente, come dimostrato nell'applicazione del sistema su coloro che si sono macchiati di reati di natura sessuale.

Se l'entusiasmo pervade le autorità della contea, meno convinti sembrano coloro che hanno realmente a che fare con il programma di sperimentazione. Nel corso dei mesi di prova, le forze dell'ordine hanno avanzato dei dubbi: gli intoppi di natura tecnica, riguardo alla condivisione dei dati, sono ancora da risolvere, ha rivelato al San Bernardino County Sun il tenente di polizia Scott Paterson. Si sollevano inoltre delle perplessità riguardo alle spese da sostenere per il progetto: se i costi per la gestione dei dispositivi sono minimi (Sentinel Offender Services offre il servizio di sperimentazione a titolo gratuito), sono significativi gli investimenti da preventivare per l'addestramento di coloro che dovranno lavorare con il sistema.

Il panopticon, con il trascorrere degli anni e con l'affinarsi delle tecnologie, muta di forma. Nel Regno Unito le forze di polizia auspicano l'avvento di chip impiantati nei corpi dei criminali, e la società della sorveglianza non risparmia nemmeno i bambini. Il panopticon GPS ingabbia e annichilisce i criminali ancor più del panopticon configurato da Bentham e Foucault: lascia loro assaporare la libertà, invita alla tentazione. Sono le batterie da ricaricare due volte al giorno, rivela un partecipante al progetto di San Bernardino, a ricordare al sorvegliato che un occhio elettronico vigila sui suoi movimenti.

Gaia Bottà

2 Commenti alla Notizia GPS? Un deterrente contro la violenza
Ordina