Gaia Bottà

Iran, Internet per confinare le donne all'angolo

Filtri sui siti e sui blog che si battono per i diritti delle donne: gli iraniani non devono sapere che la donna è un cittadino, che ha dei diritti, che può fare sport

Roma - Teheran chiude al dialogo, non ammette che i cittadini usino la rete per smuovere le coscienze, per informare gli iraniani che può esistere una società civile che abbracci i diritti di tutti. Gli ISP hanno fatto calare un velo sulla rete locale: numerosi siti che si discostano dalla cultura ufficiale, pagine web e blog di gruppi femministi e di attivisti non sono più accessibili entro i confini dello stato.

Tutto è scaturito da una direttiva diramata dalla commissione che in Iran si occupa di individuare contenuti illegali ospitati sui media tradizionali e pagine web che divergono rispetto alla morale di stato. Una commissione che dipende dal Consiglio Supremo della Rivoluzione Culturale, una commissione di 36 membri che individua e decreta della sopravvivenza dei media che deragliano dai binari culturali, sociali e educativi gettati dal Consiglio supremo.

L'obiettivo? In questo frangente sono nel mirino gli spazi web dei movimenti che si battono per i diritti delle donne del paese islamico. "Vogliono ridurci al silenzio" ha avvertito Parvin Ardalan, attivista che opera in Change4equality, un'organizzazione che sta tentando di raccogliere un milione di firme per scuotere le coscienze delle donne iraniane, per dimostrare al governo che esiste la parità fra i sessi, per chiedere che vengano abrogate le leggi locali che discriminano le donne.
Il sito che gestisce è inaccessibile dall'Iran, ma non è il solo a soffrire dei filtri imposti dallo stato: "l
La maggior parte dei siti dedicati ai diritti delle donne e ai diritti umani sono stati bloccati da un giorno all'altro" ha spiegato la donna, già condannata dalle autorità per aver attentato alla sicurezza nazionale. A rimanere imbrigliati nei filtri censori imposti dal governo e mantenuti dai provider sono siti che chiedono la parità fra donne e uomini come Focus on Iranian Women o Women s field, ma anche Shirzanan, un sito dedicato al mondo dello sport praticato dalle donne, un argomento evidentemente giudicato sconveniente dalla autorità locali.

Non che l'Iran si sia mai distinto per la tutela delle opinioni dei propri cittadini: la tecnologia è vista come un grimaldello che favorisce la compenetrazione con la cultura occidentale e per questo motivo le autorità tentano di evitare che finisca nelle mani dei cittadini, obbligando alla chiusura Internet Café e imponendo limitazioni alla banda a disposizione dei cittadini. Funzionano a singhiozzo i punti di riferimento della rete, ma anche le fonti locali che sconfinano in critiche sgradite devono sottostare ai sigilli imposti dalla autorità e devono tentare di schivare gli arresti.

Nonostante ciò, sono 700mila i blogger censiti all'interno dei confini dell'Iran, sono numerosi i netizen omosessuali nonostante l'omosessualità sia una pratica vietata dalla legge, mentre la rete sta diventando uno strumento per edificare una società civile più consapevole: "È deprimente vedere che il proprio sito è filtrato - riconosce l'attivista Jadi Mirmirani - ma dimostra anche quanto le autorità siano preoccupate".

Gaia Bottà

(fonte immagine)
68 Commenti alla Notizia Iran, Internet per confinare le donne all'angolo
Ordina
  • bloccano lo sviluppo intelettuale.
  • In effetti , se pensi a Giovanni Paolo II, la prima cosa che ti viene in mente è che intellettualmente fosse bloccato o peggio sotto sviluppato, non credi ?
    non+autenticato
  • Beh, visto il dogmatismo sui profilattici (non sosteniamo i profilattici come mezzo per evitare l'aids, perché istigano al peccato) qualche piccolo dubbio verrebbeTroll
    non+autenticato
  • Mahhh...ti posso dire questo : da noi c'è l'abitudine a considerare una persona non per quello che di buono fa, oppure ha fatto, ma solamente per ciò che non ha , eventualmente , fatto...

    Questa è una delle possibili filosofie di vita. Ma non la sola.
    Denota solamente spirito polemico, che arriva, nella maggioranza dei casi , da chi sta a guardare il lavoro degli altri con le mani in mano...permettendosi poi di dare giudizi.

    Ritornando sull'argomento che hai sollevato bisogna approfondire le motivazioni e i pro e contro del preservativo come "soluzione" al problema dell'Aids..

    La prima cosa da chiarire subito è che il preservativo NON è una soluzione al problema del contagio da tale virus poichè non da garanzia se non nell'80% dei casi..Ciò sta a significare che su 100 persone 20 potrebbero essere comunque infettate.

    Il secondo punto riguarda la "campagne pubblicitarie" che mesi fa sono state fatte in Africa relativa all'uso del preservativo.

    Si sono rivelate delle forme di pubblicità che di fatto hanno promosso la diffusione dell’attività sessuale. Il messaggio che da queste campagne viene fuori è che il sesso casuale non è un problema fintanto che si usa il preservativo.

    In più, oltre a promuovere comportamenti che di fatto alimentano il contagio, esse , spesso, contrastano con le sensibilità locali in tema di morale e rispetto della persona.

    "Quando il saggio indica la luna...lo stolto guarda il dito"
    non+autenticato
  • - Scritto da: lellykelly
    > bloccano lo sviluppo intelettuale.

    Straquoto e riporto l'esempio della ricerca sulle cellule staminali.


    - Scritto da: Lucianino
    > Il secondo punto riguarda la "campagne
    > pubblicitarie" che mesi fa sono state fatte in
    > Africa relativa all'uso del
    > preservativo.
    >
    > Si sono rivelate delle forme di pubblicità che di
    > fatto hanno promosso la diffusione dell’attività
    > sessuale. Il messaggio che da queste campagne
    > viene fuori è che il sesso casuale non è un
    > problema fintanto che si usa il
    > preservativo.

    Non sono d'accordo. Considera che con o senza il preservativo, al giorno d'oggi la gente fa sesso lo stesso, checché ne dica la Chiesa. Tant'è che quel cardinale spagnolo di cui non conosco il nome qualche anno fa disse "Vabbè, visto che non c'è modo di farvi praticare l'astinenza, almeno usate il preservativo", rischiando una bella scomunica.
    non+autenticato
  • Ciò che volevo evidenziare è che il preservativo non rappresenta una soluzione ma un pagliativo con percentuale d'inefficacia molto alta. Quindi, ciò che non deve passare è il messaggio che tramite il preservativo si è immuni dall'aids !!!

    Riguardo al progresso posso dire che un progresso non è realmente tale se non si pone quesiti relativi all'etica delle cose ed i risvolti, anche negativi, che può avere.
    non+autenticato
  • > non da garanzia se non nell'80% dei casi..

    > il preservativo non rappresenta una soluzione
    > ma un pagliativo

    Stando a quanto da te stesso riportato tale palliativo (non "pagliativo" http://tinyurl.com/5hpscy ) riguarderebbe l'80%dei casi.
    Ammesso e non concesso ... mica male, no?
    O forse e' meglio farli crepare tutti in nome di una falsa morale?!

    > Quindi, ciò che non deve passare è il messaggio che
    > tramite il preservativo si è immuni dall'aids !!!

    Siamo d'accordo sulla NON TOTALE (ma ampia) immunita', ma da qui al volersi ostinare a ritenerlo moralmente ripugnate ce ne passa.
    non+autenticato
  • - Scritto da: NON Bigotto

    > Stando a quanto da te stesso riportato tale
    > palliativo (non "pagliativo"
    > http://tinyurl.com/5hpscy ) riguarderebbe
    > l'80%dei casi.
    >
    > Ammesso e non concesso ... mica male, no?

    certo... è un po' come la roulette russa...

    > O forse e' meglio farli crepare tutti in nome di
    > una falsa morale?!

    non è "falsa"... è la morale di chi ha una certa fede... se tu non ce l'hai non dovrebbe farti né caldo né freddo quello che dice il Papa
    non+autenticato
  • - Scritto da: ricorsivo

    > certo... è un po' come la roulette russa...

    Ok.
    Capisco allora che e' meglio, per certuni, caricarlo tutto il tamburo del revolver ... tanto per non sbagliare il colpo, eh?Rotola dal ridere

    > se tu non ce l'hai non dovrebbe farti né
    > caldo né freddo quello che dice il Papa

    Certo, ma se permetti mi indigna e non poco sentir detto da coloro che inneggiano alla Vita che in certi casi e' meglio crepare e diffondere il virus piu' che cadere nel "peccato" d'utilizzare una forma di tutela alla Vita propria ed altrui che, per quanto non assoluta, limita di molto il contagio stesso ed il propagarsi della malattia.

    Ipocriti Fantasma
    non+autenticato
  • - Scritto da: NON Bigotto

    > > se tu non ce l'hai non dovrebbe farti né
    > > caldo né freddo quello che dice il Papa
    >
    > Certo, ma se permetti mi indigna e non poco
    > sentir detto da coloro che inneggiano alla Vita
    > che in certi casi e' meglio crepare e diffondere
    > il virus

    no... è meglio astenersi...

    > Ipocriti Fantasma

    illuso
    non+autenticato
  • - Scritto da: ricorsivo
    > > Certo, ma se permetti mi indigna e non poco
    > > sentir detto da coloro che inneggiano alla Vita
    > > che in certi casi e' meglio crepare e diffondere
    > > il virus
    >
    > no... è meglio astenersi...

    ... che puo' e DEVE esser una scelta lasciata al singolo.
    Non un obbligo impartito da chicchessia nel nome di una falsa morale.
    E nel caso che il singolo non se la senta di astenersi (per le piu' svariate e soggettive ragioni) oppure non abbia la cultura per farlo (vedi la maggioranza delle popolazioni Africane) E' MEGLIO che si tuteli con l'uso del condom.
    Checche' ne dicano certi guru religiosi.

    > > Ipocriti Fantasma
    >
    > illuso

    Ddde che?!
    Che l'uso del profilattico non sia attualmente l'unico mezzo per arginare il contagio ed il diffondersi dall'aids?
    Se cosi' ... mi spiace. Respingo al mittente.

    > se tu non ce l'hai non dovrebbe farti né
    > caldo né freddo quello che dice il Papa

    Puo' non interessarmi nella misura in cui ad un'istituzione religiosa non interessa perpetrare ingerenze sulle abitudini, usi e costumi sessuali *soprattuto* quando in gioco c'e' la vita di migliaia di persone.
    non+autenticato
  • Non possiamo pretendere che un popolo primitivo come quello dell'Iran giunga subito (solo perché lo abbiamo deciso noi) al nostro livello di civiltà.
    Ci vorrà parecchio tempo perché capiscano che è sbagliato imporre la propria volontà sulle altre persone (in questo caso le donne).
    E poi, con quel pirla che li comanda... ha gli occhi tanto vicini che si vede che è un fessacchiotto galattico... peccato che gioca con il nucleare. Triste
    non+autenticato
  • - Scritto da: Pino
    > Non possiamo pretendere che un popolo primitivo
    > come quello dell'Iran giunga subito (solo perché
    > lo abbiamo deciso noi) al nostro livello di
    > civiltà.
    > Ci vorrà parecchio tempo perché capiscano che è
    > sbagliato imporre la propria volontà sulle altre
    > persone (in questo caso le
    > donne).
    > E poi, con quel pirla che li comanda... ha gli
    > occhi tanto vicini che si vede che è un
    > fessacchiotto galattico... peccato che gioca con
    > il nucleare.
    > Triste

    Il fatto non è solo che loro non stanno venendo verso di noi... ma anche che noi stiamo andando verso di loro...
    non+autenticato
  • - Scritto da: Nifft
    > - Scritto da: Pino
    > > Non possiamo pretendere che un popolo primitivo
    > > come quello dell'Iran giunga subito (solo perché
    > > lo abbiamo deciso noi) al nostro livello di
    > > civiltà.
    > > Ci vorrà parecchio tempo perché capiscano che è
    > > sbagliato imporre la propria volontà sulle altre
    > > persone (in questo caso le
    > > donne).
    > > E poi, con quel pirla che li comanda... ha gli
    > > occhi tanto vicini che si vede che è un
    > > fessacchiotto galattico... peccato che gioca con
    > > il nucleare.
    > > Triste
    >
    > Il fatto non è solo che loro non stanno venendo
    > verso di noi... ma anche che noi stiamo andando
    > verso di
    > loro...
    Quoto completamente !!
    non+autenticato
  • - Scritto da: Pino
    > Non possiamo pretendere che un popolo primitivo
    > come quello dell'Iran giunga subito (solo perché
    > lo abbiamo deciso noi) al nostro livello di
    > civiltà.

    a parte che confondi primitivo con non ancora pienamente sviluppato quoto

    > Ci vorrà parecchio tempo perché capiscano che è
    > sbagliato imporre la propria volontà sulle altre
    > persone (in questo caso le
    > donne).

    e facciano come noi che imponiamo grandi opere a popolazioni che non le vogliono, privatizzazioni a gente che non le vuole, nuove regole sul lavoro a lavoratori che sono contrari

    > E poi, con quel pirla che li comanda... ha gli
    > occhi tanto vicini che si vede che è un
    > fessacchiotto galattico...

    ah, un seguace di lombroso
    visto la foto di gruppo del governo ?

    > peccato che gioca con il nucleare. Triste

    sono altri i giocatori col nucleare di cui aver paura
    non+autenticato
  • no, guarda che ti sbagli tu..

    noi non siamo ancora pienamente sviluppati

    loro sono paesi non democratici primitivi!
    non+autenticato
  • Sii, certo specialmente i terroristi che potrebbero ricevere armi nucleari dall'Iran. Ma si può essere più ......... di così?
    non+autenticato
  • - Scritto da: Pino
    > Non possiamo pretendere che un popolo primitivo
    > come quello dell'Iran giunga subito (solo perché
    > lo abbiamo deciso noi) al nostro livello di
    > civiltà.

    quindi cosa facciam=? lo azzoppiamo?
    prima delle ultime elezioni le cose andavano molto meglio, quindi forse non è il popolo ad essere "primitivo" (per molte cose lo è...) ma chi lo governa

    > Ci vorrà parecchio tempo perché capiscano che è
    > sbagliato imporre la propria volontà sulle altre
    > persone (in questo caso le donne).

    guarda che basta andare indietro di qualche anno per vedere che l'avevano già capito

    > E poi, con quel pirla che li comanda... ha gli
    > occhi tanto vicini che si vede che è un
    > fessacchiotto galattico... peccato che gioca con
    > il nucleare.

    questo post, IMHO, dimostra la tua non-conoscenza dell'Iran
    non+autenticato
  • Primitivo un corno. Mica è colpa della popolazione se spesso succedono certe cose...
    Sgabbio
    26177
  • non è colpa della popolazione... è colpa degli eretici, del papa e di babbonatale.... ma va là!
    non+autenticato
  • > Teheran chiude al dialogo, non ammette che i cittadini usino la rete per smuovere le coscienze, per informare gli iraniani che può esistere una società civile che abbracci i diritti di tutti.

    Non lo sanno che con qualche partita di calcio possono lasciare la rete libera senza temere nulla?
  • - Scritto da: raudi
    > > Teheran chiude al dialogo, non ammette che i
    > cittadini usino la rete per smuovere le
    > coscienze, per informare gli iraniani che può
    > esistere una società civile che abbracci i
    > diritti di
    > tutti.
    >
    > Non lo sanno che con qualche partita di calcio
    > possono lasciare la rete libera senza temere
    > nulla?

    APPLAUSI !
    non+autenticato
  • Se gli ISP collaborano col governo (anche perchè costretti per legge) la rete come voi la conoscete è FINITA.

    Inutile sognare protocolli criptati, darknet e altri strategemmi infantili. Presto anche qui calerà la scure.

    Sanzioni per chi resisterà.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Get Real
    > Se gli ISP collaborano col governo (anche perchè
    > costretti per legge) la rete come voi la
    > conoscete è
    > FINITA.
    >
    > Inutile sognare protocolli criptati, darknet e
    > altri strategemmi infantili. Presto anche qui
    > calerà la
    > scure.
    >
    > Sanzioni per chi resisterà.
    Perchè tu credi che qui in Italia sia tutto "disponibile" e non ci siano siti "oscurati" che non ti escono nemmeno coi motori di ricerca poichè posti sotto censura dal Governo italiano??
    non+autenticato
  • - Scritto da: Thucko
    > Perchè tu credi che qui in Italia sia tutto
    > "disponibile" e non ci siano siti "oscurati" che
    > non ti escono nemmeno coi motori di ricerca
    > poichè posti sotto censura dal Governo
    > italiano??

    Perchè non provi quest'affermazione con qualche esempio verificabile, così, tanto per amor di verità?

    Grazie.
    non+autenticato
  • i siti di scommesse che hanno la licenza europea ma non pagano il pizzo italiano, sono uscurati.
    Sgabbio
    26177
  • Anche sui motori di ricerca?
    Un conto è non potersi collegare per l'oscuramento dei DNS, un altro la loro scomparsa dai motori di ricerca.
    Puoi confermare o smentire?
    non+autenticato
  • - Scritto da: Get Real
    > Se gli ISP collaborano col governo (anche perchè
    > costretti per legge) la rete come voi la
    > conoscete è
    > FINITA.

    Credo che gli isp in iran siano praticamente un'emanazione del governo. Un po' diverso che da noi insomma.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Get Real
    > Se gli ISP collaborano col governo (anche perchè
    > costretti per legge) la rete come voi la
    > conoscete è
    > FINITA.
    >
    > Inutile sognare protocolli criptati, darknet e
    > altri strategemmi infantili. Presto anche qui
    > calerà la
    > scure.
    >
    > Sanzioni per chi resisterà.

    Visto che ambisci tant oa vivere in un regime totalitario, perchè non ti trasferisci in Iran e ti levi dalle 84||3?
    Funz
    13000
  • - Scritto da: Funz

    > Visto che ambisci tant oa vivere in un regime
    > totalitario, perchè non ti trasferisci in Iran e
    > ti levi dalle
    > 84||3?

    E chi ambisce? A me piacerebbe vivere libero, ma sono consapevole che non è possibile. Però non mi illudo che stratagemmi da bimbo piccolo e speranze vane possano aiutarmi in qualcosa.

    E' come avere di fronte un maniaco omicida armato di ascia e pensare "ah, se fossi un cavaliere Jedi..."
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 6 discussioni)