Gaia Bottà

YouTube, non solo streaming

Download gratuiti e download a pagamento, per fruire delle clip in ogni dove, su qualsiasi piattaforma. Uno stimolo a partecipare alla cultura libera, e una scelta di business

Roma - YouTube si travasa offline, incoraggia al download e alla condivisione non mediata dalla connettività: con micropagamenti in cambio di materiale di cui fruire su dispositivi non connessi, con l'invito allo sharing e alla rielaborazione di materiale protetto da licenze permissive, la piattaforma insegue un nuovo modello di business e promuove la circolazione della cultura.

Sono una manciata i partner con cui YouTube ha imboccato la strada del download di contenuti: si era iniziato a sperimentare con i video di Obama, e il progetto è ora stato esteso a istituzioni universitarie come Stanford e UCLA, e a partner come The Khan Academy e Household Hacker. A seconda degli intenti dei partner, a seconda degli accordi stretti con YouTube, i video postati saranno a disposizione dei netizen, scaricabili in formato MP4 e senza lucchetti DRM, gratuitamente o con un piccolo contributo.

Le clip postate da un manipolo di università statunitensi sono ora accessibili e scaricabili senza dover corrispondere alcunché: i netizen possono godere di corpose lezioni di psicologia e di documentari sulle attività degli atenei, video da disseminare e da travasare di player in player. Sono protetti da licenze Creative Commons: gli autori, oltre a schierarsi a favore di una cultura più libera e accessibile, decidono se estendere ai cittadini della rete la libertà di attingere e remixare, di condividere e sfruttare in ambiti diversi da quello di provenienza.
Per i contenuti offerti a pagamento, Mountain View ha scelto di sfruttare Google Checkout: il netizen può abbandonare soluzioni artigianali per catturare lo streaming e in cambio di una somma che si aggira intorno al dollaro può acquistare contenuti prodotti e caricati da un nugolo di soggetti che partecipano al pilota, per ora limitato al mercato statunitense.

Non è dato sapere come YouTube e i partner commerciali si spartiscano i guadagni che verranno incamerati con i download a pagamento, non è dato sapere se l'esperimento riuscirà a sovrapporsi alle esigenze dei cittadini della rete. Evidente è, però, come YouTube sia alla ricerca di un modello di business sostenibile: nei mesi scorsi ha introdotto meccanismi di pubblicità per clip, banner e link agli acquisti per tentare di monetizzare il proprio patrimonio di utenti.

Google non si priva del rischio del dinamismo, non esita a sperimentare: si sfrondano rami secchi come i programmi di pubblicità sulla stampa e, ora, alla radio, si coltivano i prodotti del vivaio che si mostrano più promettenti. Per questo motivo si investe su YouTube, nel tentativo di animare il portalone da un proficuo modello di business: Sony potrebbe consolidare gli accordi con Mountain View e dispensare clip musicali con la mediazione della piattaforma. Potrebbe trattarsi di un tipo di contenuti capace di catalizzare l'attenzione degli utenti, compensando il dispendio cognitivo del micropagamento con un prodotto che non esaurisca il proprio valore alla sua prima fruizione.

Gaia Bottà
13 Commenti alla Notizia YouTube, non solo streaming
Ordina