Luca Annunziata

IBM e SUN, assieme tra le nuvole

L'annuncio dell'azienda californiana sul ritorno al computing remoto arriva in contemporanea all'indiscrezione su una possibile lucrosa offerta di IBM. La partita si complica, i giocatori in campo sono molti

IBM e SUN, assieme tra le nuvoleRoma - Sono segnali che indicano l'evoluzione del mercato, in senso lato: SUN, che solo pochi mesi fa aveva abbandonato il cloud computing, ora ci torna e animata delle migliori intenzioni. Microsoft è impegnata nel lancio (e nel rilancio) di Azure, ma i suoi servizi offerti all'utenza finale sembrano già attrarre l'attenzione almeno delle università statunitensi. E poi c'è IBM, il primo produttore di server del mondo che sembra intenzionato a fare shopping: uno shopping da quasi 7 miliardi di dollari, il doppio di quanto valeva fino a ieri SUN in borsa. Cifre da nababbi in tempi di crisi. Ma che potrebbero anche significare che il peggio è alle spalle.

Tanto vale iniziare dalla fine, dalla presunta offerta di Armonk per Santa Clara: IBM sarebbe seriamente intenzionata, secondo il Wall Street Journal, a comprarsi SUN per intero. Un affare che non ha mancato di far sentire i suoi effetti in borsa, dove il titolo un po' stagnante del quarto produttore di server al mondo (nonché l'azienda che ha sviluppato Java e Solaris) ha fatto registrare uno stellare +80 per cento balzando a circa 9 dollari di quotazione partendo da una soglia di appena sotto i 5. Se l'affare dovesse andare in porto, la somma delle percentuali di server venduti sul mercato dal conglomerato IBM+SUN toccherebbe la rispettabile cifra del 42 per cento tondo tondo: abbastanza pure per far drizzare le orecchie all'authority antitrust statunitense.

D'altra parte, le due aziende non sono poi tanto diverse: entrambe investono cifre sontuose in ricerca e sviluppo, rispettivamente 6 miliardi di dollari l'anno per IBM e 3 miliardi per SUN, e unire i due portafogli di brevetti sarebbe una mossa niente male. SUN inoltre, come detto, ha all'attivo un buon record in fatto di sviluppo software: Solaris resta una delle più riuscite versioni su piazza di Unix, senza contare l'importanza rivestita da Java negli ultimi anni anche molto oltre i confini dei prodotti venduti da SUN stessa. IBM, d'altra parte, negli ultimi tempi ha continuato a investire e rafforzare la presenza di Linux nella sua offerta: lo stesso ha fatto SUN, tra le paladine dell'open source anche grazie al lavoro svolto con e per MySQL e OpenOffice. Questo è senz'altro un altro punto di contatto tra le filosofie delle due società.
Non è chiaro al momento come possano andare avanti le trattative tra le due società: le uniche informazioni su cui basarsi sono alcune indiscrezioni fornite dal WSJ, che pure vanno collegate alle voci degli scorsi mesi che volevano SUN alla ricerca di un compratore. A differenza di IBM, infatti, nonostante tutta la sua ricerca e sviluppo gli utili di SUN non sono decollati come hanno fatto quelli di Big Blue: l'azienda californiana non è in perdita, non versa in condizioni disperate, ma senz'altro non vive un trend di crescita favoloso come qualche anno addietro e i suoi margini operativi degli ultimi trimestri sono risultati piuttosto magri.

Forse anche per questo a Santa Clara devono aver deciso che il cloud computing, vera e propria moda del momento, valeva un secondo tentativo: dopo aver chiuso la propria esperienza precedente a dicembre, SUN ha deciso di riprovarci cambiando qualcosa nella formula e rilanciandola in grande stile. Proprio come ai tempi della bolla del 2001 (quando SUN si definiva il punto di ".com"), la speranza dell'azienda guidata da Johnathan Schwartz è di monetizzare grazie alle proprie tecnologie e al proprio know-how, l'ultima delle tendenze dell'IT.

Nulla o quasi nulla di diverso da quello che ha fatto pure Cisco annunciando di voler vendere server, o HP che ha comprato EDS per avere più peso nel settore dell'outsourcing. La scelta di IBM, in un certo senso, va letta anche in questa direzione: l'attuale scenario economico di crisi è un ottimo momento per consolidare e ampliare il proprio core business, in attesa di tempi migliori. Ci sarà tutto il tempo di riorganizzare e ristrutturare per presentarsi pronti alle nuove sfide che verranno poste quando gli investimenti ripartiranno: e lo stesso volume complessivo dell'operazione, la più grande acquisizione di tutti i tempi per Big Blue, potrebbe anche svolgere il ruolo di catalizzatore per ridare ottimismo al mercato.

Gli avversari da battere in questo settore sono parecchi, e pure molto agguerriti. C'è Amazon, c'è Microsoft, c'è HP: la prima ha una posizione ormai consolidata, così come pure HP anche grazie alle acquisizioni e all'ottima fetta di mercato detenuta dalla sua divisione server. Microsoft, che è tra le ultime arrivate, sta costruendo mattone su mattone il suo Azure (pur con qualche incertezza) e si accinge a lanciarlo entro la fine dell'anno: nel frattempo si accontenta di strappare a Google contratti importanti per la fornitura dei servizi cloud alle università USA, anche questo un segnale che dovrebbe far alzare il livello di attenzione dei concorrenti.

Luca Annunziata
27 Commenti alla Notizia IBM e SUN, assieme tra le nuvole
Ordina
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 7 discussioni)