Vincenzo Gentile

Marketplace, divieti e ripensamenti

Gli store mobili di Apple e Microsoft si evolvono. BigM scrive un decalogo di quello che non si può fare: squalificato il VoIP via 3G. Cupertino invece pensa di ammorbidire il suo filtro di ammissione

Roma - Che VoIP e 3G non fossero destinati ad un matrimonio felice lo si era intuito già dal burrascoso accordo tra Nokia e Skype, che fece infuriare numerosi provider britannici. La storia si è ripetuta anche con Microsoft, che ha fatto intendere senza mezzi termini di non gradire applicazioni VoIP che sfruttino la mobilità del 3G nel suo Marketplace per Windows Mobile, prossimo al rilascio insieme alla versione 6.5 dell'OS mobile di BigM.

Una serie di politiche, quelle intraprese dai maggiori leader del settore molto discusse dagli utenti, che spesso sembrano non comprenderne le azioni: finalmente qualcosa si muove soprattutto in casa Apple, bersagliata in seguito alle recenti polemiche sulle ondivaghe politiche di accettazione delle applicazioni sull'App Store. Finalmente, con la nuova versione dell'OS per iPhone arriverà il tanto atteso sistema di rating delle applicazioni.

Proprio Apple si è mostrata molto sbrigativa nel risolvere le possibili beghe legate all'utilizzo di applicazioni VoIP, limitandosi a tollerare solo ed esclusivamente quelle in grado di funzionare via WiFi. Microsoft, invece, ha inserito le applicazioni in grado di funzionare sfruttando la connettività 3G in una vera e propia blacklist, dodici punti saldi che riassumono tutto quello che gli sviluppatori non devono postare sul futuro Marketplace per WinMo. Tra queste, da segnalare anche il rigetto garantito per le applicazioni che superino i 10MB complessivi di peso e, in barba all'affaire browser, tutte quelle applicazioni utili a cambiare il browser di default, il media player o il motore di ricerca.
Tornando a parlare di VoIP le scelte fatte dai big del settore sono strettamente correlate con gli accordi stretti con i vari provider i quali, com'è ormai noto, temono che il VoIP possa dilagare e decretare la fine del business basato sul credito telefonico. Esempio di questo timore sono i malumori nati tra alcuni provider britannici a poche ore dall'accordo tra Nokia e Skype, o la discussa vicenda che ha portato Google a cancellare dall'Android Market un'applicazione dedita al tethering, da sempre inviso al partner ufficiale T-Mobile.

Decisioni simili vengono spesso accompagnate da ferventi polemiche. Uno dei casi più recenti vede coinvolta Apple, accusata di attuare criteri controversi nell'ammissione delle applicazioni sull'App Store. In tal senso i vertici dell'azienda di Cupertino sembrano essere ricorsi ai ripari annunciando che dall'arrivo della prossima versione di OSX Mobile verrà introdotto un sistema di rating, che dividerà le applicazioni a seconda dell'età per cui ne è consigliato l'utilizzo.

Non potendo sapere se e come Apple deciderà di muoversi con tutte le applicazioni già pubblicate sino ad ora, il nuovo corso prevede la divisione in quattro fasce, ovvero 4+ (sì, iPhone è utilizzabile anche all'asilo), 9+, 12+ e 17+. Il sistema verrà anche implementato su iTunes, per permettere di indirizzare meglio i contenuti in rispetto delle fasce d'utenza per cui sono stati prodotti, e comprenderà anche la sezione di video e musica.

Vincenzo Gentile
46 Commenti alla Notizia Marketplace, divieti e ripensamenti
Ordina
  • ...è che stiamo tutti qui a dar contro a MS, Apple, Google e gestori di telefonia, ma questi cmq riescono a vendere i loro sistemi operativi scadenti, i loro telefonini con sistemi operativi che limitano quello che l'utente può fare, e ti salassano per SMS, ma poi quando acquistiamo lo facciamo alla cieca e scegliamo il cellulare più trendy, il sistema operativo più diffuso e più virus-friendly, etc.

    In teoria dovremmo essere noi consumatori ad invertire questa tendenza scegliendo prodotti che siano più possibile aperti alla libertà dell'utente. E invece scegliamo il cellulare figo che quando lo giri ruota il display, ma che sceglie per te cosa installare e cosa no. Siamo fessi, punto. E fanno bene ad arricchirsi sulle nostre stupide scelte, ci facciamo imbambolare dalla pubblicità e finchè saremo noi a reggere il loro gioco faranno soldi a palate. Che interesse hanno alla nostra libertà se noi siamo i primi a dargli modo di non rispettarla, comprando prodotti che non ci lasciano liberi di sfruttare ciò che abbiamo acquistato al 100% ??
    non+autenticato
  • - Scritto da: Giuseppe
    > ...è che stiamo tutti qui a dar contro a MS,
    > Apple, Google e gestori di telefonia, ma questi
    > cmq riescono a vendere i loro sistemi operativi
    > scadenti, i loro telefonini con sistemi operativi
    > che limitano quello che l'utente può fare, e ti
    > salassano per SMS, ma poi quando acquistiamo lo
    > facciamo alla cieca e scegliamo il cellulare più
    > trendy, il sistema operativo più diffuso e più
    > virus-friendly,
    > etc.
    >
    > In teoria dovremmo essere noi consumatori ad
    > invertire questa tendenza scegliendo prodotti che
    > siano più possibile aperti alla libertà
    > dell'utente. E invece scegliamo il cellulare figo
    > che quando lo giri ruota il display, ma che
    > sceglie per te cosa installare e cosa no. Siamo
    > fessi, punto. E fanno bene ad arricchirsi sulle
    > nostre stupide scelte, ci facciamo imbambolare
    > dalla pubblicità e finchè saremo noi a reggere il
    > loro gioco faranno soldi a palate. Che interesse
    > hanno alla nostra libertà se noi siamo i primi a
    > dargli modo di non rispettarla, comprando
    > prodotti che non ci lasciano liberi di sfruttare
    > ciò che abbiamo acquistato al 100%
    > ??

    finalmente qualcuno che ragiona
    concordo!
    ciao
    non+autenticato
  • Apple, Microsoft e Google, tutti a cercare di limitare quello che l'utente pagante può fare della sua banda.
    Voglio un dispositivo libero, e una tariffa flat solo dati senza lucchetti, paletti o catenacci.
    Finora nessuna di queste condizioni è presente, quindi mi tengo il GSM da 40 EuroCon la lingua fuori
    Funz
    12980
  • - Scritto da: Funz
    > Apple, Microsoft e Google, tutti a cercare di
    > limitare quello che l'utente pagante può fare
    > della sua
    > banda.

    Ma se la banda è dei gestori e sono loro che non vogliono che venga usata, di che vai cianciando che è colpa dei 3 nomi da te citati?


    > Voglio un dispositivo libero, e una tariffa flat
    > solo dati senza lucchetti, paletti o
    > catenacci.

    Allora invece di scribacchiare qui, contatta i vari gestori in tutti i paesi e lamentati con loro, visto che la banda la gestiscono loro.

    > Finora nessuna di queste condizioni è presente,
    > quindi mi tengo il GSM da 40 Euro
    >Con la lingua fuori

    Onestamente, ecchissenefrega.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Tex
    > - Scritto da: Funz
    > > Apple, Microsoft e Google, tutti a cercare di
    > > limitare quello che l'utente pagante può fare
    > > della sua
    > > banda.
    >
    > Ma se la banda è dei gestori e sono loro che non
    > vogliono che venga usata, di che vai cianciando
    > che è colpa dei 3 nomi da te
    > citati?

    Giusto, ho dimenticato di citare i colpevoli principali dello schifo.

    > > Voglio un dispositivo libero, e una tariffa flat
    > > solo dati senza lucchetti, paletti o
    > > catenacci.
    >
    > Allora invece di scribacchiare qui, contatta i
    > vari gestori in tutti i paesi e lamentati con
    > loro, visto che la banda la gestiscono
    > loro.

    Intanto protesto non comprando.

    > > Finora nessuna di queste condizioni è presente,
    > > quindi mi tengo il GSM da 40 Euro
    > >Con la lingua fuori
    >
    > Onestamente, ecchissenefrega.

    Contento tu, di pagare tanto per avere poco e per di più limitato...
    Funz
    12980
  • - Scritto da: Funz
    > - Scritto da: Tex
    > > - Scritto da: Funz
    > > > Apple, Microsoft e Google, tutti a cercare di
    > > > limitare quello che l'utente pagante può fare
    > > > della sua
    > > > banda.
    > >
    > > Ma se la banda è dei gestori e sono loro che non
    > > vogliono che venga usata, di che vai cianciando
    > > che è colpa dei 3 nomi da te
    > > citati?
    >
    > Giusto, ho dimenticato di citare i colpevoli
    > principali dello
    > schifo.
    >

    Piccolo dettaglio visto che accusi quelli sbagliati di "crimini contro l'uso e abuso della banda".

    Oppure vuoi anche avere ragione che non l'hai fatta fuori dal vasetto?

    E
    > > > Voglio un dispositivo libero, e una tariffa
    > flat
    > > > solo dati senza lucchetti, paletti o
    > > > catenacci.
    > >
    > > Allora invece di scribacchiare qui, contatta i
    > > vari gestori in tutti i paesi e lamentati con
    > > loro, visto che la banda la gestiscono
    > > loro.
    >
    > Intanto protesto non comprando.
    >

    Bravo, una goccia nell'oceano è sempre utile.
    Spendi come ti pare, ma svegliati se speri che gli altri facciano beneficenza pensando a te invece che al loro tornaconto

    > > > Finora nessuna di queste condizioni è
    > presente,
    > > > quindi mi tengo il GSM da 40 Euro
    > > >Con la lingua fuori
    > >
    > > Onestamente, ecchissenefrega.
    >
    > Contento tu, di pagare tanto per avere poco e per
    > di più
    > limitato...

    L'importante è che tu sia convinto di quello che dici, ma permetti almeno ad altri di spendere come gli pare e secondo le proprie esigenze i loro soldi senza che arrivi il personaggio di turno a pontificare secondo i suoi soggettivi criteri di scelta e soprattutto che venga a parlare di libertà di scelta quando ipocritamente vuole togliermi la libertà di spendere come mi pare i miei soldi.


    Per quanto mi riguarda tutti i cellulari costano più di quanto dovremmo pagarli, ma se me ne serve uno quello è il prezzo che mi tocca pagare oppure mi compro un set di piccioni viaggiatori
    non+autenticato
  • - Scritto da: Tex
    > > Giusto, ho dimenticato di citare i colpevoli
    > > principali dello
    > > schifo.
    > >
    >
    > Piccolo dettaglio visto che accusi quelli
    > sbagliati di "crimini contro l'uso e abuso della
    > banda".

    Direi che i fabbricanti di telefoni abbiano una buona fetta anche loro di colpe

    > Oppure vuoi anche avere ragione che non l'hai
    > fatta fuori dal
    > vasetto?

    Se ti do ragione la smetti?Con la lingua fuori


    > > Intanto protesto non comprando.
    > >
    >
    > Bravo, una goccia nell'oceano è sempre utile.
    > Spendi come ti pare, ma svegliati se speri che
    > gli altri facciano beneficenza pensando a te
    > invece che al loro
    > tornaconto

    Non hai capito: a me degli altri non frega un accidente.
    E non è che muoio dalla voglia di possedere uno smartphone, posso benissimo farne a meno.

    > > Contento tu, di pagare tanto per avere poco e
    > per
    > > di più
    > > limitato...
    >
    > L'importante è che tu sia convinto di quello che
    > dici, ma permetti almeno ad altri di spendere
    > come gli pare e secondo le proprie esigenze i
    > loro soldi senza che arrivi il personaggio di
    > turno a pontificare secondo i suoi soggettivi
    > criteri di scelta e soprattutto che venga a
    > parlare di libertà di scelta quando ipocritamente
    > vuole togliermi la libertà di spendere come mi
    > pare i miei
    > soldi.

    non mettermi in bocca cose che non ho mai detto.
    Chi ti vuole impedire di comprare l'iphone o di buttare i tuoi soldi come ti pare e piace? Non io di certo. Io voglio solo un dispositivo e una tariffa senza lucchetti e condizioni vessatorie.

    > Per quanto mi riguarda tutti i cellulari costano
    > più di quanto dovremmo pagarli, ma se me ne serve
    > uno quello è il prezzo che mi tocca pagare oppure
    > mi compro un set di piccioni
    > viaggiatori

    Io per la funzionalità minima necessaria ho preso un cellulare da 40 euro, come ti ho già detto (ma solo perché quello in offerta da 30 al momento era esaurito).
    -----------------------------------------------------------
    Modificato dall' autore il 08 maggio 2009 22.55
    -----------------------------------------------------------
    Funz
    12980
  • - Scritto da: Funz
    > Apple, Microsoft e Google, tutti a cercare di
    > limitare quello che l'utente pagante può fare
    > della sua
    > banda.
    > Voglio un dispositivo libero, e una tariffa flat
    > solo dati senza lucchetti, paletti o
    > catenacci.
    > Finora nessuna di queste condizioni è presente,
    > quindi mi tengo il GSM da 40 Euro
    >Con la lingua fuori

    Quello che vuoi tu è l'araba fenice.
    Però una possibilità ce l'hai: fai gestore di telefonia cellulare, così puoi avere tutto gratis.

    Battute a parte, per mantenere strutture radio come quelle cellulari, occorrono parecchi soldi. Se il tutto dovesse essere finanziato solo da tariffe flat dati e nient'altro, tali tariffe sarebbero improponibili. Senza contare che parlare di "flat" su reti cellulari significa non aver ben chiara la potenza di banda trasmissiva di tali reti, che è una frazione inifinitesimale delle reti cablate (che oggi sono già prossime al collasso).
    ruppolo
    33147
  • - Scritto da: ruppolo
    > - Scritto da: Funz
    > > Apple, Microsoft e Google, tutti a cercare di
    > > limitare quello che l'utente pagante può fare
    > > della sua
    > > banda.
    > > Voglio un dispositivo libero, e una tariffa flat
    > > solo dati senza lucchetti, paletti o
    > > catenacci.
    > > Finora nessuna di queste condizioni è presente,
    > > quindi mi tengo il GSM da 40 Euro
    > >Con la lingua fuori
    >
    > Quello che vuoi tu è l'araba fenice.
    > Però una possibilità ce l'hai: fai gestore di
    > telefonia cellulare, così puoi avere tutto
    > gratis.

    Eeh, mica mi chiamo Tronchetti Provera, e non ho nemmeno agganci politico/mafiosi...

    > Battute a parte, per mantenere strutture radio
    > come quelle cellulari, occorrono parecchi soldi.
    > Se il tutto dovesse essere finanziato solo da
    > tariffe flat dati e nient'altro, tali tariffe
    > sarebbero improponibili. Senza contare che
    > parlare di "flat" su reti cellulari significa non
    > aver ben chiara la potenza di banda trasmissiva
    > di tali reti, che è una frazione inifinitesimale
    > delle reti cablate (che oggi sono già prossime al
    > collasso).

    Mi accontenterei di una banda ristretta, ma garantita.
    Ti ricordi di quando magnificavano le magnifiche sorti dell'UMTS ai tempi dell'asta per le licenze? Sembrava dovessimo tutti navigare a 1 megabit di lì a qualche mese...
    Funz
    12980
  • - Scritto da: Funz

    >
    > Ti ricordi di quando magnificavano le magnifiche
    > sorti dell'UMTS ai tempi dell'asta per le
    > licenze? Sembrava dovessimo tutti navigare a 1
    > megabit di lì a qualche
    > mese...

    Non dirmi che tu eri l'unico che ci ha creduto a quella bufala e a quella fregatura delle aste per le licenze.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Tex
    > - Scritto da: Funz
    >
    > >
    > > Ti ricordi di quando magnificavano le magnifiche
    > > sorti dell'UMTS ai tempi dell'asta per le
    > > licenze? Sembrava dovessimo tutti navigare a 1
    > > megabit di lì a qualche
    > > mese...
    >
    > Non dirmi che tu eri l'unico che ci ha creduto a
    > quella bufala e a quella fregatura delle aste per
    > le
    > licenze.

    Ero giovane ed entusiastaCon la lingua fuori
    Bufala la banda, e fregatura le aste, con lo Stato che ha intascato un mare di soldi, usciti poi dalle tasche dei clienti delle compagnie telefoniche...
    Funz
    12980
  • > Ero giovane ed entusiastaCon la lingua fuori
    > Bufala la banda, e fregatura le aste, con lo
    > Stato che ha intascato un mare di soldi, usciti
    > poi dalle tasche dei clienti delle compagnie
    > telefoniche...

    Boh... tutta 'sta diatriba mi pare aria fritta e ripassata in padella che, additivata d'aglio, s'aripropone il giorno dopo sotto forma di fiatella.

    La banda costa.
    I provider hanno cannato il modello di business proponendo tariffe troppo basse e adesso stanno tentando di fare dietrofront.

    Per contro la navigazione in internet e' diventata una cosa piuttosto impegnativa, dato che i 64k di una CDN (una volta sufficiente per garantire la navigazione di una DECINA di utenti e piu') adesso non basta nemmeno per visualizzare una singola pagina.

    Semplicemente si dovra' migliorare un po' l'utilizzo della banda che si ha a disposizione.
    Un modo per farlo e' aumentare le tarifffe e, allo stesso tempo proporre abbonamenti piu' convenienti ma non "flat" o con limiti di banda meno abbondanti.

    Si, i 20mega fanno piacere, ma forse in futuro non potremo piu' permetterceli.

    I provider mordono il freno perche' dispongono di una banda limitata e di una domanda enorme, ma non possono aumentare i prezzi pena le bacchettate dell'authority, cosi' tentano di limitare i danni boicottando tutte quelle applicazioni che riducono la banda/aumentano il traffico.
    Questo perche' LORO non hanno contratti flat, ma pagano il traffico un tanto al chilo(byte), visto che noialtri scarichiamo terabyte di cose... eh eh... si stanno accorgendo che gli e' arrivato il cetriolo.

    La cosa non puo' renderci allegri: se i provider vanno a zampe all'aria noialtri restiamo senza rete e quando i nuovi provider si faranno avanti avranno offerte tariffarie assai piu' draconiane.

    Il che non mi dispiacerebbe affatto: finalmente riuscirei a giocare in modo decente in rete, senza quei bimbom1nk1a con le connessioni dopate (ping <10ms) a rompere i cabbasisi ai vecchietti come me.

    --
    -GT-
    non+autenticato
  • perchè, operatori mobili, avete paura del Voip via 3G?
    Cioè non vi rendete conto che se lo appogiaste potreste spazzare via buona parte del settore telefonia fissa e connessioni via cavo? Ovvero più che raddoppiare il vostro mercato?
    Inoltre: basterebbe far pagare i dati un prezzo equo (e trasparente) un tanto al byte e non come oggi un caos totale. Nel senso che 1MB costa tipo più di un euro...però con la "super promozione" puoi scaricare X GB per soli 30 euro. Ma allora il costo di 1MB quale è? Perchè 1 euro non credo ce lo paghi nessuno (o quasi).

    Chiarezza. Chiarezza, semplicità (e trasparenza) negli schemi tariffari e contratti senza clausole capestro o vessatorie.
    Il primo operatore mobile che capirà che il cliente non devi cercare di fregarlo ad ogni costo, ma gli devi vendere un servizio, avrà la mia riconoscenza.
    non+autenticato
  • Copio incollo un mio vecchio post:

    Oggi ho letto un articolo interessante su 9to5mac in cui si sostiene come una società inizi a dare i primi segni di cedimento quando, anzichè proporre servizi innovativi e convenienti, si industria per imbrigliare gli utenti che già possiede per evitare che approdino ad altre compagnie.

    L’articolo cita le compagnie telefoniche come esempio per arrivare a parlare delle strategie Microsoft, ormai rivolte sempre più all’imbrigliamento dell’utente (la goccia che ha fatto traboccare il vaso è la defaiance dei server WGA ) anzichè alla produzione di OS validi ed efficienti che soddisfino gli utenti.

    Io preferirei soffermarmi invece sulle compagnie telefoniche perchè viene detta una cosa giusta… cosa vogliamo dalle compagnie telefoniche? INTERNET!
    Quanti di noi sono interessati a scaricare musica da Vodafone Live? (infarcita di DRM) o utilizzare la videochiamata di 3?
    Noi vogliamo Skype sui nostri cellulari e chiamare l’amico che lavora/studia in Francia (o la ragazza conosciuta quest’estate a Londra) a 1cent al minuto, vogliamo Messenger o iChat per spedire messaggi gratis invece che SMS a 12cents… se domani in Italia arivasse una compagnia telefonica che offre a 30€ al mese internet ILLIMITATO… quanti passerebbero a quell’operatore?

    Ecco questo è quello che viene detto a grandi linee nell’articolo sopracitato, e cavoli… condivido in pieno… anch’io voglio internet sul mio cellulare flat… usare Skype, Messenger… … e tutti lo vogliono no?
    Forse non proprio tutti però… e forse è per questo che TIM, WIND, 3 fanno pagare salassi per false flat dati rivolte solo ai “business men”
    Confusi? ok mi spiego meglio…

    Ora… noi siamo la generazione del web (parlo di chi aveva 13, 14 anni negli anni 90), i primi a pretendere il modem per la dialup a casa… ed è normale volere ora internet in mobilità sui nostri cellulari (chi non aveva mai fantasticato una cosa del genere!) ma i telefonini sono arrivati per dare “il telefono” in mobilità… e questo già è stato come un miracolo per la generazione dei nostri genitori e nonni… “il telefono sempre con te!”… e forse a loro… basta così… e le compagnie telefoniche ci daranno l’UMTS dati flat tra 10 anni quando i nostri figli vorranno collegarsi alle rete WiMAXSorride

    Forse quindi le compagnie telefoniche non si sono fatte male i loro calcoli… Spero solo che cellulari come l’iPhone inizino a smuovere un po’ la situazione… e che le compagnie telefoniche capiscano che devono diventare “internet providers”.
    MeX
    16897
  • Evidentemente le compagnie telefoniche sono gestite da vecchi. Vecchi che hanno paura delle innovazioni, paura di perdere la poltrona. Allora remano contro a più non posso.
    Dobbiamo solo attendere, purtroppo, che madre natura faccia il suo corso.
    ruppolo
    33147
  • Sono d'accordo.

    Le compagnie telefoniche usano liberamente VoIP sulle connessioni per risparmiare banda e costi, e io invece me lo trovo bloccato perché qualcuno ha deciso per me che non posso risparmiare usandolo?!?

    Si chiama pure "mercato"? Chissenefrega: il mergato non è necessariamente un dio da adorare a tutti i costi. Basta smettere di comprare prodotti e servizi da chi prende certe decisioni, comunicandogli il perché si smette di farlo.

    Messaggio inequivocabile, forte e chiaro.
    non+autenticato
  • Dove sono tutti quelli che dicevano...

    "io sul mio Windows Mobile ci installo anche Caffetteria 2.0 per avere il cappuccio caldo al mattino altro che quell'affare blindato dell'iPhone...."

    Bene, bene... oggi salta fuori che Apple è in fin dei conti quella più permissiva, che cerca di venire incontro a tutti (utenti e sviluppatori) a dispetto della compagnie telefoniche che comunque hanno il coltello dalla parte del manico....

    Ben venga il sistema di rating per iPhone (la concorrenza non ha nulla del genere al momento) questo aprirà ancora di più il mercato con la possibilità di investire senza essere bloccati da una censura a volte male applicata.... solo a volte però:

    http://www.macitynet.it/macity/aA37892/nin_access_...

    ....il volume d'affari dell'App Store raddoppierà in pochi mesi.


    Apple è leader... gli altri seguono con circa 12 mesi di ritardo.

    E a Microsoft non ne va bene una....
    http://www.macitynet.it/macity/aA37880/pink_lo_sma...

    Fan LinuxFan Apple
    -----------------------------------------------------------
    Modificato dall' autore il 08 maggio 2009 00.32
    -----------------------------------------------------------
  • Non voglio alimentare flame.
    Dico solo che qua si sta perdendo di vista la realtà. Indipendentemente da MS o Apple o chicchessia.
    La realtà sarebbe che un SO dovrebbe solo gestire e far funzionare un determinato HW, non scegliere (a piacimento dei suoi progettisti) cosa può eseguire e che cosa no!!!

    Il problema non è chi blinda di più o chi blinda di meno. Il problema è chi blinda anche solo una virgola.

    Qualunque SW, scritto da qualunque programmatore secondo le specifiche del SO dovrebbe poterci girare!!! Non è che bisogna "chiedere il permesso".
    non+autenticato
  • - Scritto da: Ste
    > Non voglio alimentare flame.
    > Dico solo che qua si sta perdendo di vista la
    > realtà. Indipendentemente da MS o Apple o
    > chicchessia.
    > La realtà sarebbe che un SO dovrebbe solo gestire
    > e far funzionare un determinato HW, non scegliere
    > (a piacimento dei suoi progettisti) cosa può
    > eseguire e che cosa
    > no!!!
    >
    > Il problema non è chi blinda di più o chi blinda
    > di meno. Il problema è chi blinda anche solo una
    > virgola.
    >
    > Qualunque SW, scritto da qualunque programmatore
    > secondo le specifiche del SO dovrebbe poterci
    > girare!!! Non è che bisogna "chiedere il
    > permesso".


    Faccio un esempio...
    - se entri in un museo con una videocamera te la lasciano usare?

    - se vai in vacanza a Sharm el Sheik ti fanno portare a casa un pezzo ricordo della barriera corallina?

    - con il decoder di Sky i porno sono liberamente accessibili da tutti?

    - quanto sei contento se tuo figlio si abbona al servizio di SMS con la suoneria del pulcino ballerino e ti succhia 200 € in due giorni?


    Si chiama mercato e qualche regola ogni tanto ci sta anche bene, poi le compagnie telefoniche difendono il loro (purtroppo) mentre come "padre di famiglia" se regalo un telefono a mia figlia di 13 anni voglio sperare che non possa ritrovarsi materiale non adatto a lei senza doverla controllare tutti i giorni.

    Non siamo tutti uguali, non siamo tutti "geek" o "Grease monkey" tecnologici...

    Fan LinuxFan Apple
  • e mo che c'entra il porno e la bambina di 13 anni, i filtri non sono fatti per questo, e non credo che skype possa essere dannoso ad un bambina di 10 anni.
    Condivido quello che dice Ste, pienamente. Apple e Microsoft si stanno comportando come se comprassimo una fiat punto, ma in realta ti vendono solo la licenza d'uso di quella fiat punto, e se cambiando la trasmissione non ci metti quella originale, perdi la licenza e se un vigile ti becca pretendono il sequestro della macchina. Quando io compro una cosa, quella diventa mia e voglio farci quello che mi pare.
    Viva il Simbian e Android (quando diventerà maggiorenne, ora è un bambino) io ormai con 12 euro al mese telefono in tutto il mondo quanto mi pare, grazie a Fring (che sfrutta skype).
    Anche se il telefonino l'hanno tutti, la capacità di usarlo e la conoscienza delle sue potenzialità è ancora molto bassa. Ma basteranno ancora pochi anni, poi i consumatori capiranno, che i sistemi aperti (non parlo di open source, intendo sistemi informatici (HW e SW) dove puoi fare quelo che vuoi, cioè tutto quello che la tecnologia ti permette, senza impedimento dal costruttore o dal sistema oprativo) sono molto più scalabili, versatili, personalizzabili e sicuri di quelli chiusi come Apple e i futuri Microsoftfonini
    non+autenticato
  • - Scritto da: claudio
    > e mo che c'entra il porno e la bambina di 13
    > anni, i filtri non sono fatti per questo, e non
    > credo che skype possa essere dannoso ad un
    > bambina di 10
    > anni.

    Certo che lo è.

    > Condivido quello che dice Ste, pienamente. Apple
    > e Microsoft si stanno comportando come se
    > comprassimo una fiat punto, ma in realta ti
    > vendono solo la licenza d'uso di quella fiat
    > punto, e se

    "se".

    In fondo si critica sempre "la possibilità di", ovvero aria fritta.

    > cambiando la trasmissione non ci
    > metti quella originale, perdi la licenza e se un
    > vigile ti becca pretendono il sequestro della
    > macchina. Quando io compro una cosa, quella
    > diventa mia e voglio farci quello che mi pare.
    Nelle società moderne questo non è possibile, ovvero non puoi farci quello che vuoi. Con quasi niente di quello che compri o possiedi.

    Ma naturalmente esiste la savana, dove puoi fare esattamente quello che vuoi. E, pensa tu, l'accesso alla savana è libero. Prego...

    > Viva il Simbian e Android (quando diventerà
    > maggiorenne, ora è un bambino) io ormai con 12
    > euro al mese telefono in tutto il mondo quanto mi
    > pare, grazie a Fring (che sfrutta skype).
    Tu con Fring non fai un tubo, visto che Fring è un prodotto scadente, visto che la latenza delle reti mobili supera mediamente di 5 volte il limite massimo di latenza stabilito per avere un comunicazione VoIP soddisfacente. Spesso neppure con le ADSL si riesce ad avere una comunicazione soddisfacente, figurati tu.

    > Anche se il telefonino l'hanno tutti, la capacità
    > di usarlo e la conoscienza delle sue potenzialità
    > è ancora molto bassa.
    Come anche la conoscenza (senza la i) della lingua italiana, più importante.


    > Ma basteranno ancora pochi
    > anni, poi i consumatori capiranno, che i sistemi
    > aperti (non parlo di open source, intendo sistemi
    > informatici (HW e SW) dove puoi fare quelo che
    > vuoi, cioè tutto quello che la tecnologia ti
    > permette, senza impedimento dal costruttore o dal
    > sistema oprativo) sono molto più scalabili,
    > versatili, personalizzabili e sicuri di quelli
    > chiusi come Apple e i futuri
    > Microsoftfonini

    Parole al vento.
    Vuoi vedere qualcosa di concreto?
    Ecco:
    http://www.macitynet.it/macity/aA37894/da_oggi_app...

    Questo è esattamente il contrario di quello che succede nel mondo del personal computer, specialmente nel mondo Microsoft, dove l'argomento del giorno è il VirtualPC che serve per far funzionare i vecchi programmi per XP che non girano né su Vista né su Seven, e che non sarà disponibile per le versioni Home (della serie, attaccatevi al tram).

    Tu grida pure "viva Symbian" (con la "y"), ma tu ti attaccherai al tram ogni volta che Symbian si aggiorna, io invece mi troverò il parco software di 40 mila applicazioni aggiornato ogni volta che uscirà una major release del sistema operativo iPhone.
    Auguri.
    ruppolo
    33147
  • - Scritto da: ruppolo
    > - Scritto da: claudio
    > > e mo che c'entra il porno e la bambina di 13
    > > anni, i filtri non sono fatti per questo, e non
    > > credo che skype possa essere dannoso ad un
    > > bambina di 10
    > > anni.
    >
    > Certo che lo è.

    risposta a completamente a caso.. in che modo dovrebbe esserlo?

    >
    > > Condivido quello che dice Ste, pienamente. Apple
    > > e Microsoft si stanno comportando come se
    > > comprassimo una fiat punto, ma in realta ti
    > > vendono solo la licenza d'uso di quella fiat
    > > punto, e se
    >
    > "se".
    >
    > In fondo si critica sempre "la possibilità di",
    > ovvero aria
    > fritta.

    altra risposta completamente a caso.. cosa vuol dire? ovvio che puoi non cambiare niente ma volendo farlo?

    >
    > > cambiando la trasmissione non ci
    > > metti quella originale, perdi la licenza e se un
    > > vigile ti becca pretendono il sequestro della
    > > macchina. Quando io compro una cosa, quella
    > > diventa mia e voglio farci quello che mi pare.
    > Nelle società moderne questo non è possibile,
    > ovvero non puoi farci quello che vuoi. Con quasi
    > niente di quello che compri o
    > possiedi.
    >
    > Ma naturalmente esiste la savana, dove puoi fare
    > esattamente quello che vuoi. E, pensa tu,
    > l'accesso alla savana è libero.
    > Prego...
    >

    terza risposta a caso... con praticamente tutto quello che possiedo posso farci quello che voglio: se voglio pulirmi il culo con le lenzuola posso farlo, come posso usare il telefono come schiaccianoci

    > > Viva il Simbian e Android (quando diventerà
    > > maggiorenne, ora è un bambino) io ormai con 12
    > > euro al mese telefono in tutto il mondo quanto
    > mi
    > > pare, grazie a Fring (che sfrutta skype).
    > Tu con Fring non fai un tubo, visto che Fring è
    > un prodotto scadente, visto che la latenza delle
    > reti mobili supera mediamente di 5 volte il
    > limite massimo di latenza stabilito per avere un
    > comunicazione VoIP soddisfacente. Spesso neppure
    > con le ADSL si riesce ad avere una comunicazione
    > soddisfacente, figurati
    > tu.

    e tu cosa ne sai di cosa fa LUI con Fring?

    > > Anche se il telefonino l'hanno tutti, la
    > capacità
    > > di usarlo e la conoscienza delle sue
    > potenzialità
    > > è ancora molto bassa.
    > Come anche la conoscenza (senza la i) della
    > lingua italiana, più
    > importante.
    >
    >
    > > Ma basteranno ancora pochi
    > > anni, poi i consumatori capiranno, che i sistemi
    > > aperti (non parlo di open source, intendo
    > sistemi
    > > informatici (HW e SW) dove puoi fare quelo che
    > > vuoi, cioè tutto quello che la tecnologia ti
    > > permette, senza impedimento dal costruttore o
    > dal
    > > sistema oprativo) sono molto più scalabili,
    > > versatili, personalizzabili e sicuri di quelli
    > > chiusi come Apple e i futuri
    > > Microsoftfonini
    >
    > Parole al vento.
    > Vuoi vedere qualcosa di concreto?
    > Ecco:
    > http://www.macitynet.it/macity/aA37894/da_oggi_app
    >
    > Questo è esattamente il contrario di quello che
    > succede nel mondo del personal computer,
    > specialmente nel mondo Microsoft, dove
    > l'argomento del giorno è il VirtualPC che serve
    > per far funzionare i vecchi programmi per XP che
    > non girano né su Vista né su Seven, e che non
    > sarà disponibile per le versioni Home (della
    > serie, attaccatevi al
    > tram).
    >
    > Tu grida pure "viva Symbian" (con la "y"), ma tu
    > ti attaccherai al tram ogni volta che Symbian si
    > aggiorna, io invece mi troverò il parco software
    > di 40 mila applicazioni aggiornato ogni volta che
    > uscirà una major release del sistema operativo
    > iPhone.
    > Auguri.

    guarda che sul tuo link non c'è scritto che magicamente le applicazioni si aggiornano da solo per la nuova release del SO, ma che se le applicazioni non sono compatibili con le beta non verranno approvate

    sulle app per symbian trovi anche la versione del SO con cui sono compatibili

    ma forse per qualcuno è "troppo difficile"...
    non+autenticato
  • Intervento abbastanza a caso il tuo!
    non+autenticato
  • - Scritto da: p4bl0
    > risposta a completamente a caso.. in che modo
    > dovrebbe
    > esserlo?
    Se la tua mente è limitata non è colpa mia.

    > altra risposta completamente a caso.. cosa vuol
    > dire? ovvio che puoi non cambiare niente ma
    > volendo
    > farlo?
    Quando vai all'assicurazione chiedi se ti assicurano da uno che ti striscia la macchina con la chiave o da un pezzo di astronave che ti potrebbe cadere sul cofano?

    > terza risposta a caso... con praticamente tutto
    > quello che possiedo posso farci quello che
    > voglio: se voglio pulirmi il culo con le lenzuola
    > posso farlo, come posso usare il telefono come
    > schiaccianoci
    Se la tua mente è limitata, non è colpa mia.

    > e tu cosa ne sai di cosa fa LUI con Fring?
    Vediamo.... la frittata? O magari un innesto su un albero di pere?

    > guarda che sul tuo link non c'è scritto che
    > magicamente le applicazioni si aggiornano da solo
    > per la nuova release del SO, ma che se le
    > applicazioni non sono compatibili con le beta non
    > verranno
    > approvate

    - Eeeeee.... -

    Che quelle presenti non compatibili verranno tolte.

    A me utente non frega una cippa se il giorno che aggiornerò il mio iPhone troverò solo applicazioni compatibili a causa di una magia o perché qualcuno con l'intelligenza meno limitata della tua ha predisposto lo store in modo che tutto sia a posto. L'importante e che IO UTENTE, IO CLIENTE, NON ABBIA FASTIDI, che l'esperienza iPhone sia per me sempre di perfetto godimento di quello che ho pagato.

    Un po' come quando ti fai servire al ristorante, di ciò che accade in cucina non te ne deve fregare una cippa. Tu ogni volta che vai vuoi e pretendi di avere sempre il servizio che ti aspetti, anche se la cucina è stata upgradata con il nuovo forno o il nuovo cuoco.
    Concetti a cui un utente Microsoft, preso per culo da una vita, non è abituato.

    > sulle app per symbian trovi anche la versione del
    > SO con cui sono
    > compatibili

    Come dire che nel menù del ristorante trovi anche l'elenco dei piatti freschi, oltre a quelli marci.

    >
    > ma forse per qualcuno è "troppo difficile"...

    Senza dubbio.
    ruppolo
    33147
  • - Scritto da: FinalCut
    > Faccio un esempio...
    > - se entri in un museo con una videocamera te la
    > lasciano
    > usare?

    Credo di no (e sono contrario), ma non c'entra.

    > - se vai in vacanza a Sharm el Sheik ti fanno
    > portare a casa un pezzo ricordo della barriera
    > corallina?

    Anche questo non c'entra. L'illegalita' deriva dal fatto che e' patrimonio naturale sotto protezione, e dato che siamo in tanti, rompi oggi rompi domani alla fine e' un disastro ecologico.

    > - con il decoder di Sky i porno sono liberamente
    > accessibili da
    > tutti?

    Se paghi si'. Paghi per il servizio e ottieni il servizio.

    > - quanto sei contento se tuo figlio si abbona al
    > servizio di SMS con la suoneria del pulcino
    > ballerino e ti succhia 200 € in due
    > giorni?

    Basta dire al caro figlio : io ti do' 10 euro la settimana e stop, poi arrangiati tu.

    > Si chiama mercato e qualche regola ogni tanto ci
    > sta anche bene, poi le compagnie telefoniche
    > difendono il loro (purtroppo) mentre come "padre
    > di famiglia" se regalo un telefono a mia figlia
    > di 13 anni voglio sperare che non possa
    > ritrovarsi materiale non adatto a lei senza
    > doverla controllare tutti i
    > giorni.

    Se non ti fidi di tuo figlio, non gli metti in mano certi prodotti. Se permetti, non vedo perche' a me debba essere impedito fare qualcosa solo perche' tu non sei in grado di educare tuo figlio in modo responsabile.

    Nel caso del VoIP, la questione non si chiama mercato. Si chiama "instaurazione di un mercato artificiale e difesa della propria roccaforte di business pretendendo lock-in da parte dei produttori di hardware, in modo che le nuove tecnologie non emergano e ci rendano quello che siamo: obsoleti".

    In altri termini si chiama: "presa per il culo del consumatore (cliente)".
    non+autenticato
  • - Scritto da: misto
    Stavo per scrivere le stesse cose, mi limito a quotare tutt o
    Funz
    12980
  • - Scritto da: Funz
    > - Scritto da: misto
    > Stavo per scrivere le stesse cose, mi limito a
    > quotare tutt
    > o

    Peccato che poi nel post di sotto dai la colpa a Google, Apple e MS che non ti lasciano usare la banda come pare a te.
    non+autenticato