Giorgio Pontico

Per un dollaro, un tweet

Dopo i blogger prezzolati arrivano i fringuelli sposorizzati

Roma - Un cinguettio al giorno può soddisfare le necessità comunicative degli utenti e allo stesso tempo gonfiarne i portafogli, nel caso si tratti di tweet sponsorizzati. Ancora una volta l'idea è stata proposta da Izea, azienda che aveva già lanciato i blogger cottimisti e che promette ora un dollaro per ogni carattere digitato sul proprio account Twitter.

Gli utenti che decidano di dedicare anima e borsello agli inserzionisti possono creare un proprio account su un sito gestito da Izea: una volta assoldati possono unirsi al concerto misto di cinguettii, monete tintinnanti e registratori di cassa.

Fondamentali in questo frangente sono il numero di follower e l'anzianità dell'account: gli inserzionisti sarebbero intenzionati a selezionare i propri collaboratori in base alla popolarità e all'appeal del microblogger.
Resta da vedere come si articolerà l'eventuale reazione degli amministratori di Twitter, che proprio in questi giorni hanno arginato la diffusione di link a siti portatori di malware per evitare che il social network diventasse un vettore per le infezioni hi-tech.

Giorgio Pontico
Notizie collegate
1 Commenti alla Notizia Per un dollaro, un tweet
Ordina