Alfonso Maruccia

La legge di Moore è viva e lotta insieme a noi

L'assunto del fondatore di Intel rivive nell'integrazione di ogni tipo di funzione nel cuore della CPU. I system-on-chip terranno in piedi per qualche anno le previsioni di crescita della potenza di calcolo

Roma - La legge di Moore è spacciata, annichilita, anzi no sta benissimo, o magari si prepara persino a essere superata da standard produttivi ancora più spinti e performanti. Ma in sostanza come sta questa benedetta legge di Moore, ha ancora un senso dare per scontato il raddoppio dei transistori in un chip (e quindi delle prestazioni dei microchip intelligenti) ogni 18 mesi nonostante la miniaturizzazione selvaggia e la complessità dei moderni pezzetti di silicio realizzati da Intel e compagnia?

"Contrariamente a quanto sostengono le speculazioni" risponde il vicepresidente di Intel Steve Smith in un'intervista, "noi siamo qui per dimostrare che la legge di Moore è viva e vegeta" e non è affetta da alcun rallentamento o prodromi di morte certa. Anticipando alcuni dei contenuti che verranno trattati nel corso del prossimo Intel Developer Forum di San Francisco, Smith dice che il segreto della lunga vita della celebre massima di Gordon Moore ora sta nell'integrazione delle tecnologie fondamentali nello stesso corpo di silicio.

"L'integrazione permette di avere piattaforme di computing mobile più piccole, migliori e più veloci" dice Smith, che vede nella fusione di elementi tenuti tradizionalmente separati nelle architetture di computing di classe x86 (standard che secondo alcuni sarebbe già dovuto soccombere parecchi anni or sono) la possibilità di continuare a incamerare potenza, ridurre lo spazio occupato e l'energia consumata offrendo nel contempo quel miglioramento prestazionale netto e progressivo che il mercato dà attualmente per scontato.
La tecnologia nota con il nome in codice di Nehalem, integrata nei chip commerciali Core i5 e i7, ha fatto intravedere parte di questo futuro di integrazione portando all'estinzione del northbridge sulla motherboard (uno dei due chip che formava l'architettura integrata presente) e spostando direttamente nel die del processore il canale di interconnessione con la memoria di sistema (ora noto come Quick Path Interconnect or QPI). Clarksfield, l'equivalente dei suddetti chip Core ("Lynnfield") per sistemi portatili, andrà ancora più in là integrando anche il canale di controllo del bus PCI Express e della gestione dell'energia.

È questo il percorso scelto da Intel per suoi nuovi sistemi di computing, conferma Smith, sistemi che nel breve-medio periodo includeranno Pine Trail, la next-generation di processori Atom per netbook con integrato il chip grafico, e soprattutto la nuova tecnologia produttiva a 32 nanometri nota come Westmere. A quel punto (cioè nell'ultimo quarto del 2010, stando alla roadmap del chipmaker) nei sistemi mobile si potrà cominciare a parlare di design realmente di tipo system-on-chip (SOC), perché un solo processore si occuperà sia dei calcoli che della gestione delle varie necessità di I/O del sistema senza il bisogno di delegare il compito ad altre componenti sulla motherboard.

Alfonso Maruccia
Notizie collegate
  • AttualitàLa legge di Moore è spacciata?Secondo un ricercatore IBM sarebbe davvero giunta la sua ora. Il motivo risiederebbe nel rallentamento produttivo dell'intero settore
  • TecnologiaCinque anni e la legge di Moore sarà storiaIl founder di SanDisk non ha dubbi: tempo un lustro e la celebre massima del co-fondatore di Intel non potrà più essere applicata al mercato dei semiconduttori. Cosa c'è oltre Moore? Tante incognite e chip tridimensionali
  • TecnologiaChip, Intel prepara l'avvento dei 22nmQuasi completata la messa a punto di una nuova tecnologia di stampa dei circuiti elettronici, l'Extreme Ultraviolet Lithography, che permetterà di costruire chip a 22nm e raddoppiare l'attuale numero di transistor
  • TecnologiaMoore salvato dal plasmoneNon è un biscotto e neppure un biscottone. È semplicemente un nuovo modo di fotolitografare il silicio. Permetterà di arrivare a dimensioni infinitesimali e di tenere in vita ancora per qualche anno i microprocessori attuali
  • TecnologiaProssimamente, oltre la Legge di MooreL'asserto del cofondatore di Intel non va in pensione. Forse era una previsione persino pessimistica. Nei laboratori scalpitano innovazioni e scoperte che fanno impallidire la tecnologia odierna dei semiconduttori
9 Commenti alla Notizia La legge di Moore è viva e lotta insieme a noi
Ordina
  • a parte la solita menata della legge che tale non E', sarebbe ora che qualcuno si decidesse (AMD?) a fare un MONOCHIP vero, cioe' cpu+nordB+southB+piu' tutto il rerto che serve. D'accordo, il sistema sarebbe "rigido" ma sopratutto nei sistemi portatili o desktop a basso costo, ci si ridurebbe ad avere MONOCHIP+Memoria ed il portatile e' bello che pronto. Meno consumi, ingombri, etc. Mi ciedo cosa aspettino....
    non+autenticato
  • Molti dispositivi embedded (cellulari, console da gioco, palmari) basati su ARM hanno già questa architettura: monochip (SoC) + memoria e poco altro...
    non+autenticato
  • "sta" si scrive senza accento... ma un esamino di italiano ve lo fanno o vi assumono "as is" ? X>
    non+autenticato
  • La tecnologia nota con il nome in codice di Nehalem, integrata nei chip commerciali Core i5 e i7, ha fatto intravedere parte di questo futuro di integrazione portando all'estinzione del northbridge sulla motherboard (uno dei due chip che formava l'architettura integrata presente) e spostando direttamente nel die del processore il canale di interconnessione con la memoria di sistema (ora noto come Quick Path Interconnect or QPI).

    Ha fatto intravedere parte di questo futuro di integrazione ???

    Vorrei far notare che AMD ha introdotto queste tecnologie gia' a partire dal 2003 con il lancio della prima CPU Opteron basata sull'architettura SledgeHammer, primo esempio di CPU AMD64 con controller di memoria integrato e bus HyperTransport (l'insieme di tecnologie note anche come DCA, Direct Connect Architecture).

    Ah gia', quando lo faceva solo AMD mentre Intel restava legata a northbridge e FSB Intel diceva che era una caxxata perfettamente inutile e deleteria (come x86-64 del resto)...
    non+autenticato
  • Vorrei far notare che AMD ha acquisito tali tecnologie da Digital: il processore Alpha le implementava gia' negli anni novanta ...
    non+autenticato
  • 1) "come stà questa benedetta legge di Moore" - semmai "come sta questa benedetta legge di Moore";
    2) "che il mercato da attualmente per scontato" - semmai "che il mercato dà attualmente per scontato";
    3) "cioè nel quarto quarto del 2010" - cacofonico, meglio "cioè nell'ultimo quarto del 2010".
    Ma, ragazzi, in redazione non c'è nessuno che legga le bozze degli articoli???

    Burroughs.
    non+autenticato
  • In effetti li rileggiamo.

    E hai perfettamente ragione, ci sono un po' di errori: ma li sistemiamo subito, grazie mille per la segnalazione.

    Le nostre scuse, qualche volta capita...Occhiolino

    L
  • Allora, se proprio vogliamo guardare il pelo nell'uovo, sarebbe più corretto "nel quarto trimestre del 2010"; "quarto" è un anglicismo inutile.
  • Intel ha già una sua roadmap che prevede la validità della legge di Moore fino al 2020, anno nel quale dovrebbe raggiungere il processo di produzione a 2 nanometri, entrando di fatto nel regno dei nanodispositivi.

    Come è possibile? Molti dei passi che porteranno il colosso amricano a questa scala produttiva sono già in studio oggi, solo nel corso dell'ultimo anno abbiamo visto la nascita dei laser nanometrici, indispensabili per sostituire gli elettroni troppo "grandi" per operare a 2nm, nonchè la sperimentazione dei chipset in grafene, che dovrebbe sostituire il silicio. Nuovi metodi di stampa litografia sono già in via di sperimentazione avanzata, quindi le previsioni di Intel sono ragionevolmente credibili. D'altraparte chi meglio di loro...
    non+autenticato