Mauro Vecchio

Square Enix, l'incursione

Una nuova offensiva ha colpito tre siti controllati dalla software house nipponica. Trafugati i dati personali di 80mila utenti, compresi forse 9mila curricula inviati alla divisione canadese. Opera della fazione uscente da Anonymous?

Roma - Una nuova cyberoffensiva, condotta da un gruppo di ignoti contro alcuni siti gestiti dalla software house giapponese Square Enix, ormai nota al grande pubblico per aver sviluppato serie videoludiche di successo come Final Fantasy e Tomb Rider. Un attacco frontale che ha ancora una volta scatenato il panico generale, dopo la gigantesca fuga di dati di PlayStation Network (PSN).

Lo stesso game developer nipponico ha diramato un tempestivo comunicato, nella speranza di rassicurare gli animi più allarmati. Un gruppo di malintenzionati sarebbe riuscito a far breccia in tre specifici spazi web gestiti da Square Enix, arraffando le informazioni personali di circa 80mila giocatori in tutto il mondo. Secondo il comunicato diramato da Square Enix, sarebbero 25mila gli indirizzi di posta elettronica finiti nelle loro mani.

Nel mirino dei cracker è così finito il sito canadese Eidosmontreal.com, da cui sono fuggiti circa 350 curriculum vitae appartenenti ad aspiranti dipendenti della divisione nordamericana di Square Enix. Il colosso del Sol Levante ha tuttavia sottolineato come Eidosmontreal.com non contenesse informazioni relative a carte di credito degli utenti. Gli indirizzi di posta elettronica non sarebbero poi collegati ad alcuna informazione personale ulteriore.
I vertici di Square Enix hanno subito deciso di mettere offline il sito, insieme a quello ufficiale del gioco Deus Ex: Human Revolution. Proprio su quest'ultimo era apparsa in homepage la scritta owned by chippy1337, seguita da alcuni nomi in codice. Tra questi ci sarebbe un ragazzino britannico legato al collettivo di cyberdissidenti Anonymous. Il gruppo avrebbe intenzione di condividere i dati rubati su alcune reti di file sharing.

Nel frattempo, la società nipponica ha negato qualsiasi sfruttamento illecito delle informazioni trafugate. L'esperto in sicurezza informatica Brian Krebs ha parlato di circa 9mila CV scaricati dal gruppo, appunto guidato da quel Ryan che aveva preso il controllo dei siti anonops.net e anonops.ru, mandando offline i server IRC di Anonymous. Che l'attacco a Square Enix sia la prima dimostrazione di forza dei dissidenti del celebre collettivo?

Mauro Vecchio
Notizie collegate
  • AttualitàSony, ripartenza gradualeRitornano online PSN e Qriocity anche se con qualche problema di congestione, e paese per paese. Mentre si delinea il "pacchetto di bentornato" offerto da Sony
  • AttualitàSony: tutta colpa di AnonymousDisertata l'audizione al Congresso, arrivano le accuse al gruppo di hacktivisti. Continua la linea dura dell'azienda, che si scontra con l'irritazione dei Rappresentanti e le critiche degli addetti ai lavori
  • AttualitàAnonymous, l'ora della guerra lampoIl collettivo di cyberattivisti ha sferrato un attacco ai siti delle organizzazioni neonaziste. Portatori di odio, si legge nel comunicato. E un'altra operazione arriva in favore dei dissidenti iraniani
2 Commenti alla Notizia Square Enix, l'incursione
Ordina
  • Sono un operatore di anonops.ru, volevo solo dire che tutto quello che si sta dicendo riguardo a questa storia è ridicolo....
    Da quando i media su internet hanno iniziato a guadagnare bei soldoni, utilizzano i nomi più diffusi per attirare l'attenzione del momento, è facilissimo avere moltissimi lettori semplicemente associando il nome anonymous a qualsiasi cosa. L'alone di mistero che ci circonda attira la curiosità di tutti e sopratutto quando si parla di hacker...... Vi ricordiamo che noi non siamo tutti hacker, solo una piccolissima parte è composta da hacktivist, il resto è solo gente comunissima che ha solo voglia di neutralità e meno censura in rete! Anonymous è un'idea.... Non è un nome di una crew!!!

    E con questo non voglio dire che questo giornale fa parte di quella cricca..... Spero che ci sia più chiarezza in futuro riguardo al nostro operato.

    Saluti da #opitalyOcchiolino
    non+autenticato