Alfonso Maruccia

Oracle: niente più Java per Linux

L'azienda annuncia la terminaziona della licenza JDK introdotta da Sun per distribuire il codice Java direttamente all'interno delle distro Linux. Ma è per il bene di OpenJDK

Roma - Oracle ha annunciato il ritiro della licenza "Operating System Distributor License for Java" (DLJ), sin qui usata per distribuire il codice proprietario Java ufficiale (JDK) all'interno delle distro Linux a codice aperto. I dipendenti Oracle spiegano che l'operazione si è resa necessaria per la sopraggiunta maturità di OpenJDK, l'implementazione open source delle specifiche Java gestita dalla community.

Inizialmente ideata da Sun per la distribuzione open source di Java alla conferenza Java One del 2006, la licenza DLJ aveva il compito fondamentale di fornire l'accesso alle specifiche testate e "garantite" di JDK durante lo sviluppo dell'alternativa FOSS OpenJDK.

Cinque anni più tardi, il progetto Java è nelle non proprio apertissime mani di Oracle e OpenJDK è finalmente arrivato a maturazione: in queste condizioni la licenza DLJ ha sostanzialmente esaurito la sua funzione - ponte per la crescita del progetto FOSS - spiega Oracle, tanto che OpenJDK 7 è attualmente la base della settima release ufficiale delle specifiche JDK.
Oracle anticipa la comparsa di eventuali problemi e incongruenze per quelle distro che dipendono in maniera diretta dai file binari ufficiali di Java, chiedendo però agli utenti di trascurare totalmente il problema e di fornire piuttosto feedback sull'integrazione dei pacchetti OpenJDK. L'alternativa, vale a dire l'utilizzo di JDK 6 o 7, è sempre disponibile per il download sul sito di Oracle sotto licenza "Oracle Binary licence".

Alfonso Maruccia
Notizie collegate
  • BusinessJava, uno statuto per OpenJDKOracle e IBM pubblicano quella che dovrebbe essere la nuova "carta fondativa" della rinnovata collaborazione tra i due colossi del software. In gioco c'è il destino del codice sorgente di Java.
  • SicurezzaJava, Oracle dispensa patch e dubbiNuovi update di sicurezza per la virtual machine sviluppata da Sun. Ma il suo attuale proprietario si ritrova le sue gatte da pelare con la community, accusato di gestire "a porte chiuse" il linguaggio
  • TecnologiaJava SE 7, il primo figlio di mamma OracleLa società di Larry Ellison ha annunciato la disponibilità di una nuova major release per la popolare virtual machine Java, la prima della nuova gestione. Promessi numerosi miglioramenti, ma già affiorano i primi bug
111 Commenti alla Notizia Oracle: niente più Java per Linux
Ordina
  • Azzardare la sparata che Oracle è SOLO (con tanto di maiuscolo) un patent troll ignorando il fatto che fattura 7 miliardi di dollari l'anno e dire che la terra è quadrata è la stessa cosa.

    Dire che è patent trollo (quindi non ha mai fatto nulla) e che non ha neanche un programmatore, dimenticando che ha realizzato uno dei migliori e più venduti database server è come dire che la ferrari non monta alcun motore.

    Forse l'informatica non è il tuo campo, ti vedrei bene a fare gli oroscopi
    non+autenticato
  • Banalmente OracleJDK sarà inserito di default solo sul loro Unbreakable Linux. Un dispetto a RedHat.
    non+autenticato
  • Siccome non mi fido molto di Oracle ho qualche dubbio rispetto al classpath exception di OpenJDK. In sostanza OpenJDK è rilasciato sotto licenza GPL2 (notare ovviamente 2 e non 3), con una eccezione sulle librerie :

    http://openjdk.java.net/legal/gplv2+ce.html

    Ciò se ho capito bene, dà facoltà a Oracle di introdurre in OpenJDK, pezzi di libreria con licenza non OPEN. Il prodotto finito del codice è comunque utilizzabile in GPL (e solo in GPL, quindi col rilascio di sorgenti) , ma OpenJDK può essere soggetto a varie forme di chiusura.

    Quindi abbiamo un prodotto che non consente lo sfruttamente commerciale in quanto GPL (non LGPL) ed inoltre può essere soggetto a qualsiasi forma di lucchetto o brevetto che ne impedisce l'utilizzo e l'integrazione.

    Se poi disallineano le versioni e impediscono ad altri di validare la propria macchina (caso Apache), OpenJDK sarà ridotto ad un prodotto non integrabile, non compatibile e non sfruttabile commercialmente.

    In soldoni, io ora uso Netbeans per sviluppare in Java su piattaforma Linux con OpenJDK, in futuro dovrò usare per forza la versione ORACLE, blindata da loro come in tempi passati, perché quella open non andrà più.

    Non mi sembra un gran risultato ... o sbaglio ?

    Voi che ne pensate ?
    non+autenticato
  • - Scritto da: Bad Sapper
    > Quindi abbiamo un prodotto che non consente lo
    > sfruttamente commerciale in quanto GPL (non LGPL)
    > ed inoltre può essere soggetto a qualsiasi forma
    > di lucchetto o brevetto che ne impedisce
    > l'utilizzo e
    > l'integrazione.

    Cosa intendi con "sfruttamento commerciale"?
    Cosa impedirebbe di fare la GPL con OpenJDK? Newbie, inesperto
    non+autenticato
  • > Cosa intendi con "sfruttamento commerciale"?
    > Cosa impedirebbe di fare la GPL con OpenJDK?

    Mi spiego meglio.

    Quando scrivi software usi pezzi di libreria di sistema. Se il mondo ragionasse in GPL tu dovresti rilasciare il prodotto sviluppato da te usando per esempio il compilatore GCC per forza come GPL con i sorgenti.

    Così però non è e non è perché le librerie e le parti riutilizzabile nel codice sono in LGPL e non in GPL, la "L" iniziale dice che puoi usare queste librerie nei tuoi prodotti senza necessariamente rilasciarli in GPL.

    Molte librerie di OpenJDK sono commerciali sotto controllo Oracle e quindi Oracle può fare il bello e il cattivo tempo e decidere il livello di compatibilità di OpenJDK con l'implementazione proprietaria.

    Se disallineano le versioni, il software prodotto con OpenJDK potrebbe ma non è certo continuare a funzionare sulle versioni commerciali di Java, mentre il software prodotto con le nuove versioni di Java avrà come loro stesso ammettono, dei problemi a funzionare su openjdk.

    Ciò non toglie che con OpenJDK potrai fare software GPL ma se questo non funzionerà sulla versione nuova della controparte commerciale sarà un casino di dimensioni colossali.
    non+autenticato
  • > licenza non OPEN ...

    sorry, intendevo non FREE.
    non+autenticato
  • la cosa delle alcune parti che possono essere licenziate in modo diverso mi è rimasta oscura ma alla fine del tuo link dice:

    As a special exception, the copyright holders of this library give you
    permission to link this library with independent modules to produce an
    executable, regardless of the license terms of these independent modules,
    and to copy and distribute the resulting executable under terms of your
    choice, provided that you also meet, for each linked independent module,
    the terms and conditions of the license of that module.

    cioè se ti sviluppi il tuo sw non è che devi poi distribuirlo GPL
  • - Scritto da: p4bl0
    > la cosa delle alcune parti che possono essere
    > licenziate in modo diverso mi è rimasta oscura ma
    > alla fine del tuo link
    > dice:
    >
    > As a special exception, the copyright holders of
    > this library give
    > you
    > permission to link this library with independent
    > modules to produce
    > an
    > executable, regardless of the license terms of
    > these independent
    > modules,
    > and to copy and distribute the resulting
    > executable under terms of
    > your
    > choice, provided that you also meet, for each
    > linked independent
    > module,
    > the terms and conditions of the license of that
    > module.
    >
    > cioè se ti sviluppi il tuo sw non è che devi poi
    > distribuirlo
    > GPL

    L'ho letto è per questo che ho sollevato il problema.

    Pezzi di codice GPL (non LGPL) non dovrebbero essere includibili in software closed per motivi di licenza e pazienza ... significa che la gente userà il JDK e poi eventualmente la versione commerciale per il software commerciale.

    Il problema è ... cosa succede se Oracle aggiorna le librerie e non aggiorna in OpenJDK ? Se la licenza fosse GPL, qualcuno modificherebbe OpenJDK per adattarlo e sarebbe come prima, ma tu puoi USARE queste librerie come ti pare ma NON MODIFICARLE .. insomma mi sembrava potessero sorgere problemi.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Bad Sapper
    > >
    > > cioè se ti sviluppi il tuo sw non è che devi
    > poi
    > > distribuirlo
    > > GPL
    >
    > L'ho letto è per questo che ho sollevato il
    > problema.
    >
    > Pezzi di codice GPL (non LGPL) non dovrebbero
    > essere includibili in software closed per motivi
    > di licenza e pazienza ... significa che la gente
    > userà il JDK e poi eventualmente la versione
    > commerciale per il software
    > commerciale.
    >
    > Il problema è ... cosa succede se Oracle aggiorna
    > le librerie e non aggiorna in OpenJDK ? Se la
    > licenza fosse GPL, qualcuno modificherebbe
    > OpenJDK per adattarlo e sarebbe come prima, ma tu
    > puoi USARE queste librerie come ti pare ma NON
    > MODIFICARLE .. insomma mi sembrava potessero
    > sorgere
    > problemi.

    veramente non usando java al momento non ci ho pensato minimamente, ma da sviluppatore non andrei a farmi troppe seghe mentali...
  • si levano dai piedi sti Javisti (o javari?) dei miei stivali!

    Ora il mondo è definitivamente ed irreversibilmente in mano a .NET Framework, di Microsoft Corporation, l'azienda leader dell'informatica, quella che più ha saputo innovare negli ultimi 30 anni il mondo del computer!

    Winari del mondo unitevi e brindate a questo lieto giorno! Offro io!!!

    Concludo questa profonda riflessione ponendo un accento sulla sicurezza dei prodotti Microsoft e sull'aspetto rivoluzionario dell'imminente Microsoft Windows 8: il sistema per creativi, anni luce più avanti dell'ormai obsoleto Windows 7! Non perdetelo!

    Parola di Winaro!Occhiolino
    non+autenticato
  • - Scritto da: Winaro

    > Winari del mondo unitevi e brindate a questo
    > lieto giorno! Offro
    > io!!!

    > Parola di Winaro!Occhiolino
    In definitiva dov'è che posso andare a bere e segnare a nome tuo?
    non+autenticato
  • - Scritto da: Winaro

    > Winari del mondo unitevi e brindate a questo
    > lieto giorno! Offro
    > io!!!

    Nooooo! Per carità! Non dire così, che poi si presenta Ballmer.
    jaro
    321
  • Un altro big che abbandona la loro piattaforma incapace di farsi strada in ambito desktop A bocca aperta
  • ok che sei un troll ma mi hai fatto notare che effettivamente i big stanno iniziando a prepararsi a mollare la piattaforma desktop per come la conosciamo... e in tutte le altre linux la fa da padrone...A bocca aperta
    non+autenticato
  • hahahahaha bellissima questa

    in pratica hai usato le sue stesse parole per fracassargli i dentiA bocca aperta
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
1 | 2 | 3 | 4 | Successiva
(pagina 1/4 - 17 discussioni)