Alfonso Maruccia

Israele e Arabia Saudita, venti di cyber-guerra

Hacker israeliani e arabi si danno battaglia a suon di carte di credito rubate. Israele risponde piccata parlando di cyber-rappresaglia, mentre l'Arabia Saudita getta acqua sul fuoco

Roma - È vera e propria "cyber-crisi" tra Israele e Arabia Saudita, e la colpa è di un saudita noto come "OxOmar" apparentemente colpevole di aver rubato decine di migliaia di carte di credito (e relative credenziali) appartenenti ad altrettanti cittadini israeliani. Le autorità di Gerusalemme hanno tutta l'intenzione di non far passare sotto silenzio l'accaduto, anzi di combattere gli attacchi con vere e proprie "rappresaglie digitali".

OxOmar si è autodescritto come un teenager abitante a Riyad, ben capace di penetrare istituti bancari e altri server israeliani oltre a nascondersi dai tentativi di identificazione. Tentativi che ci sono stati e che hanno portato a tracciare la posizione dell'hacker saudita in Messico, fatto però smentito da OxOmar come erroneo e lontano dalla realtà fattuale.

Dopo l'attacco dello smanettone saudita, hacker israeliani sono partiti alla controffensiva rubando 1.000 carte di credito da diversi siti di e-commerce arabi. In tutta risposta, gli istituti bancari di Riyad hanno provato a raffreddare la faccenda parlando di numeri di carta errati e di danni a bassa potenzialità rispetto al volume di affari complessivo movimentato con le carte di credito nel paese.
A voler proseguire sul terreno dello scontro è però Israele, che minaccia di usare le sue "capacità attive di attacco contro coloro che provano a danneggiarlo, e nessuna agenzia o hacker sarà immune dalla nostra azione di rappresaglia". Minaccia da prendere sul serio, considerando il cyber-attivismo dei netizen israeliani e i sospetti di coinvolgimento nell'affare Stuxnet.

Alfonso Maruccia
Notizie collegate
1 Commenti alla Notizia Israele e Arabia Saudita, venti di cyber-guerra
Ordina