Marco Calamari

Lampi di Cassandra/ Googleshades e la iperrealtà

di M. Calamari - Occhiali a realtà aumentata: se la passività della tv basta a esercitare il controllo sociale, cosa potrebbero veicolare gli strati di realtà mostrati attraverso Project Glass?

Roma - Cassandra lo diceva: esercitare il mestiere di profeta toglie la soddisfazione di poter dire "Io l'avevo detto!". Affrontando il tema degli occhiali a realtà aumentata, indossati da Sergei Brin e commentati dall'ottimo Mantellini, Cassandra non può perciò compiacersi del fatto di aver scritto sui Googleshades nel lontano 2005 anche se in senso lato, parlando dell'effetto di filtro della realtà dovuto al semplice page ranking profilato di Google, unito all'abuso di motori di ricerca che la maggior parte dei cittadini della Rete fa.

In mezzo a molte altre (e forse un po' troppe) cose, Mantellini scrive in maniera cristallina e completa questo splendido passaggio:
"Le tecnologie come strumenti di liberazione e di simultanea costrizione, quindi. Anche fuori dalla dialettica solita del potere e del controllo delle masse questa dicotomia resiste e interessa anche il nostro futuro sociale di esseri collegati. Entrambi i tratti sono sempre in qualche maniera identificabili ma se il tono rivoluzionario ed entusiastico che ognuno di noi riserva istintivamente al Project Glass (e in generale a molti degli esperimenti di realtà aumentata in circolazione e a tutto quello che ci sembra magico e formidabile fra le novità tecnologiche) è chiaramente identificabile, la faccia scura della medaglia rimane invece spesso sottotraccia, fra il non detto dei più e il clamore interessato dei demolitori di cattedrali."
Giustissimo ma... Ma allora tutto il resto sono piccolezze!

Siamo davvero convinti che il gadget di Brin sia davvero la "faccia scura della medaglia", il prossimo passo verso un maggiore controllo sociale?
Se bastava, come giustamente dice Jean Baudrillard, la fascinazione di una "iperrealtà" passiva come la TV per esercitare il controllo sociale, cosa possono fare strumenti "attivi" e quindi "pilotabili" come gli occhiali a realtà aumentata di Brin (cosa di oggi) o le proiezioni retiniche dirette? Queste ultime oggi sono fantasie di "Paycheck", ma domani?
Ciò che potrebbero fare, e che sicuramente faranno, dovrebbe terrorizzarci, farci una paura matta! Allora, mannaggia la pupazza, parliamo di quello, parliamo prima di quello, parliamo solo di quello. La paranoia di "1984" non solo rimane una virtù, ma si avvia ad essere una semplice descrizione della realtà.

Marco Calamari
Lo Slog (Static Blog) di Marco Calamari

Tutte le release di Cassandra Crossing sono disponibili a questo indirizzo
Notizie collegate
  • Digital LifeContrappunti/ La giornata tecnologicadi M. Mantellini - Google lancia Project Glass, e d'improvviso la nostra esistenza deve fare i conti con l'indiscreta presenza di Internet nel quotidiano. Il futuro è già qui, e non è detto che siamo del tutto pronti ad accoglierlo
  • TecnologiaProject Glass, Google guarda nel futuroRealtà aumentata su occhiali dal design minimalista. In grado di portare tutte le informazioni necessarie (già disponibili via smartphone) direttamente a portata di sguardo
  • BusinessCassandra Crossing/ Googleshadesdi Marco A. Calamari - La percezione della realtà della rete sta cambiando e si modella sulle necessità, le esigenze e le priorità di multinazionali che con il search la rendono più accessibile. Ma accessibile a modo loro
29 Commenti alla Notizia Lampi di Cassandra/ Googleshades e la iperrealtà
Ordina
  • dai… per favore… basta con sto vaporware…

    Guarda già solo questo: http://www.theverge.com/2012/4/13/2945498/pentagon...

    É un'idea vecchia, stantia ed è una buffonata… usare uno smartphone è molto meno invasivo e non devi portare degli occhiali e parlare a te stesso tutto il giorno...
    MeX
    16876
  • - Scritto da: MeX
    > dai… per favore… basta con sto vaporware…
    >
    > Guarda già solo questo:
    > http://www.theverge.com/2012/4/13/2945498/pentagon
    >
    > É un'idea vecchia, stantia ed è una
    > buffonata… usare uno smartphone è molto meno
    > invasivo e non devi portare degli occhiali e
    > parlare a te stesso tutto il giorno...

    Ma gli occhiali a realta' aumentata non li usano gia' da una vita alla boeing per la costruzione degli aerei ?
    krane
    22455
  • si e sono una figata, ottimo.
    Gli operai usano anche le scarpe anti infortunistica che possono salvare da molte fratture ai piedi…

    Però pensare che "chiunque" si metta a girare con gli occhialini e parli da solo per fare il checkin del porcaro o guardare una mappa è una visione ridicola, A MIO PARERE.

    Poi tra 5 anni se avrò avuto torto ripescate questo post e deridetemi.
    MeX
    16876
  • > Però pensare che "chiunque" si metta a girare con
    > gli occhialini e parli da solo per fare il
    > checkin del porcaro o guardare una mappa è una
    > visione ridicola,
    Però parlare a SIRI dell'iphone è una figata...
    non+autenticato
  • si, e quando guidi la macchina per esempio è dannatamente utile.

    Concordo che parlare a siri per settare il timer mentre fai i biscotti è solo una markettata invece, sta di fatto che SIRI è un bel passo avanti nei comandi vocali
    MeX
    16876
  • - Scritto da: MeX
    > si e sono una figata, ottimo.
    > Gli operai usano anche le scarpe anti
    > infortunistica che possono salvare da molte
    > fratture ai
    > piedi…
    >
    > Però pensare che "chiunque" si metta a girare con
    > gli occhialini e parli da solo per fare il
    > checkin del porcaro o guardare una mappa è una
    > visione ridicola, A MIO
    > PARERE.
    >
    > Poi tra 5 anni se avrò avuto torto ripescate
    > questo post e
    > deridetemi.
    Per quanto mi riguarda è il futuro. Anzi, è un passo verso il futuro, piaccia o meno. Il futuro meno prossimo (sempre che nel frattempo non si verifichi qualche cataclisma politico-sociale) sarà a base di proiezioni retiniche prima e impianti cibernetici comunincanti col sistema nervoso poi.

    Ho avuto l'idea ad inizio anni 2000 (peccato non averla brevettata!A bocca aperta), finalmente qualcosa comincia a muoversi.

    L'unica paura che ho, però, è che quando arriveremo agli impianti questi saranno chiusi e controllabili in remoto.Fantasma
  • - Scritto da: jackoverfull
    > - Scritto da: MeX
    > > si e sono una figata, ottimo.
    > > Gli operai usano anche le scarpe anti
    > > infortunistica che possono salvare da molte
    > > fratture ai piedi…


    > Per quanto mi riguarda è il futuro. Anzi, è un
    > passo verso il futuro, piaccia o meno. Il futuro
    > meno prossimo (sempre che nel frattempo non si
    > verifichi qualche cataclisma politico-sociale)
    > sarà a base di proiezioni retiniche prima e
    > impianti cibernetici comunincanti col sistema
    > nervoso poi.

    > Ho avuto l'idea ad inizio anni 2000 (peccato non
    > averla brevettata!A bocca aperta), finalmente qualcosa
    > comincia a muoversi.

    William Ghibson l'ha avuta nel 1984.
    krane
    22455
  • > William Ghibson l'ha avuta nel 1984.

    si ma qui su PI c'è solo gente incompresa… poverino...
    MeX
    16876
  • - Scritto da: MeX
    > > William Ghibson l'ha avuta nel 1984.
    >
    > si ma qui su PI c'è solo gente incompresa…
    > poverino...

    Beh, non tutti, si tu si, ma non tutti.

    Rotola dal ridere
    krane
    22455
  • io avevo pensato agli impianti neuronici nel 1924, anche se sono nato nel 1980!
    MeX
    16876
  • - Scritto da: MeX
    > io avevo pensato agli impianti neuronici nel
    > 1924, anche se sono nato nel
    > 1980!

    Ma non ci hai scritto un libro prima di nascere, errore tuo.
    krane
    22455
  • Mah a dire il vero nn era più adatto l'accenno a Virtual Light?
    di Gibson?
    non+autenticato
  • Gli occhiali posso sempre toglierli. Se sono la metafora di qualcos'altro concordo con l'autore.
    E poi basta con Orwell. La sua, in fin dei conti, era una critica ad un sistema politico. Qui, con i consenzienti e appagati navigatori si fa ben di peggioOcchiolino
    Grazie per lo spunto di riflessioneOcchiolino
    non+autenticato
  • non è Orwell ma Huxley

    all'epoca ci fu un battibecco tra i due

    il primo sosteneva che il futuro era manganellate e arresti, il secondo tv e culi in tv

    il secondo sembra aver avuto ragione, anche se il tptb non disdegna di usare le manganellate in casi particolari
    non+autenticato
  • - Scritto da: collione
    > non è Orwell ma Huxley
    >
    > all'epoca ci fu un battibecco tra i due
    >
    > il primo sosteneva che il futuro era manganellate
    > e arresti, il secondo tv e culi in
    > tv

    a dire il vero hanno avuto ragione entrambi, entrambe le distopie si sono verificate.

    occidente = huxley
    stati totalitari come siria, cina, nord corea (forse l'esempio più concreto), iran, etc = orwell

    in ogni caso il punto di non ritorno è stato ampiamente superato da tempo, il futuro non sarà nè huxley nè orwell ma una società del tutto inconscia, THX1138...
    non+autenticato
  • - Scritto da: Vindicator
    > - Scritto da: collione
    > > non è Orwell ma Huxley
    > >
    > > all'epoca ci fu un battibecco tra i due
    > >
    > > il primo sosteneva che il futuro era
    > manganellate
    > > e arresti, il secondo tv e culi in
    > > tv
    >
    > a dire il vero hanno avuto ragione entrambi,
    > entrambe le distopie si sono
    > verificate.
    >
    > occidente = huxley
    > stati totalitari come siria, cina, nord corea
    > (forse l'esempio più concreto), iran, etc =
    > orwell
    >
    > in ogni caso il punto di non ritorno è stato
    > ampiamente superato da tempo, il futuro non sarà
    > nè huxley nè orwell ma una società del tutto
    > inconscia,
    > THX1138...
    Bel romanzo, che conoscono in pochi…
    Peccato che crolli con quel finale buonista!
  • Per me questi occhiali rimangono un gadget qualsiasi. Belli, tecnologici, utili, potenzialmente impattanti da un punto di vista "sociale"... ma pur sempre un gadget.
    PS: è stato citato il film Paycheck, ma la disponibilità di occhiali a realtà aumentata l'aveva prevista accuratamente William Gibson nel suo romanzo virtual light, del 1993 (molte previsioni contenute in quel romanzo si sono avverate...).
  • - Scritto da: mytom
    > Per me questi occhiali rimangono un gadget
    > qualsiasi. Belli, tecnologici, utili,
    > potenzialmente impattanti da un punto di vista
    > "sociale"... ma pur sempre un
    > gadget.
    > PS: è stato citato il film Paycheck, ma la
    > disponibilità di occhiali a realtà aumentata
    > l'aveva prevista accuratamente William Gibson nel
    > suo romanzo virtual light, del 1993 (molte
    > previsioni contenute in quel romanzo si sono
    > avverate...).
    si.... anche se faccio notare che Paycheck e' un racconto di philip dick del 1953Sorride
    non+autenticato
  • ottimismo nel continuare a gridare , come un novello Laocoonte, contro i greci, anche quando i troiani non solo quando hanno portato il cavallo dentro le mura, ma i greci sono gia usciti dal cavallo armi in pugno.
    Alla gente non interessa quel che tu o altri avete da dire, fintanto che non gli viene tolto il pane o i circensi; c'è un ristrettissimo gruppo di persone a cui la propria libertà interessa, ma sono statisticamente irrilevanti, quindi a che pro continuare a gridare?
    non+autenticato
  • - Scritto da: Videoteca Krane Rossa

    > quindi a che pro continuare a
    > gridare?

    Perche' e' necessario!
    E' uno sporco lavoro, ma qualcuno deve pur farlo.
  • - Scritto da: panda rossa
    > - Scritto da: Videoteca Krane Rossa
    >
    > > quindi a che pro continuare a
    > > gridare?
    >
    > Perche' e' necessario!
    > E' uno sporco lavoro, ma qualcuno deve pur farlo.

    lo so, ma arrivato ad una certa età, dopo che per anni hai visto la gente che pur di curare il proprio piccolo orticello (fatto di privilegi rubati, corruzione, possesso di oggetti per conseguirne un vantaggio sociale, ecc..), contribuisce a seppellire la collettività sotto tonnellate di m***a, capisci che il colpevole di questa situazione non sono le grosse corporation, i banchieri o i politici loro servi, ma che questi individui esistono perchè rispondono al bisogno delle persone di essere deresponsabilizzate e di avere qualcuno che gli dica come vivere; una volta che comprendi che la gente rifugge le responsabilità (e tra queste la prima di tutte è usare il proprio cervello) capisci anche che qualunque forma di lotta che non comprenda pesanti riforme sociali e scolastiche non ha alcun senso, appellarsi al buon senso delle persone non ha alcun senso.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Videoteca Krane Rossa
    > - Scritto da: panda rossa
    > > - Scritto da: Videoteca Krane Rossa
    > >
    > > > quindi a che pro continuare a
    > > > gridare?
    > >
    > > Perche' e' necessario!
    > > E' uno sporco lavoro, ma qualcuno deve pur
    > farlo.
    >
    > lo so, ma arrivato ad una certa età, dopo che per
    > anni hai visto la gente che pur di curare il
    > proprio piccolo orticello (fatto di privilegi
    > rubati, corruzione, possesso di oggetti per
    > conseguirne un vantaggio sociale, ecc..),
    > contribuisce a seppellire la collettività sotto
    > tonnellate di m***a, capisci che il colpevole di
    > questa situazione non sono le grosse corporation,
    > i banchieri o i politici loro servi, ma che
    > questi individui esistono perchè rispondono al
    > bisogno delle persone di essere
    > deresponsabilizzate e di avere qualcuno che gli
    > dica come vivere; una volta che comprendi che la
    > gente rifugge le responsabilità (e tra queste la
    > prima di tutte è usare il proprio cervello)
    > capisci anche che qualunque forma di lotta che
    > non comprenda pesanti riforme sociali e
    > scolastiche non ha alcun senso, appellarsi al
    > buon senso delle persone non ha alcun
    > senso.

    Mestamente quoto in toto.
    Sarà che sto facendo vecchio
  • - Scritto da: Videoteca Krane Rossa

    > capisci anche che qualunque forma di lotta che
    > non comprenda pesanti riforme sociali e
    > scolastiche non ha alcun senso, appellarsi al
    > buon senso delle persone non ha alcun
    > senso.

    L'importante e' che vi sia sempre qualcuno che scuota le coscienze, perche' qualcun altro, pochissimi nella moltitudine, a loro volta raccolgano il testimone.

    Bisogna tenere accesa la fiaccola, e bene in vista.
    Quando poi i tempi saranno maturi per poter appiccare l'incendio lo si potra' fare.

    Ogni faraone, nel corso della storia, ha sempre ritenuto immutabile lo stato delle cose e ha cercato di spegnere tutte le fiaccole.
    Ma noi sappiamo che la storia e' sempre cambiata perche' c'e' sempre stato qualcuno che ha tenuto la fiaccola accesa.
  • - Scritto da: panda rossa
    [CUT]
    > Ma noi sappiamo che la storia e' sempre cambiata
    > perche' c'e' sempre stato qualcuno che ha tenuto
    > la fiaccola
    > accesa.

    O che l'ha riaccesa!Occhiolino
  • - Scritto da: Videoteca Krane Rossa

    > Alla gente non interessa quel che tu o altri
    > avete da dire, fintanto che non gli viene tolto
    > il pane o i circensi; c'è un ristrettissimo
    > gruppo di persone a cui la propria libertà
    > interessa, ma sono statisticamente irrilevanti,

    E costono sono nati saputi o devono informarsi in qualche modo, chesso, attraverso questi articoli ?
    krane
    22455
  • - Scritto da: krane
    > - Scritto da: Videoteca Krane Rossa
    >
    > > Alla gente non interessa quel che tu o altri
    > > avete da dire, fintanto che non gli viene
    > tolto
    > > il pane o i circensi; c'è un ristrettissimo
    > > gruppo di persone a cui la propria libertà
    > > interessa, ma sono statisticamente
    > irrilevanti,
    >
    > E costono sono nati saputi o devono informarsi in
    > qualche modo, chesso, attraverso questi articoli
    > ?

    evidentemente non mi sono spiegato: non è inutile urlare queste cose se lo scopo è informare quei 4 gatti (che se non sono scemi ci arrivano da soli a capire quanto afferma Calamari) che alla propria libertà ancora tengono; quello che ritengo inutile è cercare di informare tutto il resto della popolazione, che non vuole essere informata, guarda con sospetto (se non rabbia) coloro che li informano e sbranerebbe chiunque attentasse allo status quo.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Videoteca Krane Rossa
    > - Scritto da: krane
    > > - Scritto da: Videoteca Krane Rossa

    > > > Alla gente non interessa quel che
    > > > tu o altri avete da dire, fintanto
    > > > che non gli viene tolto il pane o
    > > > i circensi; c'è un ristrettissimo
    > > > gruppo di persone a cui la propria
    > > > libertà interessa, ma sono
    > > > statisticamente irrilevanti,

    > > E costono sono nati saputi o devono
    > > informarsi in qualche modo, chesso,
    > > attraverso questi articoli ?

    > evidentemente non mi sono spiegato: non è inutile
    > urlare queste cose se lo scopo è informare quei 4
    > gatti (che se non sono scemi ci arrivano da soli
    > a capire quanto afferma Calamari)

    Esistono i giovani vecchiio mio, sai ? Svegli ma ancora con pochi dati, a loro questi articoli sono utili.

    > che alla
    > propria libertà ancora tengono; quello che
    > ritengo inutile è cercare di informare tutto il
    > resto della popolazione, che non vuole essere
    > informata, guarda con sospetto (se non rabbia)
    > coloro che li informano e sbranerebbe chiunque
    > attentasse allo status quo.
    krane
    22455
  • Sbagli.

    Serve eccome non ti credere.
    Certo gli idioti ci sono sempre e sempre ci saranno, ma alcuni (molti di più di quanto si possa pensare) non lo sono e questa info la comprendono benissimo.

    E sempre di più si stanno svegliando.
    Magari lentamente, ma lo stanno facendo.
    Li sento i discorsi sul treno ad esempio e molti incominciano a capire o per lo meno ad intuire cosa si cela dietro a questi gadget cosi appetibili.

    Poi c'è chi accetterà consapevolmente (ci sono anche loro) e chi invece li rifiuterà e poi altri a cui non fregherà nulla.
    Li compreranno perché fa figo o anche solo per curiosità o come oggetto da collezione.

    Ovviamente nessuno ha la pretesa di salvarli tutti... Sorride
    non+autenticato