Gaia Bottà

Una fioca luce per Aaron Swartz

Un primo blocco di documenti ufficiali è stato reso pubblico per fare chiarezza sulla vita e sull'operato dell'hacker. Ne emergono i sospetti delle autorità per il movimento open access

Roma - 104 pagine pesantemente censurate, ma capaci di offrire qualche tassello in più del contesto che avvolge l'attività e la morte del compianto hacker Aaron Swartz, suicidatosi a 26 anni mentre era in attesa di essere processato per essersi intrufolato nel network del MIT e aver condiviso con il mondo materiale accademico già in parte di pubblico dominio.

Ad ottenere i documenti, con una richiesta basata sullo statunitense Freedom Of Information Act, è stato Kevin Poulsen, giornalista di Wired che ha in passato collaborato con Swartz. Un procedimento tortuoso, che si è scontrato con la burocrazia e con le richieste del MIT e dell'archivio JSTOR, entrambi interessati a revisionare i fascicoli prima di consegnarli alla società civile: è per questo motivo che le restanti 14500 pagine, che contengono riferimenti alle due istituzioni, non verranno pubblicate prima di sei mesi.

Dal primo blocco di documenti emergono dettagli sulla perquisizione avvenuta nel febbraio 2011 a casa dell'hacker, un mese dopo il suo arresto. Si apprende inoltre come le autorità statunitensi guardassero con sospetto al Guerilla Open Access Manifesto testo collettivo del 2008 che riassume la filosofia e la finalità dell'operato che l'hacker ha svolto nel corso degli anni. (G.B.)
Notizie collegate
5 Commenti alla Notizia Una fioca luce per Aaron Swartz
Ordina
  • Qui operano super istituzioni che praticano uno spionaggio mastodontico e super capillare così grave da mettere..santo cielo.!!.perfino in forse..il grandioso progetto del super progetto del super commercio mondiale...ahi noi.!!..come faremo mai senza questo meraviglioso nuovo impianto.organizzativo/concettual/operativo!!??
    Un pò di verità no !!troppo banale !!...e così Swartz se ne è andato.
    Come può essere che un intero pianeta sia retto sull'inganno (che si dichiari una cosa e si faccia l'esatto contrario ,che si enuncino solenni principi pubblici e in privato ridacchiando accordarsi per calpestarli !?) e quelli che la pensano diversamente spariscano troppo in fretta
    Un gruppo troppo ristretto di individui decide le sorti dell'umanità..Ci fosse un'entità veramente Superiore un pò severa ma non troppo che sistemasse la cose ...provare ancora a invocarla ?!
    non+autenticato
  • > Qui operano super istituzioni che praticano uno
    > spionaggio mastodontico e super capillare così
    > grave da mettere..santo cielo.!!.perfino in
    > forse..il grandioso progetto del super progetto
    > del super commercio mondiale...ahi noi.!!..come
    > faremo mai senza questo meraviglioso nuovo
    > impianto.organizzativo/concettual/operativo!!??

    Come abbiamo sempre fatto: ci arrengeremmo. Esisteva un tempo in cui si usavano macchine da scrivere e ordinativi inviati dentro buste cartacee, e così le fatture, i contratti, e non solo.

    > Un pò di verità no !!troppo banale !!...e così
    > Swartz se ne è
    > andato.

    Ha voluto andarsene.

    > Come può essere che un intero pianeta sia retto
    > sull'inganno (che si dichiari una cosa e si
    > faccia l'esatto contrario ,che si enuncino
    > solenni principi pubblici e in privato
    > ridacchiando accordarsi per calpestarli !?) e
    > quelli che la pensano diversamente spariscano
    > troppo in
    > fretta

    Esistono diversi racconti di fantascienza basati su quanto avverrebbe se da un giorno all'altro l'umanità non fosse più in grado di mentire. Inutile dire che si estinguerebbe molto rapidamente, almeno, nei racconti è così, poi questo esperimento non si può fare.
    E quindi immorali o etici, vili o pietosi, sporadici o ciclici, questi inganni continuano a esistere.


    > Un gruppo troppo ristretto di individui decide le
    > sorti dell'umanità..

    Ma quanti sono, alla fine?
    Nessuno che faccia mai un censimento dei padroni del mondo e del suo destino, uffa!


    > Ci fosse un'entità veramente
    > Superiore un pò severa ma non troppo che
    > sistemasse la cose ...provare ancora a invocarla
    > ?!

    Preghiamo ogni giorno, sette volte al dì. Libera nos a malo .
    non+autenticato
  • - Scritto da: Ermanno Busa

    > Come può essere che un intero pianeta sia retto
    > sull'inganno (che si dichiari una cosa e si
    > faccia l'esatto contrario ,che si enuncino
    > solenni principi pubblici e in privato
    > ridacchiando accordarsi per calpestarli !?) e
    > quelli che la pensano diversamente spariscano
    > troppo in
    > fretta

    Il pianeta non è retto sull'inganno. La società, l'economia, il potere lo sono. E non può essere altrimenti. Le "solenni enunciazioni di principi pubblici" sono per tenere buoni i sempliciotti e gli ingenui, e dovremmo piuttosto chiederci perchè ancora si senta il bisogno di farlo, vista l'apatia ormai generale, derivata anche dalla consapevolezza della nostra totale impotenza di fronte a chi comanda.

    > Un gruppo troppo ristretto di individui decide le
    > sorti dell'umanità..Ci fosse un'entità veramente
    > Superiore un pò severa ma non troppo che
    > sistemasse la cose ...provare ancora a invocarla
    > ?!

    Non esiste alcuna entità superiore, non esiste giustizia, non esiste altro se non la legge del più forte. Ognuno di noi vive e muore secondo questo semplice principio. Tutto il resto sono favole.
    non+autenticato
  • Il documento "Guerilla open access manifesto" si può leggere in italiano qui, la traduzione segue al testo inglese:

    http://goo.gl/2JszAT

    Colpisce molto il contrasto di frasi come "Dobbiamo acquistare banche dati segrete e metterle sul web. Dobbiamo scaricare riviste scientifiche e caricarle sulle reti di condivisione. Dobbiamo lottare per la Guerrilla Open Access", e il gesto dell'autore di questo manifesto: il suicidio ancora prima che il processo iniziasse.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Domenico Mattia
    > Il documento "Guerilla open access manifesto" si
    > può leggere in italiano qui, la traduzione segue
    > al testo
    > inglese:
    >
    > http://goo.gl/2JszAT
    >
    > Colpisce molto il contrasto di frasi come
    > "Dobbiamo acquistare banche dati segrete e
    > metterle sul web. Dobbiamo scaricare riviste
    > scientifiche e caricarle sulle reti di
    > condivisione. Dobbiamo lottare per la Guerrilla
    > Open Access", e il gesto dell'autore di questo
    > manifesto: il suicidio ancora prima che il
    > processo
    > iniziasse.

    Suicidio? Sicuro? Mah...
    non+autenticato