Claudio Tamburrino

NSA, chi gioca a guardie e ladri online?

Videogiochi come strumenti di propaganda e addestramento, mondi online da popolare di spie per ricostruire relazioni e reti del terrore. I sospetti dell'intelligence statunitense si sono infiltrati fra i gamer

NSA, chi gioca a guardie e ladri online?Roma - La NSA e la sua controparte britannica GCHQ avrebbero monitorato le comunicazioni scambiate sullo sfondo di videogiochi e MMOG tra cui World of Warcraft, Second Life e quelli di Xbox Live: luoghi virtuali di incontro sospettati di ospitare la propaganda terroristica e dove avrebbero rinvenuto tracce di Al Qaida, di Hamas, di uno scienziato nucleare iraniano e di hacker cinesi.

Non sono dovuti ricorrere ad elfi ladri da infiltrare tra i videogiocatori, ma - come spiegano le ultime rivelazione dell'ex spia statunitense Edward Snowden - le due agenzie di sicurezza hanno sviluppato dei software per raccogliere le chat degli utenti e inserito agenti sotto copertura: sempre con lo scopo di legare questi dati agli altri raccolti nella lotta al terrorismo.
L'NSA avrebbe una presenza così costante e massiccia su WoW che sembra aver sentito l'esigenza di formare un gruppo "per prevenire conflittualità" e verificare che le spie non si stessero spiando a vicenda.

Non sarebbe - peraltro - solo una pratica delle due agenzie di sicurezza al centro delle polemiche per il Datagate: anche CIA, FBI ed altre avrebbero tenuto sotto osservazione le piattaforme videoludiche: qui, d'altra parte, converge una massa di utenti che rende questi snodi di comunicazione paragonabili a quelli dei social network.
Solo sul network PSN di Sony vi sono 110 milioni di membri, su Xbox Live 48 milioni di utenti paganti e decine di milioni di account gratuiti, il portale di giochi di Valve, Steam, conta 65 milioni di utenze ed i MMORPG come WoW e League of Legends contano rispettivamente 12 milioni e 70 milioni di giocatori.

Oltre ai numeri assoluti che sommati superano Twitter e sono paragonabili a quelli di una grande nazione, ogni videogiocatore intesse relazioni, ha contatti, amici, scambia messaggi privati: adotta uno schema di comportamento potenzialmente interessante sia per i pubblicitari (che hanno a disposizione un ben qualificato target di mercato) sia le agenzie di sicurezza. Questo, senza contare i dati che potenzialmente può raccogliere una piattaforma come Xbox One attraverso i sensori di Kinect ed il collegamento con il televisore.

Secondo il rapporto dell'NSA "Games: A look at emerging trends, users, threats and opportunities in influence activities" (Giochi: uno sguardo ai trend, agli utenti, alle minacce e alle opportunità nelle attività di influenza), inoltre, questi videogame possono essere utilizzati per la propaganda e il conseguente arruolamento di terroristi. L'agenzia di sicurezza cita il caso del gioco Darfur is Dying di MTVu che evocherebbe "simpatia nei confronti dei rifugiati del Darfur" e del neonazista Ethnic Cleansing. Inoltre i canali di comunicazione interni al gioco possono essere potenzialmente sfruttati dai gruppi terroristici per la propaganda e addirittura l'arruolamento di simpatizzanti.

usb

Un'opinione simile sui videogame e sulle loro possibili influenze negative, tra l'altro, ha portato già in passato governi totalitari a proibirli e condannarne i produttori: un caso è l'Iran che considera Amir Hekmati un pericoloso nemico della patria per la collaborazione con il produttore di videogame Kuma Reality Games, un altro esempio è quello legato alle polemiche generate da titoli come Commander Bahman, nel quale le truppe iraniane devono scacciare gli Stati Uniti dall'Iraq, oppure Mercenaries 2: World in Flames, dove gli Stati Uniti invadono il Venezuela per rovesciare un "regime del terrore" che non risparmia i riferimenti al governo di Chavez.

Certo, fare un'operazione di controspionaggio in un ambiente virtuale, in alcuni casi oltretutto fantasy, aggiunge alle difficoltà legate al mondo digitale (sapere chi effettivamente si nasconde dietro la tastiera e distinguere verità interessanti da vuote millanterie o complotti da giocatori), l'inevitabile scollamento dalla realtà conseguenza naturale dell'avere un personaggio da interpretare in un mondo oltretutto violento. Anche per questi motivi, dai documenti divulgati da Snowden non sembra che l'NSA abbia ottenuto molto dalle sue operazioni su WoW e compagnia: ad eccezione di sospetti, ombre minacciose e tante ore di svago per gli agenti.

Claudio Tamburrino
Notizie collegate
  • AttualitàIran, a morte la spia videoludicaAmir Hekmati condannato come nemico dell'Islam, ritenuto una spia per conto dell'intelligence a stelle e strisce: la software house per cui lavorava avrebbe ricevuto fondi dalla CIA per manipolare le menti iraniane
  • AttualitàIran, alza polvere il videogioco antiamericanoAlcuni programmatori finanziati dal governo iraniano avrebbero realizzato un controverso videogioco propagandistico: l'obiettivo č far esplodere bersagli statunitensi impegnati nel trasporto marittimo di petrolio
  • AttualitàNulla di serio tranne il videogiocoChe si tratti di addestrare un vigile del fuoco a salvare vite, o un militare a muoversi sul campo di battaglia, i videogame possono aiutare. I ragazzi, invece, meglio che li lascino stare
11 Commenti alla Notizia NSA, chi gioca a guardie e ladri online?
Ordina
  • Qualcuno che capisce ha fatto notare che, se vuoi controllare TUTTE le comunicazioni dei tuoi potenziali nemici, non puoi permetterti di trascurare questo o quel canale. Devi monitorare tutto quanto.
    Funz
    12943
  • contenuto non disponibile
  • - Scritto da: unaDuraLezione
    > - Scritto da: Funz
    > > Qualcuno che capisce ha fatto notare che, se
    > vuoi
    > > controllare TUTTE le comunicazioni dei tuoi
    > > potenziali nemici, non puoi permetterti di
    > > trascurare questo o quel canale. Devi
    > monitorare
    > > tutto
    > > quanto.
    >
    > Ma c'è davvero qualcuno che crede che dei
    > terroristi ben organizzati non riescano a
    > comunicare in modi che la NSA NEMMENO SI
    > IMMAGINA?
    > E se il messaggio che viene fuori dai bit che
    > formano il conteggio dei voti 0/10 settimanali
    > (ogni settimana un byte) su questo forum
    > designasse
    > l'obiettivo?
    > E se il numero di volte che l'utente X ha
    > cambiato avatar nell'ultimo mese che mi
    > rappresentasse il giorno in cui
    > colpire?
    > E tutto questo pensandoci per 30 secondi senza
    > nemmeno tirare in ballo crittografia
    > personalizzata, proxy gestiti dai terroristi,
    > steganografia e un milione di alttre cose che
    > verrebbero in mente a gente capace che ci pensa
    > per
    > mesi.

    Non è che tutti i terroristi sono dei geni dell'informatica, nè che siano intenzionati ad usare codici così lenti e complicati.
    E sappiamo benissimo che non sono i "terroristi" l'obiettivo importante della NSA.Occhiolino
    Come "nemici degli USA" oramai andrebbero inclusi i cittadini, le istituzioni e le aziende di qualunque Paese al mondo che non siano gli USA stessi. Almeno, a giudicare dalle azioni degli USA...
    Funz
    12943
  • Il loro lavoro non è certo trovare i terroristi, piuttosto stare attenti a chi trova i veri terroristi.
    Dopo la pagliacciata delle twin tower devono stare bene attenti a chi parla di loro.
  • - Scritto da: ratte
    > Il loro lavoro non è certo trovare i terroristi,
    > piuttosto stare attenti a chi trova i veri
    > terroristi.
    > Dopo la pagliacciata delle twin tower devono
    > stare bene attenti a chi parla di
    > loro

    Ma per favore...
    non+autenticato
  • Incredibile adesso ho scoperto perchè non vinco mai ad i multiplayer,hanno messo James Bond camuffato come BIG BOSS di livello finale invincibile,con le super armi super intuito ecc.... Non so se tutto questo non sia un delirio tragicomico oppure la realtà. Io quoto bubba,sperando la prossima volta di eliminare almeno uno dei BIG BOSS di fine livelloSorride
  • Troviamo chi sono, meniamoli di brutto e portiamogli via tutti gli items!
    non+autenticato
  • e' claro che grossi accentratori interessano ai Servizi e alle polizie. I giochi online non sono ovviamente esclusi...
    considerazioni ovvie
    - Anche i cybercrook giocanoCon la lingua fuori
    - alle sw house piace fare soldi reali vendendo minchiate virtuali -> laundry & co / hacking / fraud
    - alle sw house una volta tirata su sta roba, piace avere gente "di security". Basta vedere uno dei boss di Second Life (Cory Ondrejka ) cosa faceva prima(?)
    - il terrorista inteso come pazzoide nel deserto arabo e' un po' di colore militar-giornalistico...
    - i giochi (nel senso di comportamenti/interazioni dei soggetti) sono interessanti modelli da studiare. Da ben prima che nascesse WoW
    non+autenticato
  • - Scritto da: bubba
    ...
    > - il terrorista inteso come pazzoide nel deserto
    > arabo e' un po' di colore
    > militar-giornalistico...

    vero, ma il terrorista internazionale (esclusi quindi fenomeni locali come ira, eta, ecc..) è di solito di matrice islamica e tende quindi a rifiutare simboli di decadenza occidentale, compresi i videogiochi (che spesso contengono componenti di sesso o comunque rispecchiano la struttura della società occidentale, come ad esempio la parità dei sessi).
    Non esiste alcuna prova che ci sia una presenza consistente di terroristi sui giochi online; quello messo in atto dai governi è controllo sociale bello e buono, il terrorismo c'entra come i cavoli a merenda
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 6 discussioni)