Alfonso Maruccia

TypeScript 1.0, l'evoluzione Microsoft del Javascript

Redmond presenta una versione quasi definitiva del nuovo linguaggio pensato per applicazioni (Web e non) "extra-large". Un linguaggio open source che naturalmente sarà incluso in Visual Studio

Roma - Microsoft è quasi pronta a rivelare al mondo TypeScript 1.0, prima versione ufficiale del linguaggio di scripting open source alternativo (ancorché retrocompatibile) al tradizionale JavaScript, creata con il contributo dell'ingegnere del software danese Anders Hejlsberg (C#, Turbo Pascal, Delphi).

Redmond aveva già presentato pubblicamente il nuovo linguaggio nell'ottobre del 2012, e ora sul blog ufficiale l'azienda fornisce le ultime novità a riguardo: TypeScript ha raggiunto lo stadio di Release Candidate, e viene distribuito assieme all'Update 2 Community Technology Preview (CTP) per Visual Studio 2013.

L'obiettivo finale è includere la versione definitiva di TypeScript 1.0 assieme a Visual Studio 2013 Update 2, con l'IDE Microsoft a supportare e integrare pienamente il nuovo linguaggio per garantirne la più ampia adozione possibile presso gli sviluppatori.
E gli sviluppatori hanno in realtà già risposto molto positivamente al progetto di Microsoft, sia esternamente che internamente alla corporation; in tal senso Microsoft ci tiene a far sapere che i suoi programmatori fanno già ampiamente uso di TypeScript per lo sviluppo di progetti di primo piano come l'interfaccia di Xbox Music, Bing e altri servizi.

Perché servirsi di TypeScript quando i coder hanno già a disposizione JavaScript? Nel descrivere l'utilità del nuovo linguaggio, Hejlsberg sostiene che "JavaScript era pensato per app da 100 linee di codice", mentre TypeScript sarebbe specificatamente progettato per lavorare a progetti da migliaia di linee e oltre.

Alfonso Maruccia
Notizie collegate
92 Commenti alla Notizia TypeScript 1.0, l'evoluzione Microsoft del Javascript
Ordina
  • Non capisco perchè comparare TypeScript con JavaScript.

    TypeScript è comparabile con Dart, con CoffeeScript, con Script#, con GWT e a limite com Emscripten. Perchè tutti questi linguaggi/strumenti (incluso TypeScript stesso) hanno una cosa in comune: producono codice JavaScript !!!

    JavaScript può ormai essere considerato lo standard di linguaggio che tutti i browser devono supportare e TypeScript non si offre come un rimpiazzo, ma come uno strumento per produrlo più agevolmente.
  • - Scritto da: bradipao

    > hanno una cosa in comune: producono codice
    > JavaScript
    > !!!
    >
    > JavaScript può ormai essere considerato lo
    > standard di linguaggio che tutti i browser devono

    già, ed è questo che mi fa pensare che tali progetti non avranno futuro

    javascript è l'assembly del web, ma non è legato ad una cpu in piattaforma e non è astruso come tutti gli assembly "veri e propri"

    lo stile del programmatore js è la prototipazione, mentre dart e typescript vogliono riportarci al "tavolo da disegno"

    chi ha necessità di creare un software che va "pensato a priori" userà altri linguaggi ben più adatti
    non+autenticato
  • Typescript sta solo anticipando alcune strutture che saranno disponibili in EcmaScript6

    http://www.html.it/articoli/ecmascript-6-harmony-i.../

    Per chi ne ha seguito l'evoluzione ha notato che richieste di implementare alcune comode soluzioni per generazione di codice js sono state rifiutate perché non aderenti a quello che sarà lo standard ES6.

    Chi trova inutile (addirittura pericoloso) TS che genera un output in ES3 o ES5, dovrebbe andare prima di tutto all'Ecma con torce e forconi.
    non+autenticato
  • Ma alla Microsoft non la smettono mai di far casino ?

    C'era HTML, explorer era incompatibile.
    C'era Java, hanno fatto .NET.
    C'era ODF e hanno fatto DOCX
    C'era Flash , hanno fatto Silverlight.

    Ora che Silverlight sta miseramente fallendo e hanno incasinato le cose al punto tale da dover fare un browser con due diversi engine, senza nemmeno vergognarsi un pochino che fanno ?

    Modificano il mattone su cui si basa il web moderno e inventano Typescript.

    Javascript non è un linguaggio è una filosofia funzionale, c'è json, puoi spedire oggetti in remoto, senza fare distinzioni tra codice e dati , come si fa a incasinare tutto in quel modo ?

    E come si fa a incasinare la vita di un povero programmatore che dopo java, .net, i vari C , xhtml , tremila metodi per fare comet e javascript, quando pensava di stare tranquillo un attimo, si sentirà chiedere ad un colloquio : "ma lei conosce typescript ?".

    Ma vaff...
    non+autenticato
  • - Scritto da: Quelo
    > quando pensava di stare tranquillo un
    > attimo, si sentirà chiedere ad un colloquio : "ma
    > lei conosce typescript
    > ?".

    E si rispondera': "Si, per questo lo evito!"
  • > C'era HTML, explorer era incompatibile.
    Vero, è una società privata e può inventarsi gli standard che vuole, questo è stato un fallimento (alla lunga)

    > C'era Java, hanno fatto .NET.
    Vero ma non è una cosa negativa, anzi. .Net ha implementato ed evoluto la logica di Java (che poi è stata ripresa anche in Java stesso)


    > C'era ODF e hanno fatto DOCX
    Vero, è una società privata e può inventarsi gli standard che vuole, questo è stato un successo (alla lunga)

    > C'era Flash , hanno fatto Silverlight.
    Vero, è una società privata e può inventarsi gli standard che vuole, questo è stato un fallimento (a breve distanza)

    >
    > Ora che Silverlight sta miseramente fallendo e
    > hanno incasinato le cose al punto tale da dover
    > fare un browser con due diversi engine, senza
    > nemmeno vergognarsi un pochino che fanno
    > ?
    Si dovrebbero vergognare per dei fallimenti? Invece vanno avanti, pensa che fessi!

    >
    > Modificano il mattone su cui si basa il web
    > moderno e inventano
    > Typescript.
    >
    > Javascript non è un linguaggio è una filosofia
    > funzionale, c'è json, puoi spedire oggetti in
    > remoto, senza fare distinzioni tra codice e dati
    > , come si fa a incasinare tutto in quel modo ?

    Ueee... è uscita fuori anche la religione Javascript adesso.
    Non si incasina niente. usi JQuery? Allo stesso modo potrai usare TypeScript. Ed l'output sarà 100% Javascript.

    >
    >
    > E come si fa a incasinare la vita di un povero
    > programmatore che dopo java, .net, i vari C ,
    > xhtml , tremila metodi per fare comet e
    > javascript, quando pensava di stare tranquillo un
    > attimo, si sentirà chiedere ad un colloquio : "ma
    > lei conosce typescript
    > ?".
    >
    > Ma vaff...

    Il mondo va avanti... se seguissero il tuo ragionamento non esisterebbe il CSS3, non esisterebbe XHTML, si sarebbe fermi a HTML con gli stili in linea.
    Ognuno si crea il suo curriculum, non sei obbligato a sapere tutto. Mi viene da ridere quando vedo i curriculum dove c'è un elenco di conoscenze di 2 pagine. Vorrei proprio saper il livello di conoscenza di tutto quello che c'è scritto in 2 pagine di elenco di conoscenze.

    Io per conto mio decido dove approfondire lo studio. Ho evitato ad esempio Silverlight, che ho considerato da subito inutile.
    Se mi chiedono "Lei conosce Silverlight?" Dico chiaramente "Conosco le basi (che comunque per poter decidere se studiarlo o no ho guardato), ma non lo utilizzo e non ci lavoro".
    Lo stesso dico se mi chiedono "Conosce Java?", rispondo di si ma non ci lavoro. Sono scelte personali, con cui costruisci la tua professionalità e la tua serietà. I tuttologi dell'informatica sono poco credibili.
    non+autenticato
  • > Vero, è una società privata e può inventarsi gli
    > standard che vuole

    Se ti trovi in posizione dominante sul mercato non puoi fare quel che vuoi.
    Tant'è che è stata multata più volte per abuso.
    (sicuramente per explorer, non ricordo e non mi interessa se anche per gli standard di office, il concetto comunque è lo stesso)
    non+autenticato
  • - Scritto da: embe
    > > Vero, è una società privata e può inventarsi
    > gli
    > > standard che vuole

    > Se ti trovi in posizione dominante sul mercato
    > non puoi fare quel che
    > vuoi.
    > Tant'è che è stata multata più volte per abuso.
    > (sicuramente per explorer, non ricordo e non mi
    > interessa se anche per gli standard di office, il
    > concetto comunque è lo stesso)

    Ecco un riassuntino:
    http://www.groklaw.net/staticpages/index.php?page=...
    krane
    22544
  • > Se ti trovi in posizione dominante sul mercato
    > non puoi fare quel che
    > vuoi.
    > Tant'è che è stata multata più volte per abuso.
    > (sicuramente per explorer, non ricordo e non mi
    > interessa se anche per gli standard di office, il
    > concetto comunque è lo
    > stesso)

    Si ma hanno messo il ballot screen quindi è tutto sistemato. ( lo dicono i giudici mica io ).
  • - Scritto da: ...
    > > C'era HTML, explorer era incompatibile.
    > Vero, è una società privata e può inventarsi gli
    > standard che vuole, questo è stato un fallimento
    > (alla
    > lunga)
    >
    > > C'era Java, hanno fatto .NET.
    > Vero ma non è una cosa negativa, anzi. .Net ha
    > implementato ed evoluto la logica di Java (che
    > poi è stata ripresa anche in Java
    > stesso)
    >
    >
    > > C'era ODF e hanno fatto DOCX
    > Vero, è una società privata e può inventarsi gli
    > standard che vuole, questo è stato un successo
    > (alla
    > lunga)
    >
    > > C'era Flash , hanno fatto Silverlight.
    > Vero, è una società privata e può inventarsi gli
    > standard che vuole, questo è stato un fallimento
    > (a breve
    > distanza)
    >
    > >
    > > Ora che Silverlight sta miseramente fallendo
    > e
    > > hanno incasinato le cose al punto tale da
    > dover
    > > fare un browser con due diversi engine, senza
    > > nemmeno vergognarsi un pochino che fanno
    > > ?
    > Si dovrebbero vergognare per dei fallimenti?
    > Invece vanno avanti, pensa che
    > fessi!
    >
    > >
    > > Modificano il mattone su cui si basa il web
    > > moderno e inventano
    > > Typescript.
    > >
    > > Javascript non è un linguaggio è una
    > filosofia
    > > funzionale, c'è json, puoi spedire oggetti in
    > > remoto, senza fare distinzioni tra codice e
    > dati
    > > , come si fa a incasinare tutto in quel modo
    > ?
    >
    > Ueee... è uscita fuori anche la religione
    > Javascript
    > adesso.
    > Non si incasina niente. usi JQuery? Allo stesso
    > modo potrai usare TypeScript. Ed l'output sarà
    > 100%
    > Javascript.

    Non ho mai usato jquery, perchè faccio altro, ho lavorato su javascript a basso livello e usata la serializzazione di JSON per scambiare oggetti scritti in altri linguaggi, per questo parlo di FILOSOFIA FUNZIONALE e non di fede.

    Per quanto riguarda l'interoperabilità se quello che c'è scritto nell'articolo è vero è solo una operazione di facciata.

    Sul sito di TypeScript c'è scritto effettivamente :

    TypeScript is a typed superset of JavaScript that compiles to plain JavaScript.


    Ma nell'articolo ci sono affermazioni come :

    Nel descrivere l'utilità del nuovo linguaggio, Hejlsberg sostiene che "JavaScript era pensato per app da 100 linee di codice", mentre TypeScript sarebbe specificatamente progettato per lavorare a progetti da migliaia di linee e oltre.


    Che vuol dire che loro soppianteranno lo sviluppo Javascript con quello TypeScript in modo che per programmare WEB in modo compatibile col resto del mondo, avrai bisogno del loro tool, esattamente come per scrivere un ca...o di documento hai bisogno del loro programma, nonostante lo standard sia aperto.


    > Il mondo va avanti... se seguissero il tuo
    > ragionamento non esisterebbe il CSS3, non
    > esisterebbe XHTML, si sarebbe fermi a HTML con
    > gli stili in
    > linea.


    Certo !

    Come fare a meno delle virtù e del progresso portato, dalle pagine scritte due volte ("Microsoft-Resto del Mondo), di Framework, degli ACTIVEX dal supporto parziale alle PNG dal vbscript , di Silverlight.

    Poi c'è il mio mondo del C/C++ e non avremmo proprio saputo cosa fare senza le meravigliose innovazioni della Microsoft, come il ritorno a capo con due caratteri, la doppia modalità di apertura dei files e l'uso del \ per le directories.

    Tutto fatto nell'interesse del progresso ovviamente.
    non+autenticato
  • >
    > Per quanto riguarda l'interoperabilità se quello
    > che c'è scritto nell'articolo è vero è solo una
    > operazione di
    > facciata.
    >
    > Sul sito di TypeScript c'è scritto effettivamente
    > :
    >
    > TypeScript is a typed superset of
    > JavaScript that compiles to plain
    > JavaScript.
    >

    >
    > Ma nell'articolo ci sono affermazioni come :
    >
    > Nel descrivere l'utilità del nuovo
    > linguaggio, Hejlsberg sostiene che "JavaScript
    > era pensato per app da 100 linee di codice",
    > mentre TypeScript sarebbe specificatamente
    > progettato per lavorare a progetti da migliaia di
    > linee e
    > oltre.
    >

    >
    > Che vuol dire che loro soppianteranno lo sviluppo
    > Javascript con quello TypeScript in modo che per
    > programmare WEB in modo compatibile col resto del
    > mondo, avrai bisogno del loro tool, esattamente
    > come per scrivere un ca...o di documento hai
    > bisogno del loro programma, nonostante lo
    > standard sia
    > aperto.
    >

    Non soppianteranno proprio niente, L'output del compilato sarà javascript puro. Quindi e' in tutto e per tutto come JQuery, una libreria.
    Quello che ha fatto in più Microsoft è mettere uno strato nella fase di scrittura del codice che facilita e velocizza la scrittura per poi compilare e tirare fuori javascript.

    La frase dove dicono che js è per poche centinaia di righe di codice e ts è per migliaia, poi si vedrà, per ora sul sito typescript, nel confronto tra il codice ts e l'output js, non mi sembra si risparmi molto in termini di righe codice , però ho notato che la lettura del codice è più agevole.


    > Certo !
    >
    > Come fare a meno delle virtù e del progresso
    > portato, dalle pagine scritte due volte
    > ("Microsoft-Resto del Mondo), di Framework, degli
    > ACTIVEX dal supporto parziale alle PNG dal
    > vbscript , di
    > Silverlight.

    ActiveX è una piaga, vbscript era inutile, SilverLight un esperimento fallito, ma il framework .Net è un gran bel framework, checchè se ne dica.
    non+autenticato
  • > ActiveX è una piaga, vbscript era inutile,
    > SilverLight un esperimento fallito, ma il
    > framework .Net è un gran bel framework, checchè
    > se ne
    > dica.

    Su .NET concordo, solo che ho sbagliato volevo scrivere Frontpage, ma ho scritto Framework.
    non+autenticato
  • Fenomenale, geniale ed innovativo! Che altro dire?
    Si incomincia a vedere l'effetto Padella alla guida di Microsoft!

    Adesso scusate ma corro a convertire tutte le mie famose app per windows phone in typescript prima che lo facciano altri e mi prendano quote di mercato!!!! DelusoDelusoDeluso

    ciaooooo.....

    Parola di Winaro!Occhiolino
    non+autenticato
  • farà la fine di google dart, per come abbandonano i loro linguaggi faranno una brutta fine...
    non+autenticato
  • Attenzione alla licenza:

    "La Licenza Apache non richiede che versioni modificate del software siano distribuite secondo i termini della stessa licenza o come software libero. La Licenza Apache richiede solo che si includa un'informativa del fatto che si è utilizzato software licenziato secondo i termini della Licenza Apache."

    La licenza Apache con cui viene rilasciata, non vieta a Microsoft di rilasciarne una versione ma poi implementarla un'altra chiusa e leggermente differente.

    Questo gioco lo abbiamo visto con OXML e i DOCX. Ciò che genera MSOffice non rispetta il formato che Microsoft si è fatta standardizzare dall'ISO institute con tanta puzza di mazzette e irregolarità varie.

    Alla larga da qualsiasi tecnologia Microsoft. Non perché sia cattiva. Ma perché anche buone idee poi vengono abusate. Ne abbiamo piena la storia di queste pratiche da parte di quest'azienda.
    iRoby
    7615
  • - Scritto da: iRoby
    > Attenzione alla licenza:
    >
    > La licenza Apache con cui viene rilasciata, non
    > vieta a Microsoft di rilasciarne una versione ma
    > poi implementarla un'altra chiusa e leggermente
    > differente.

    Visto che Microsoft è il dententore del copyright, può fare quello che vuole, non c'entra la licenza. Anche se fosse GPL Microsoft potrebbe rilasciarne una versione chiusa e sarebbe perfettamente legale. La licenza Apache fa sì che anche tu possa prendere il codice, modificarlo e ridistribuirlo come meglio credi.

    Detto questo, tutto quello che fa Microsoft puzza di bruciato anche a me, ma è solo per essere pignolo.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Francesco
    > Visto che Microsoft è il dententore del
    > copyright, può fare quello che vuole, non c'entra
    > la licenza. Anche se fosse GPL Microsoft potrebbe
    > rilasciarne una versione chiusa e sarebbe
    > perfettamente legale. La licenza Apache fa sì che
    > anche tu possa prendere il codice, modificarlo e
    > ridistribuirlo come meglio credi.
    >
    > Detto questo, tutto quello che fa Microsoft puzza
    > di bruciato anche a me, ma è solo per essere
    > pignolo.

    Certamente ma noi abbiamo visto abusato questo meccanismo in passato.

    Ci sono moltissimi casi di strumenti opensource lasciati poi alle community e nei quali il detentore del copyright ha agito solo da coordinatore, accettando o rifiutando contributi ritenuti adatti/inadatti, che non snaturassero il progetto o la visione iniziale.

    Ma la Apache non è una licenza che permette questo tipo di collaborazione armonica tra il detentore del copyright e la community, ed eventali soggetti terzi che vogliano abbracciare tale tecnologia.

    Perché non garantisce sul lungo periodo.
    Typescript può essere bello e innovativo quanto vuoi. Ma deve garantire una piena interoperabilità da parte di tutti i soggetti che lo sviluppano o adottano, e stabilità di sviluppo, le implementazioni proprietarie devono derivare ed essere compatibili totalmente con la versione pubblica.

    La Apache non garantisce quest'ultima possibilità.
    iRoby
    7615
  • - Scritto da: Francesco
    > - Scritto da: iRoby

    > Detto questo, tutto quello che fa Microsoft puzza
    > di bruciato anche a me, ma è solo per essere
    > pignolo.
    Invece il monopolio di Google sugli smartphone di cosa puzza?
    non+autenticato
  • - Scritto da: Totem
    > - Scritto da: Francesco
    > > - Scritto da: iRoby
    >
    > > Detto questo, tutto quello che fa Microsoft
    > puzza
    > > di bruciato anche a me, ma è solo per essere
    > > pignolo.
    > Invece il monopolio di Google sugli smartphone di
    > cosa
    > puzza?

    Sugli smartphone non c'e' monopolio, c'e' scelta.
    Quindi la domanda da porsi e': di che cosa puzza il fatto che la gente, pur avendo alternative, sceglie android?
    Datti una risposta.
  • - Scritto da: panda rossa

    > Sugli smartphone non c'e' monopolio, c'e' scelta.

    ci sono tante scelte, ma l'unica giusta è - come sempre - Microsoft!

    > Quindi la domanda da porsi e': di che cosa puzza
    > il fatto che la gente, pur avendo alternative,
    > sceglie android?

    perché è pieno di gente prezzolata da google che sta su internet a parlare male della Microsoft e della Apple!!! Ecco perché!!! ArrabbiatoArrabbiatoArrabbiato

    Parola di Winaro!Occhiolino
    non+autenticato
  • Purtroppo c'è monopolio, eccome.
    Vai a vedere come Google sta abusando della sua posizione vietando l'applicazione YouTube su WindowsPhone...
    non+autenticato
  • - Scritto da: Marco
    > Purtroppo c'è monopolio, eccome.
    > Vai a vedere come Google sta abusando della sua
    > posizione vietando l'applicazione YouTube su
    > WindowsPhone...

    Raccontala giusta: wfogn IMPEDISCE ai suoi utenti di installare applicazioni che non sono sullo store winsozz.
    NOn c'e' nessun divieto da parte di google.
    Su un winfogn jailbreakato si puo' installare benissimo l'app di YT.
  • no guarda non ci siamo.
    L'applicazione era presente fino allo scorso novembre. Poi con cavilli sempre più incredibili e discriminatori google ha obbligato Microsoft a rimuovere l'applicazione dallo store. Ricordo che l'applicazione mostrava comunque la pubblicità di Google.
    Fattostà che gli utenti WP sono ora obbligati ad accedere a Youtube tramite sito, cosa altamente scomoda.
    Le soluzioni smanettone ci sono sempre, ma non è quello che ci si aspetta per quelle che non sono solo semplici applicazioni, ma ormai servizi fondamentali del web.

    In questo caso Google ha discriminato non solo Microsoft, di cui non sono fan, ma direttamente gli utenti. Pessima scelta.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Marco
    > no guarda non ci siamo.

    Ci siamo, ci siamo.

    > L'applicazione era presente fino allo scorso
    > novembre. Poi con cavilli sempre più incredibili
    > e discriminatori google ha obbligato Microsoft a
    > rimuovere l'applicazione dallo store.

    No. I cavilli erano di M$ e G si e' rotta le balle uscendo dallo store, dicendo agli utenti: "se volete (e se ve lo lasciano fare) l'app si scarica qua"

    > Ricordo che
    > l'applicazione mostrava comunque la pubblicità di
    > Google.

    Non so che cosa sia la pubblicita', io.

    > Fattostà che gli utenti WP sono ora obbligati ad
    > accedere a Youtube tramite sito, cosa altamente
    > scomoda.

    Hai voluto un telefonino con wfogn? Pedala!

    > Le soluzioni smanettone ci sono sempre,

    E io che ho detto?

    > ma non è quello che ci si aspetta

    Allora per te c'e' applebug.

    > per quelle che non sono
    > solo semplici applicazioni, ma ormai servizi
    > fondamentali del web.

    Chiedi conto a chi ti ha fornito il sistema operativo, allora.

    > In questo caso Google ha discriminato non solo
    > Microsoft, di cui non sono fan, ma direttamente
    > gli utenti.

    Utenti M$.
    Li discrimino anche io.
    Problemi?

    > Pessima scelta.

    La prossima volta allora scegli altro.
  • - Scritto da: panda rossa
    > - Scritto da: Marco
    > > L'applicazione era presente fino allo scorso
    > > novembre. Poi con cavilli sempre più
    > incredibili
    > > e discriminatori google ha obbligato
    > Microsoft
    > a
    > > rimuovere l'applicazione dallo store.
    >
    > No. I cavilli erano di M$ e G si e' rotta le
    > balle uscendo dallo store, dicendo agli utenti:
    > "se volete (e se ve lo lasciano fare) l'app si
    > scarica
    > qua"

    Gazzata.

    > > Ricordo che
    > > l'applicazione mostrava comunque la
    > pubblicità
    > di
    > > Google.
    >
    > Non so che cosa sia la pubblicita', io.

    Ti fa onore. Spero che ti paghino allo stesso modo un giornoOcchiolino

    > > Fattostà che gli utenti WP sono ora
    > obbligati
    > ad
    > > accedere a Youtube tramite sito, cosa
    > altamente
    > > scomoda.
    >
    > Hai voluto un telefonino con wfogn? Pedala!

    Ci sono un milione di altre app che fanno tutto ciò che fa la app di youtube.
    Però questo dimostra come, al solito tuo, non hai idea di cosa parli.

    > > per quelle che non sono
    > > solo semplici applicazioni, ma ormai servizi
    > > fondamentali del web.
    >
    > Chiedi conto a chi ti ha fornito il sistema
    > operativo,
    > allora.

    Avrei voluto sentire la lagna contro microsoft se i ruoli fossero stati invertiti. Coerenza, questa sconosciuta.

    > > In questo caso Google ha discriminato non
    > solo
    > > Microsoft, di cui non sono fan, ma
    > direttamente
    > > gli utenti.
    >
    > Utenti M$.
    > Li discrimino anche io.
    > Problemi?

    Bah, problemi tuoi. Io discrimino quelli che sono convinti di fare qualunque cosa con linux (e che devono farla da shell tramite comando/codicefiscale)

    > > Pessima scelta.
    >
    > La prossima volta allora scegli altro.

    Mai più quel cesso immondo di android. Tra malware, bloatware e lag anche su 8 core con 3 giga di ram.
    Ehi, c'è linux sotto, neh!
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 9 discussioni)