Gaia Bottà

Lawrence Lessig, l'uso è legittimo

Il paladino della Cultura Libera viola il diritto d'autore? Una casa discografica australiana è costretta a fare ammenda: Lessig ha fatto un uso legittimo del brano protetto. E tutta la Rete potrà approfittarne

Roma - Non si ammettono sviste nel momento in cui si accusa di violazione del copyright un esperto teorico dello svecchiamento del diritto d'autore come l'avvocato Lawrence Lessig: paladino della Free Culture, sa esattamente come muoversi per sfruttare, nell'alveo delle leggi e della giurisprudenza, il dispositivo del fair use, l'uso libero e legittimo delle opere protette dal diritto d'autore. La casa discografica che aveva chiesto la rimozione del video di una conferenza di Lessig che conteneva un frammento di un brano musicale afferente al suo catalogo ha fatto marcia indietro. Con tanto di scuse.

Lessig si era visto rimuovere da YouTube il video di una presentazione risalente al 2010. Tassello del suo discorso, il caso di Listzomania, brano della band francese Phoenix: i numerosissimi mashup costruiti attorno alla canzone e ad una sua sincronizzazione non ufficiale dimostrano come la creatività possa alimentare altra creatività, se supportata da un quadro normativo che regoli il copyright in maniera adeguatamente flessibile.

Ma proprio Lisztomania, oggetto di tante reinvenzioni disseminate su YouTube, era al centro della richiesta di takedown da parte di Liberation Music, che in Australia detiene i diritti sul brano. Lessig aveva reagito notificando a YouTube un errore nella richiesta di rimozione, a cui l'etichetta aveva risposto con una minaccia dell'avvio di un'azione legale, supportata da una descrizione dettagliata del funzionamento del diritto d'autore.

Lessig, esperto in materia e frequente bersaglio di richieste di takedown per supposto abuso di uso legittimo, aveva deciso di combattere per dimostrare di fronte a un tribunale che l'uso di Lisztomania nella propria presentazione, contenente frammenti di opere derivate dal brano originale e condivisa per espliciti scopi educativi, non competesse in alcun modo con gli sfruttamenti commerciali del brano detenuto da Liberation Music.
Non c'è stato bisogno di confrontarsi di fronte ad un giudice: l'etichetta australiana ha ammesso che Lessig aveva pieno diritto di utilizzare lo spezzone del brano, si è rimangiata ogni accusa, frutto dell'inesperienza di un dipendente e della cieca fiducia nel sistema di identificazione dei brani su YouTube, e ha anzi accettato di compensare il giurista statunitense dei danni subiti.




Lessig ha annunciato che donerà l'intera cifra a supporto di Electronic Frontier Foundation, che lo ha supportato in questa battaglia. Ma quel che è più importante, ha spiegato, è che "questo confronto legale e questo accordo manderanno un messaggio ai detentori dei diritti, affinché adottino delle pratiche eque nelle richieste di rimozione" che, troppo spesso, sono amministrate grossolanamente o con intenti censori. Liberation Music ha provveduto a modificare le proprie policy per difendersi dalle sole violazioni reali e ha assicurato che "errori come questo non si ripeteranno".

Gaia Bottà
Notizie collegate
23 Commenti alla Notizia Lawrence Lessig, l'uso è legittimo
Ordina
  • Per considerare chiusa questa storia manca ancora una cosa:

    il licenziamento in tronco del dipendente inesperto e del suo diretto superiore, con trattenuta di ogni trattamento di fine rapporto di quest'ultimo, e la publicazione dei loro profili sulla gogna mediatica di un social network, in modo da educarne altri 100 a pensarci due volte prima di intentare una lite temeraria in tema di diritti d'autore.
  • - Scritto da: panda rossa
    > Per considerare chiusa questa storia manca ancora
    > una
    > cosa:
    >
    > il licenziamento in tronco del dipendente
    > inesperto e del suo diretto superiore, con
    > trattenuta di ogni trattamento di fine rapporto
    > di quest'ultimo, e la publicazione dei loro
    > profili sulla gogna mediatica di un social
    > network, in modo da educarne altri 100 a pensarci
    > due volte prima di intentare una lite temeraria
    > in tema di diritti
    > d'autore.

    quando le cose vanno avanti così tanto dal punto di vista legale è molto difficile che sia "solo" colpa del dipendente zelante.
    non+autenticato
  • - Scritto da: fiocco di neve
    > - Scritto da: panda rossa
    > > Per considerare chiusa questa storia manca
    > ancora
    > > una
    > > cosa:
    > >
    > > il licenziamento in tronco del dipendente
    > > inesperto e del suo diretto superiore, con
    > > trattenuta di ogni trattamento di fine rapporto
    > > di quest'ultimo, e la publicazione dei loro
    > > profili sulla gogna mediatica di un social
    > > network, in modo da educarne altri 100 a
    > pensarci
    > > due volte prima di intentare una lite temeraria
    > > in tema di diritti
    > > d'autore.
    >
    > quando le cose vanno avanti così tanto dal punto
    > di vista legale è molto difficile che sia "solo"
    > colpa del dipendente
    > zelante.

    Per questo motivo e' fondamentale che in caso di abuso del diritto d'autore, la legge debba prevedere dei meccanismi che consentano di rivalersi sui patrimoni personali dei detentori dei diritti, ed eventualmente ai loro eredi fino a 70 anni dalla morte.
  • > il licenziamento in tronco del dipendente
    > inesperto e del suo diretto superiore, con
    > trattenuta di ogni trattamento di fine rapporto
    > di quest'ultimo, e la publicazione dei loro
    > profili sulla gogna mediatica di un social
    > network, in modo da educarne altri 100 a pensarci
    > due volte prima di intentare una lite temeraria
    > in tema di diritti
    > d'autore.

    Non c'è stata una causa. O meglio, è stata minacciata, ma poi non ne hanno fatto nulla.
    In ogni caso, Liberation Music pagherà a Lessing una somma coperta dalla clausola di riservatezza, per il disturbo.
  • - Scritto da: Leguleio
    > > il licenziamento in tronco del dipendente
    > > inesperto e del suo diretto superiore, con
    > > trattenuta di ogni trattamento di fine
    > rapporto
    > > di quest'ultimo, e la publicazione dei loro
    > > profili sulla gogna mediatica di un social
    > > network, in modo da educarne altri 100 a
    > pensarci
    > > due volte prima di intentare una lite
    > temeraria
    > > in tema di diritti
    > > d'autore.
    >
    > Non c'è stata una causa. O meglio, è stata
    > minacciata, ma poi non ne hanno fatto nulla.
    >
    > In ogni caso, Liberation Music pagherà a Lessing
    > una somma coperta dalla clausola di riservatezza,
    > per il
    > disturbo.

    Questo non c'entra niente con quanto ho detto io.
    Io ho sottolineato l'asimmetria della norma attuale tutta a favore del detentore dei diritti, senza prevedere nulla in caso di abuso dei diritti medesimi.

    Se chi abusa del diritto d'autore venisse colpito nel portafogli, o, ancora meglio nell'opera di cui detiene il diritto medesimo, non si arriverebbe neppure a queste assurdita'.
  • > Se chi abusa del diritto d'autore venisse colpito
    > nel portafogli, o, ancora meglio nell'opera di
    > cui detiene il diritto medesimo, non si
    > arriverebbe neppure a queste
    > assurdita'.

    L'abuso non c'é stato. Fine.
    Siamo al livello di tentativo di abuso. Tu vuoi dare l'ergastolo anche per questo.
  • C'è stato un abuso.
  • - Scritto da: Leguleio
    > > Se chi abusa del diritto d'autore venisse
    > colpito
    > > nel portafogli, o, ancora meglio nell'opera
    > di
    > > cui detiene il diritto medesimo, non si
    > > arriverebbe neppure a queste
    > > assurdita'.
    >
    > L'abuso non c'é stato. Fine.

    L'abuso c'e' stato.
    Qualcuno ha preteso di censurare una informazione SENZA AVERNE IL DIRITTO, ma pretendendo di averlo.

    Come lo chiami questo?

    > Siamo al livello di tentativo di abuso. Tu vuoi
    > dare l'ergastolo anche per
    > questo.

    Io voglio che vi sia perfetta simmetria tra le parti, sia in termine di accesso alla giustizia, sia in termine di effetti.

    Finche' questa simmetria non c'e' e sara' sempre a favore del piu' forte, io saro' qui a lamentarmi.

    Il caso vuole che questa dissimmetria sia presente prevalentemente nel campo del diritto d'autore.

    Perfino nei reati piu' efferati l'imputato ha piu' diritti e piu' garanzie delle sue vittime.
  • > > > Se chi abusa del diritto d'autore
    > venisse
    > > colpito
    > > > nel portafogli, o, ancora meglio
    > nell'opera
    > > di
    > > > cui detiene il diritto medesimo, non si
    > > > arriverebbe neppure a queste
    > > > assurdita'.
    > >
    > > L'abuso non c'é stato. Fine.
    >
    > L'abuso c'e' stato.
    > Qualcuno ha preteso di censurare una informazione
    > SENZA AVERNE IL DIRITTO, ma pretendendo di
    > averlo.

    Se dovessimo dare l'etichetta di "censura" ad ogni video che viene segnalato per sbaglio su Youtube, o altre piattaforme, e poi viene ripristinato, tutto a questo mondo è censura.
    Il mese scorso per un disguido un annuncio online non è stato pubblicato: censura!
    Si è scassata la rotativa e il giornale di provincia quel giorno non esce: censura!
    Nei dialoghi fra i concorrenti del Grande Fratello hanno messo un bip sulle parolacce più volgari: censura!


    > Come lo chiami questo?

    Tentativo di fare i furbi. Avviene migliaia di volte ogni giorno, solo su Youtube.
    Nella vita reale, milioni di volte al giorno.


    > > Siamo al livello di tentativo di abuso. Tu
    > vuoi
    > > dare l'ergastolo anche per
    > > questo.
    >
    > Io voglio che vi sia perfetta simmetria tra le
    > parti, sia in termine di accesso alla giustizia,
    > sia in termine di
    > effetti.

    E invece ti devi accontentare della composizione amichevole fra Lessing e Liberation Music, per una somma di dollari australiani ignota. Essere portati in causa, anche senza motivo, non è considerata un'offesa degna di un nuovo processo di Norimberga dalle convenzioni internazionali. E tra l'altro Lessing non è stato nemmeno trascinato in tribunale, si sono fermati prima.


    > Finche' questa simmetria non c'e' e sara' sempre
    > a favore del piu' forte, io saro' qui a
    > lamentarmi.

    Si è mai vista, in natura, una formica che vince contro un elefante?


    > Il caso vuole che questa dissimmetria sia
    > presente prevalentemente nel campo del diritto
    > d'autore.

    Esiste ovunque. Ma per chi ha i paraocchi esiste solo nel diritto d'autore.


    > Perfino nei reati piu' efferati l'imputato ha
    > piu' diritti e piu' garanzie delle sue
    > vittime.

    Vabbè, quando hai finito di fare il riassunto di Cronaca vera e di Libero riprendiamo il filo del discorso. Che riguarda Lessing e il suo video, e non i massimi sistemi.
  • - Scritto da: Leguleio
    > > > > Se chi abusa del diritto d'autore
    > > venisse
    > > > colpito
    > > > > nel portafogli, o, ancora meglio
    > > nell'opera
    > > > di
    > > > > cui detiene il diritto medesimo,
    > non
    > si
    > > > > arriverebbe neppure a queste
    > > > > assurdita'.
    > > >
    > > > L'abuso non c'é stato. Fine.
    > >
    > > L'abuso c'e' stato.
    > > Qualcuno ha preteso di censurare una
    > informazione
    > > SENZA AVERNE IL DIRITTO, ma pretendendo di
    > > averlo.
    >
    > Se dovessimo dare l'etichetta di "censura" ad
    > ogni video che viene segnalato per sbaglio su
    > Youtube, o altre piattaforme, e poi viene
    > ripristinato, tutto a questo mondo è
    > censura.
    > Il mese scorso per un disguido un annuncio online
    > non è stato pubblicato:
    > censura!
    > Si è scassata la rotativa e il giornale di
    > provincia quel giorno non esce:
    > censura!

    Esatto. Un guasto.
    Nessuna censura.
    http://www.ilmessaggero.it/PRIMOPIANO/POLITICA/gen...

    Come dite in Germania quando bevete le balle? Prosit?

    > Nei dialoghi fra i concorrenti del Grande
    > Fratello hanno messo un bip sulle parolacce più
    > volgari: censura!

    No, in realta' hanno messo un intercalare con due zeta tra un bip e l'altro, almeno in quel poco che ho visto dalla Gialappa's.

    > > Come lo chiami questo?
    >
    > Tentativo di fare i furbi. Avviene migliaia di
    > volte ogni giorno, solo su
    > Youtube.
    > Nella vita reale, milioni di volte al giorno.

    Fare i furbi perche'?
    Per mettere a tacere voci scomode.

    > > > Siamo al livello di tentativo di abuso.
    > Tu
    > > vuoi
    > > > dare l'ergastolo anche per
    > > > questo.
    > >
    > > Io voglio che vi sia perfetta simmetria tra
    > le
    > > parti, sia in termine di accesso alla
    > giustizia,
    > > sia in termine di
    > > effetti.
    >
    > E invece ti devi accontentare della composizione
    > amichevole fra Lessing e Liberation Music, per
    > una somma di dollari australiani ignota. Essere
    > portati in causa, anche senza motivo, non è
    > considerata un'offesa degna di un nuovo processo
    > di Norimberga dalle convenzioni internazionali. E
    > tra l'altro Lessing non è stato nemmeno
    > trascinato in tribunale, si sono fermati prima.

    Gia'. Si sono fermati quando si sono resi conto di non avere di fronte il solito calatore di braghe, come sono abituati a trovare.

    > > Finche' questa simmetria non c'e' e sara'
    > sempre
    > > a favore del piu' forte, io saro' qui a
    > > lamentarmi.
    >
    > Si è mai vista, in natura, una formica che vince
    > contro un elefante?

    Evidentemente gli elefanti sono piu' veloci e scappano.
    Questo qua non e' stato abbastanza veloce.



    > > Il caso vuole che questa dissimmetria sia
    > > presente prevalentemente nel campo del
    > diritto
    > > d'autore.
    >
    > Esiste ovunque. Ma per chi ha i paraocchi esiste
    > solo nel diritto
    > d'autore.
    >
    >
    > > Perfino nei reati piu' efferati l'imputato ha
    > > piu' diritti e piu' garanzie delle sue
    > > vittime.
    >
    > Vabbè, quando hai finito di fare il riassunto di
    > Cronaca vera e di
    > Libero riprendiamo il filo
    > del discorso. Che riguarda Lessing e il suo
    > video, e non i massimi
    > sistemi.

    Non c'e' altro da aggiungere.
    Quello col paraocchi qua sei tu, e poco importa che tu stesso sia stato vittima di un abuso di diritto d'autore.
  • > > Se dovessimo dare l'etichetta di "censura" ad
    > > ogni video che viene segnalato per sbaglio su
    > > Youtube, o altre piattaforme, e poi viene
    > > ripristinato, tutto a questo mondo è
    > > censura.
    > > Il mese scorso per un disguido un annuncio
    > online
    > > non è stato pubblicato:
    > > censura!
    > > Si è scassata la rotativa e il giornale di
    > > provincia quel giorno non esce:
    > > censura!
    >
    > Esatto. Un guasto.
    > Nessuna censura.
    > http://www.ilmessaggero.it/PRIMOPIANO/POLITICA/gen
    >
    > Come dite in Germania quando bevete le balle?
    > Prosit?

    Non sto in Germania.
    E a coltivare con tale assiduità le paranoie si muore di ansia. Riguardati.



    > > Nei dialoghi fra i concorrenti del Grande
    > > Fratello hanno messo un bip sulle parolacce
    > più
    > > volgari: censura!
    >
    > No, in realta' hanno messo un intercalare con due
    > zeta tra un bip e l'altro, almeno in quel poco
    > che ho visto dalla
    > Gialappa's.

    Almeno qui la censura non fa presa. C'è solo la manipolazione.Ficoso


    > > > Come lo chiami questo?
    > >
    > > Tentativo di fare i furbi. Avviene migliaia
    > di
    > > volte ogni giorno, solo su
    > > Youtube.
    > > Nella vita reale, milioni di volte al giorno.
    >
    > Fare i furbi perche'?
    > Per mettere a tacere voci scomode.

    Ma quali "voci scomode"! Sei rimasto alla terminologia degli anni Settanta.
    Per far valere i propri diritti anche laddove non valgono.


    > > E invece ti devi accontentare della
    > composizione
    > > amichevole fra Lessing e Liberation Music,
    > per
    > > una somma di dollari australiani ignota.
    > Essere
    > > portati in causa, anche senza motivo, non è
    > > considerata un'offesa degna di un nuovo
    > processo
    > > di Norimberga dalle convenzioni
    > internazionali.
    > E
    > > tra l'altro Lessing non è stato nemmeno
    > > trascinato in tribunale, si sono fermati
    > prima.
    >
    > Gia'. Si sono fermati quando si sono resi conto
    > di non avere di fronte il solito calatore di
    > braghe, come sono abituati a
    > trovare.

    La cosa può essere vista anche dalla prospettiva opposta: Lessig è abbastanza famoso, e parlando della sua vicenda ha dato l'impressione di essere un caso unico al mondo per quanto riguarda i reclami su Youtube. È ovvio che un'analoga conclusione riguardante la signora Serbelloni non avrebbe ricevuto un trafiletto nemmeno nel quotidiano di provincia.

    I motivi esatti del cambiamento di idea non li conosco. So solo che qui c'è la gara ad indignarsi appena si scorge la parola "copyright", anche in casi a lieto fine, come questo. Indignazione in automatico.


    > > > Finche' questa simmetria non c'e' e
    > sara'
    > > sempre
    > > > a favore del piu' forte, io saro' qui a
    > > > lamentarmi.
    > >
    > > Si è mai vista, in natura, una formica che
    > vince
    > > contro un elefante?
    >
    > Evidentemente gli elefanti sono piu' veloci e
    > scappano.
    > Questo qua non e' stato abbastanza veloce.

    Sono trucchi di montaggio. Fanno vedere dapprima un attacco per ragioni di invasione del territorio, e poi, nella sequenza successsiva, un altro animale della stessa specie morto per cause naturale mangiato dalle formiche.
    Io tra l'altro parlavo di una sola formica.


    > > > Perfino nei reati piu' efferati
    > l'imputato
    > ha
    > > > piu' diritti e piu' garanzie delle sue
    > > > vittime.
    > >
    > > Vabbè, quando hai finito di fare il
    > riassunto di
    >
    > > Cronaca vera e di
    > > Libero riprendiamo il
    > filo
    > > del discorso. Che riguarda Lessing e il suo
    > > video, e non i massimi
    > > sistemi.
    >
    > Non c'e' altro da aggiungere.
    > Quello col paraocchi qua sei tu, e poco importa
    > che tu stesso sia stato vittima di un abuso di
    > diritto
    > d'autore.

    Perché devi sempre andare sul personale, non lo so.
    L'ho detto e lo ripeto: coltiva la tua paranoia quanto vuoi, ma non stupirti se sarai sempre solo a lanciare questi allarmi al vento. Perché il grosso della popolazione si preoccupa di problemi reali, non di quelli che sono solo nella tua testa.
  • - Scritto da: unaDuraLezione
    > Esattamente come scrissi tempo fa (e il signor
    > 'Allibito' mi diede contro manco gli avessi
    > offeso la madre Anonimo
    > ):
    > http://punto-informatico.it/b.aspx?i=3877490&m=387
    >
    > Tiè Ficoso
    >
    > Ricordate tutti:
    > Il fair use è un'eccezione alla legge sul
    > diritto d'autore, ovvero limita il diritto
    > di autore in determinati
    > casi.
    >
    > E il disclaimer "questo prodotto non può essere
    > usato BLA BLA BLA BLA" è PURA MENZOGNA, in quanto
    > omette puntualmente tutte le
    > eccezioni.

    allibito e' qeul tipo di persona alla quale ci si puo' tranquillamente riferire con un termine che indica comunemente un'arma da fuoco di tipo convenzionale, che rientra nella categoria delle cosi' dette armi da fuoco "corte", inizialmente concepite per essere impugnate con una sola mano.
    non+autenticato
  • - Scritto da: unaDuraLezione
    > Esattamente come scrissi tempo fa (e il signor
    > 'Allibito' mi diede contro manco gli avessi
    > offeso la madre Anonimo
    > ):

    E non solo tu...... io nel thread scrivevo......
         "ma nessun imbarazzo da questi (C) troll?.
    -23 ago 2013, 18.14
    ma nessun imbarazzo da questi copyright troll australiani?
    Qui non si tratta del solito tizio anonimo che puo venir violentato dal DMCA,MPAA e RIAA in silenzio.

    Tralasciando la sua ventennale(?) attivita' da attivista, a parte che era nel board di EFF, E' un famoso docente di harvard e stanford.. LE scuole per antonomasia dove si forgiano avvocati e giudici... sicurisicuri di voler battagliare per quattro byte di meZda ?
    "

    e in effetti pare abbiano sentito. Causa legale droppata, data la colpa al solito dipendente lazzarone, e cenere sul capo.
    La figura da pirla, pero', rimarra' nelle cronache, per i posteri.
    non+autenticato