Claudio Tamburrino

Netflix firma per il peering con Time Warner

Ora il più importante player di servizi streaming video ha accordi con i quattro principali ISP statunitensi. Così da preservare la qualità del servizio, mentre combatte per la net neutrality con FCC

Netflix firma per il peering con Time WarnerRoma - Netflix ha raggiunto un accordo con l'ISP Time Warner Cable per garantire la qualità del suo servizio di streaming. L'accordo è il quarto che Netflix firma con un ISP: aveva già stretto l'alleanza con Comcast, AT&T e Verizon (con cui però aveva avuto da ridire a proposito del rispetto delle condizioni pattuite per il servizio).

In tutti questi casi Netflix ha sancito "una connessione più diretta" basata sul collegamento dei server Netflix presso datacenter di terze parti, al fine di "offrire una migliore esperienza d'uso ai consumatori". In pratica, Netflix ha raggiunto con i quattro maggiori ISP statunitensi un accordo di peering a pagamento: i suoi bit in transito sulla Rete godranno di un trattamento "di favore" sui network in questione.

Nonostante queste alleanze, peraltro, Netflix partecipa con altri colossi della net economy tra cui Google, Amazon e Facebook ad un'associazione che supporta strenuamente la net neutrality opponendosi fermamente alla "segregazione" di Internet in linee superveloci e linee lente, una separazione che porterebbe alla distorsione del mercato con danni all'innovazione, alla concorrenza e in definitiva agli interessi degli utenti della Rete.
Tramite tale associazione si è così unita al dibattito è ancora aperto aperto negli Stati Uniti davanti alla Federal Communications Commission (FCC), che vuole mettere mano alla materia per predisporre una nuova normativa.

Claudio Tamburrino
Notizie collegate
  • BusinessUSA, il peering minaccia la net neutrality?Le proteste di Netflix hanno scatenato un putiferio, ma la realtà mostra come la neutralità della Rete poco c'entri con le infrastrutture legate alle CDN. Tutti si accordano, qualcuno paga: e la FCC indaga
  • AttualitàNet neutrality, si muovono le aziende di InternetL'associazione dei grandi operatori telematici riafferma il proprio supporto a una Internet senza corsie preferenziali pagate a peso d'oro in un documento inviato alla FCC. Che ora dovrà decidere sulle nuove regole
  • AttualitàNet neutrality, leggi e politicaUna nuova legge vuole mettere al bando le corsie preferenziali fornite dagli ISP alle aziende paganti, mentre il padre della net neutrality entra in politica e il dibattito infuria: la FCC dovrebbe occuparsi d'altro?