Gaia Bottà

WhatsApp, quota 700 milioni

L'app di messaggistica istantanea cresce senza posa: aumentano gli utenti, aumentano i messaggi scambiati. E per il 2015, la promessa di migliorarsi

Roma - Oltre 700 milioni di utenti attivi al mese, oltre 30 miliardi di messaggi scambiati al giorno: il CEO di WhatsApp comunica i successi della propria azienda e promette per l'anno appena iniziato il massimo impegno per continuare a migliorare il servizio di messaggistica.

La vertiginosa crescita dei numeri di WhatsApp, che nel mese di agosto annunciava il raggiungimento dei 600 milioni di utenti mensili dopo il traguardo dei 500 milioni tagliato nel mese di aprile, non appare affatto rallentata dall'acquisizione miliardaria da parte di Facebook, annunciata nel mese di febbraio e conclusa nel mese di ottobre: le apprensioni riguardo alla privacy degli utenti, che minacciavano di abbandonare il servizio intimoriti dalla sete di dati del colosso in blu, sono evidentemente state temperate da migliorie tecniche e nuove funzioni.

Facebook, tra WhatsApp e Instagram, tra il proprio social network e l'app collaterale dedicata alla messaggistica, si ritrova così a poter contare su servizi che vantano una base di utenza invidiabile. Se non è ancora prevista una strategia di monetizzazione dedicata a WhatsApp non mancano però le prospettive per il futuro, tra le anticipazioni di una versione desktop e l'attesa per le chiamate vocali.
"Vi promettiamo che continueremo a lavorare sodo per rendere WhatsApp ancora migliore", ha annunciato Koum senza entrare nei dettagli. (G.B.)
Notizie collegate
19 Commenti alla Notizia WhatsApp, quota 700 milioni
Ordina
  • non mi dispiacerebbe se implementassero messaggi ed allegati criptati secondo il metodo gpg, costerebbe davvero poco ed uno potrebbe usare le proprie chiavi per firmare i propri messaggi, ora che i processori a 64 bit stann cominciando ad uscire sarebbe il caso usarli per qualcosa di utile almeno

    mr. facebook aveva detto che ci teneva alla privacy dei propri utenti e a parole si era detto contrario ai controlli della nsa, lo dimostri
    non+autenticato
  • - Scritto da: Guerra

    > mr. facebook aveva detto che ci teneva alla
    > privacy dei propri utenti

    Clicca per vedere le dimensioni originali
    Clicca per vedere le dimensioni originali
    Clicca per vedere le dimensioni originali
    Clicca per vedere le dimensioni originali
    Clicca per vedere le dimensioni originali
    Clicca per vedere le dimensioni originali
    non+autenticato
  • - Scritto da: Guerra
    > non mi dispiacerebbe se implementassero messaggi
    > ed allegati criptati secondo il metodo gpg,
    > costerebbe davvero poco ed uno potrebbe usare le
    > proprie chiavi per firmare i propri messaggi, ora
    > che i processori a 64 bit stann cominciando ad
    > uscire sarebbe il caso usarli per qualcosa di
    > utile almeno

    Impossibile, andrebbe contro i loro stessi interessi.

    > mr. facebook aveva detto che ci teneva alla
    > privacy dei propri utenti e a parole si era detto
    > contrario ai controlli della nsa, lo
    > dimostri

    Aspette e spera...
    non+autenticato
  • - Scritto da: Guerra
    > non mi dispiacerebbe se implementassero messaggi
    > ed allegati criptati secondo il metodo gpg,
    > costerebbe davvero poco ed uno potrebbe usare le
    > proprie chiavi per firmare i propri messaggi, ora
    > che i processori a 64 bit stann cominciando ad
    > uscire sarebbe il caso usarli per qualcosa di
    > utile
    > almeno
    >
    > mr. facebook aveva detto che ci teneva alla
    > privacy dei propri utenti e a parole si era detto
    > contrario ai controlli della nsa, lo
    > dimostri
    Stai trollando, vero?
    non+autenticato
  • Carina e senz'altro la più diffusa,ma molto più limitata dei concorrenti

    - Non ha una versione per PC,neanche via web

    - Non puoi effettuare chiamate VOIP (si vocifera che tale opzione forse arriverà verso metà 2015)

    - impossibilità di uso parallelo con altri device visto che è legato al numero di telefono e funziona solo su quello...
    non+autenticato
  • - Scritto da: Etype

    >
    > - impossibilità di uso parallelo con altri device
    > visto che è legato al numero di telefono e
    > funziona solo su
    > quello...

    -comprata dai paladrini della privacy, Facebook
    non+autenticato
  • si anche,ma questo è un aspetto minore...

    Qualsiasi chat ti trovi ad usare ti affidi a server di un'azienda privata che in pratica può farne quello che vuole.

    E' un pò come iscriversi a Facebook ma poi lamentarsi della privacy,se lo vuoi usare scendi a compromessi altrimenti non t'iscrivi proprio.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Etype

    > Qualsiasi chat ti trovi ad usare ti affidi a
    > server di un'azienda privata che in pratica può
    > farne quello che
    > vuole.

    no.
    Ci sono chat con end2end encryption.
    non+autenticato
  • ti riferisci all'ottimo Telegram ?Sorride
    non+autenticato
  • Che, mio malgrado, non usa nessuno.
    Comunque, altro difetto di WhatsApp, non puoi inviare qualunque tipo di file ed è piuttosto assetata di risorse.
    non+autenticato
  • Sono i motivi per cui non uso W.A....
    molto meglio Hangout o Viber
  • D'accordo,ma calcola che WeChat,Line ed altre già offrono molto di più rispetto a WhatsApp...

    Paradossalmente l'app per chattare più diffusa è la meno evoluta.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Etype
    > Carina e senz'altro la più diffusa,ma molto più
    > limitata dei
    > concorrenti
    >
    > - Non ha una versione per PC,neanche via web
    >
    > - Non puoi effettuare chiamate VOIP (si vocifera
    > che tale opzione forse arriverà verso metà
    > 2015)
    >
    > - impossibilità di uso parallelo con altri device
    > visto che è legato al numero di telefono e
    > funziona solo su
    > quello...

    Me lo stavo domandando proprio mentre leggevo l'articolo, chissà cosa ha favorito Whatsapp rispetto ad altre app simili. Ce n'erano già molte altre disponibili all'epoca e pressochè offrivano le stesse funzioni, oppure sbaglio?
    Comunque una versione desktop sarebbe veramente comoda.
  • - Scritto da: Bonta-Kun
    > Me lo stavo domandando proprio mentre leggevo
    > l'articolo, chissà cosa ha favorito Whatsapp
    > rispetto ad altre app simili.

    Un pò il passaparola,un pò il fatto che è legato al numero di telefono,quindi automaticamente ti connette con tutti quelli che hai in rubrica senza bisogno di saper user o altre informazioni.
    Peccato che i numeri che hai in rubrica finiscano anche nei server dell'appliccazione,ad oggi è anche quella che richiede più permessi per essere usata,in pratica vuol sapere tutto di te...

    > Ce n'erano già
    > molte altre disponibili all'epoca e pressochè
    > offrivano le stesse funzioni, oppure
    > sbaglio?

    Si c'era qualcosa ma non con le stesse caratteristiche

    > Comunque una versione desktop sarebbe veramente
    > comoda.

    A chi lo dici,calcola che delle altre piattaforme ci sono già.
    Comunque in realtà fino a qualche tempo fa lo potevi fare con plugin di terze parti dei vari messenger con l'ultima non lo puoi più fare.
    Altro modo un pochino più complesso ma funzionale e portare parte del sistema Android sotto windows per poi gestire l'applicazione da li come se fosse uno smartphone,se fai una ricerca vedi di cosa parlo.
    Ovviamente questo è un modo indiretto per averlo,ad oggi è il metodo più affidabile.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Etype
    > Carina e senz'altro la più diffusa,ma molto più
    > limitata dei
    > concorrenti
    >
    > - Non ha una versione per PC,neanche via web

    è vero ma puoi installare bluestacks su pc ed usarla senza problemi

    >
    > - Non puoi effettuare chiamate VOIP (si vocifera
    > che tale opzione forse arriverà verso metà
    > 2015)

    è vero, nettamente inferiore ai concorrenti
    >
    > - impossibilità di uso parallelo con altri device
    > visto che è legato al numero di telefono e
    > funziona solo su
    > quello...

    ho usato un vecchio numero che tengo sul 3310 per le emergenze, tipo quando ti muore lo smartphone
    non+autenticato