Gaia Bottà

Lizard Squad, attacco volatile

La crew sostiene di aver compromesso i server di Malaysia Airlines, la compagnia aerea sostiene si tratti di un semplice dirottamento del traffico

Roma - Il sito di Malaysia Airlines ha subito un attacco nelle scorse ore: la home page della compagnia aerea redirezionava gli utenti verso una pagina approntata dal collettivo Lizard Squad, connotata da sfumature sarcastiche in riferimento alla tragedia del volo MH370 e da riferimenti ad un sedicente "cybercaliffato ufficiale".

La homepage di Malaysia Airlines

"Hacked by LIZARD SQUAD-OFFICIAL CYBER CALIPHATE" era il messaggio che compariva sulla pagine di destinazione, insieme all'immagine della lucertola simbolo del gruppo protagonista di numerose recenti offensive. Se il riferimento al cybercaliffato richiama alla mente l'attacco condotto nei giorni scorsi al danni degli account Twitter e YouTube dei militari statunitensi dello U.S. Central Command (CENTCOM), non emergono per ora evidenti connessioni fra le due operazioni. Il movente dell'attacco appare altrettanto fumoso.

Malaysia Airlines, dopo 7 ore di disservizi, ha ripristinato l'accesso al proprio sito ufficiale: secondo le ricostruzioni della compagnia aerea, si sarebbe trattato di un problema temporaneo dovuto ad una compromissione a livello di DNS, un attacco che non avrebbe coinvolto i server su cui risiedono il sito e il sistema di gestione dei dati e delle prenotazioni degli utenti.
Ma dall'account Twitter Lizard Squad ribatte e promette la pubblicazione di parte della "refurtiva" ottenuta nel corso dell'operazione, supportando la minaccia con un'immagine postata su Imgur, ora inaccessibile.


La portata dell'attacco è dunque ancora da chiarire. Nel recente passato, in seguito ai DDoS natalizi condotti ai danni di PlayStation Network e Xbox Live e al fermo di alcuni dei suoi membri, la crew non si è contraddistinta per una particolare cura dei dettagli: i dati personali connessi agli utenti del servizio di DDoS su ordinazione Lizardstresser.su, protetti da scarse misure di sicurezza e ottenuti da terzi, sarebbero finiti nelle mani delle autorità che indagano sul gruppo. Lizard Squad è intervenuta per rettificare, sostenendo di non aver subito l'onta del crack, ma di aver optato per il volontario tradimento dei propri utenti.

Gaia Bottà

fonte immagine
Notizie collegate
  • SicurezzaLizard Squad, crackati nell'onoreCompromesso il sistema che le Lucertole hacker volevano vendere come piattaforma commerciale per attacchi DDoS. Decine di migliaia gli account esposti, con password salvate in chiaro
  • AttualitàLizard Squad, un nuovo arrestoFermato nel Regno Unito un giovane sospettato di aver preso parte agli attacchi DDoS natalizi che hanno abbattuto PSN e Xbox Live. Le indagini procedono, in collaborazione con l'FBI
  • SicurezzaConsole, Natale offline causa DDoSLa crew di Lizard Squad mantiene le promesse e butta giù i network videoludici giusto in tempo per le feste. Il ritorno alla normalità è lento, le conseguenze bruciano e anche Anonymous partecipa al "gioco" delle accuse e delle minacce
  • AttualitàSony PSN sotto attacco, minaccia bomba per il presidenteFinisce offline la piattaforma di gioco della console nipponica, sotto i colpi di un DDoS. Coinvolti anche Battle.net e altri giochi. John Smedley costretto a far atterrare il proprio aereo a causa delle minacce di farlo esplodere
1 Commenti alla Notizia Lizard Squad, attacco volatile
Ordina