Gaia Bottà

USA: i dati europei sono al sicuro

Gli Stati Uniti condannano il parere dell'avvocato generale della Corte di Giustizia dell'Unione Europea: l'intelligence statunitense opera legalmente e non minaccia la privacy dei cittadini europei che affidano la propria vita digitale alle aziende d'Oltreoceano

Roma - L'avvocato generale della Corte di Giustizia dell'Unione Europea avrebbe commesso degli errori di valutazione nel raccomandare all'UE di diffidare dagli Stati Uniti e nell'attribuire all'intelligence americana comportamenti lesivi dei diritti fondamentali del cittadino: il governo statunitense chiede fiducia, chiede che l'Unione Europea non metta in dubbio il ruolo di approdo sicuro per i dati dei cittadini europei trasferiti oltreoceano dalle aziende come Facebook, Google, Microsoft e via dicendo.

Se dopo lo scandalo del Datagate le istituzioni europee hanno già preso posizione con proposte non vincolanti per garantire ai cittadini la protezione dalle ingerenze dell'intelligence d'Oltreoceano, la minaccia ora percepita dagli USA è concreta: la scorsa settimana l'avvocato generale della Corte di Giustizia dell'Unione Europea, chiamato a formulare un parere legale preliminare sul caso aperto dall'attivista Max Schrems sulla gestione dei dati tra Irlanda e Stati Uniti da parte di Facebook, ha raccomandato l'invalidazione del controverso trattato Safe Harbor, che dal 2000 autorizza le aziende a gestire liberamente i dati di cittadini europei su server statunitensi. Non bastano evidentemente le autocertificazioni previste dal trattato, ha osservato l'avvocato generale Yves Bot, a garantire che i dati dei cittadini europei siano al sicuro da pericolosi trattamenti: a dimostrarlo, ha spiegato Bot, la "sorveglianza indiscriminata di massa" operata dalla NSA, ritenuta una "interferenza ingiustificata con i diritti garantiti dagli articoli 7 e 8 della Carta dei Diritti Fondamentali dell'Unione Europea" a tutela del diritto alla vita privata a alla protezione dei dati personali.

La United States Mission to the European Union, composta dai diplomatici che gestiscono i rapporti tra le istituzioni europee e il governo statunitense, è ora intervenuta per esprimere la posizione degli States, nell'auspicio che che la Corte di Giustizia dell'Unione Europea non prenda in considerazione il parere dell'avvocato generale Bot. Un parere, a dire dei diplomatici americani, macchiato da "asserzioni imprecise riguardo alle pratiche di intelligence degli Stati Uniti".
"Gli Stati Uniti non sono impegnati nella sorveglianza inscriminata di nessuno, compresi gli ordinari cittadini europei, e non lo sono stati in passato", afferma la United States Mission to the European Union: il programma PRISM emerso con le soffiate di Snowden "ha per obiettivo dei soggetti stranieri individuati dall'intelligence, è debitamente autorizzato dalla legge ed è sottoposto a controlli e limiti pubblicamente accessibili". Se è vero che PRISM agisce sulla base di meccanismi legali previsti della discussa Sezione 702 del FISA Act, però, è altresì vero che le aziende chiamate per legge a concedere ad NSA l'accesso ai dati di cittadini stranieri si dichiarano da tempo all'oscuro di altre pratiche messe in atto dall'intelligence ai fini di sorveglianza venute alla luce con il Datagate. Pratiche rispetto alle quali l'avvocato Bot non è entrato nei dettagli, semplicemente incaricato di analizzare il contenzioso in corso tra Max Schrems e le autorità irlandesi.

I diplomatici statunitensi, peraltro, invitano la Corte di Giustizia dell'Unione Europea a considerare l'impegno degli States negli ultimi due anni. L'operato di NSA è stato sottoposto a giudizio, il Patriot Act è stato ridimensionato nel mesi scorsi, ma le promesse formulate dagli States devono ancora trovare il conforto della realtà dei fatti, ammesso che essi stessi non siano troppo segreti. La United States Mission to the European Union chiede di guardare al presente e al futuro e ai "passi senza precedenti compiuti dal presidente Obama per aumentare la trasparenza e la fiducia della società civile rispetto alle operazioni dell'intelligence statunitense, e per rafforzare le policy al fine di assicurare che tutte le persone siano trattate con dignità e rispetto, indipendentemente dalla loro nazionalità o dal luogo di residenza".

Il futuro, spiega poi il governo statunitense, non dovrà essere pregiudicato dall'annullamento degli accordi Safe Harbor proprio nel momento in cui Unione Europea e USA li stanno riformulando per migliorarli, per garantire che le aziende che operano a cavallo tra i due continenti possano continuare a gestire i dati dei propri utenti presso le infrastrutture che ritengono più opportune, salvo controversie.

Per conoscere il parere della Corte di Lussemburgo e il destino degli accordi Safe Harbor si dovrà attendere il 6 ottobre.




Gaia Bottà
Notizie collegate
  • Diritto & InternetPrivacy UE: gli USA sono un approdo sicuro?Il caso irlandese sollevato contro Facebook dall'attivista Max Schrems potrebbe interrompere il flusso di dati che sgorga dai server del Vecchio Continente. Gli abusi del Datagate dovrebbero spingere l'Europa a riformulare il proprio quadro normativo, suggerisce l'avvocato generale della corte di Giustizia dell'Unione Europea
  • AttualitàApple, Microsoft e il braccio di ferro sulla privacyLe aziende IT continuano a opporsi alle richieste delle autorità USA per accedere ai dati degli utenti. È il frutto del mondo post-Snowden, dove la cifratura per alcuni è sospetta, per altri va difesa come strumento di libertà
  • Diritto & InternetLa melma della privacy americanaUE e USA hanno raggiunto un mezzo accordo sulla gestione dei dati personali degli europei. Ma negli States è proprio la concezione stessa di e-privacy ad essere diversa. Ci dovremo abituare a quel fango?
18 Commenti alla Notizia USA: i dati europei sono al sicuro
Ordina
  • I server americani ''approdo sicuro per i dati dei cittadini europei'': ma cos'è? la miglior barzelletta della settimana?

    A rigor di logica, la frase corretta dovrebbe essere: ''approdo sicuro per la nostra intelligence che così potrà spiare impunemente i cittadini e le aziende europee, visto che tali dati si trovano localizzati fisicamente in USA, soggetti alla legislazione americana, la quale non tutela i diritti digitali dei non-americani''.

    Ci tenete ai vostri dati?

    1) Non metteteli su Cloud. Se, però, il Cloud è proprio necessario (?) utilizzate esclusivamente servizi europei/extra-europei: questo discorso vale doppiamente per le Aziende.

    2) Mai e poi mai inviare dati in chiaro su Cloud, anche se il server di destinazione è localizzato in Europa: i dati prima del transito devono essere cifrati in locale con un algoritmo decente tipo blowfish/twofish/serpent con una password robusta (almeno 30 caratteri alfanumerici, meglio se di senso non compiuto).

    3) Non usate FB od altri Social, messaggistica istantanea o servizi tipo Skype/WhatsApp

    4) non usate email USA/UK e se possibile usate la cifratura sulle email o quantomeno sugli allegati

    5) quando fate ricerche su motori americani tipo google/bing utilizzate sempre un http proxy (non USA/UK) meglio se abbinato con TorBrowser.

    Se tutti gli europei - Aziende comprese - iniziassero ad adottare queste semplici precauzioni forse gli americani inizierebbero a risponderci come si dovrebbe rispondere ad un partner ed alleato storico, magari smettendo di trattarci con sufficienza e per di più prendendoci in giro negando l'evidenza, come se fossimo tutti dei bimbiminkia cerebrolesi.
    -----------------------------------------------------------
    Modificato dall' autore il 30 settembre 2015 18.37
    -----------------------------------------------------------
  • - Scritto da: vrioexo
    > I server americani ''approdo sicuro per i dati
    > dei cittadini europei'': ma cos'è? la miglior
    > barzelletta della settimana?

    No, la migliore e' "Windows 10 non spia gli utenti!"

    Questa al massimo puo' ambire al secondo posto...
  • - Scritto da: panda rossa
    > - Scritto da: vrioexo
    > > I server americani ''approdo sicuro per i
    > dati
    > > dei cittadini europei'': ma cos'è? la miglior
    > > barzelletta della settimana?
    >
    > No, la migliore e' "Windows 10 non spia gli
    > utenti!"
    >
    > Questa al massimo puo' ambire al secondo posto...

    Di certo avrai notato, dai miei più o meno radi interventi sparsi qua e là, che apprezzo sia Windows che Linux (con una predilezione per Windows dovuta sia a motivi ''storici'' - uso Win dalla 3.xx - sia all'ambiente di sviluppo che tutt'ora uso): quindi, se un utente ''storico'' quale sono arriva a criticare così pesantemente le scelte della Microsoft - a partire da w8 e ancora di più con w10 - e non penso di essere l'unico - allora c'è qualcosa che non va...Nel Thread che hai appena citato, neanche a farlo apposta, ho scritto:

    W10 passerà alla storia dell'informatica come il primo APT di massa camuffato da O.S.

    ...letta così al volo può sembrare una battuta, forse lo è...o forse no...ma una cosa la posso dire seriamente: ho avuto modo di analizzare spyware che utilizzavano molte meno connessioni TCP/IP della telemetria di Windows: basta semplicemente leggere la lista degli indirizzi collegati a questa nuova ''feature'' per fugare ogni dubbio; ognuno ne tragga le dovute conclusioni belle o brutte che siano.

    E quando la Microsoft decide di implementare tutto questo baraccone stile ''Grande Fratello''? Ma ovvio! dopo il Datagate...veramente dei volpini! degni di beccarsi in diretta un Tapiro d'oro per ogni IP collegato alla telemetria (ci vorrà un treno merci per trasportarli tutti).
  • divertente il battibecco USA vs UE.... quando in UE abbiamo il GHCQ (degli amati fratelli britannici)Sorride
    non+autenticato
  • - Scritto da: bubba
    > divertente il battibecco USA vs UE.... quando in
    > UE abbiamo il GHCQ (degli amati fratelli
    > britannici)
    >Sorride

    che non solo passava loro i dati europei, ma soprattutto passava i dati degli utenti USA, in modo che l'intercettazione non fosse ad opera del governo USA e quindi non fosse incostituzionale (ma il risultato è ovviamente lo stesso)

    Mi ricorda quei film di serie B dove...
    "hei hai promesso di non uccidermi"
    "davvero?"
    "sì, davvero!"
    "ah.. dannazione, l'ho detto è vero oram i ricordo... hey Jim, uccidilo tu!"
    non+autenticato
  • - Scritto da: hhhh
    > - Scritto da: bubba
    > > divertente il battibecco USA vs UE....
    > quando
    > in
    > > UE abbiamo il GHCQ (degli amati fratelli
    > > britannici)
    > >Sorride
    >
    > che non solo passava loro i dati europei, ma
    > soprattutto passava i dati degli utenti USA, in
    > modo che l'intercettazione non fosse ad opera del
    > governo USA e quindi non fosse incostituzionale
    > (ma il risultato è ovviamente lo
    > stesso)
    si esatto.... eheh... i bananas di bruxelles/lussemburgo (e i loro cugini locali) fanno continuamente questi "giochetti"... un altro tipico e' sull'evasione fiscale... OMG mancano soldi -gridano localmente e cio' viene certificato in UE- ,poi 'europeisticamente' abbiamo tecniche di evasione 'legalizzata' che rimangono sempre li'.... lussemburgo e' il maestro (ironiaCon la lingua fuori), olanda, belgio, uk, (ma anche san marino, malta, ecc ecc)... aliquote iva ad cazzum, e altre mille. Poi i megacondoni locali. E giu' a batibeccare "dove tagliare servizi/non ci sono soldi per i servizi/aumentare le tasse". E GOTO 1.

    > Mi ricorda quei film di serie B dove...
    > "hei hai promesso di non uccidermi"
    > "davvero?"
    > "sì, davvero!"
    > "ah.. dannazione, l'ho detto è vero oram i
    > ricordo... hey Jim, uccidilo
    > tu!"
    hei.. credo ci fosse anche in "i signori della truffa" questo espediente narrativo ... ma quello e' un film di serie ASorrideCon la lingua fuori
    non+autenticato
  • La ns. legge dice chiaramente che possiamo fare il c.. che ci piace, quindi è tutto legale e stop.
    E occhio che se continuate a lamentarvi quadruplichiamo il quantitativo di armi che vendiamo al'isis e poi vi vengono a prendere.
    non+autenticato
  • - Scritto da: AxAx

    > vendiamo al'isis e poi vi vengono a
    > prendere.

    per come si stanno mettendo le cose, mi sa che tra poco saranno loro "ad esseri presi" da qualche russo ubriaco Rotola dal ridere
    non+autenticato
  • "l'intelligence statunitense opera legalmente"

    Peccato che la vostra legge danneggia noi europei, genialoidi Rotola dal ridereRotola dal ridereRotola dal ridere
    non+autenticato
  • - Scritto da: hhhh
    > " l'intelligence statunitense opera
    > legalmente
    "

    Opera legalmente secondo la legge americana che dice chiaramente: "E' vietato spiare cittadini americani sul suolo americano".

    Non vieta nient'altro, e tutto cio' che non e' vietato, e' permesso...

    Quindi e' vero: opera legalmente.
  • - Scritto da: panda rossa
    > - Scritto da: hhhh
    > > " l'intelligence statunitense opera
    > > legalmente
    "
    >
    > Opera legalmente secondo la legge americana che
    > dice chiaramente: "E' vietato spiare cittadini
    > americani sul suolo
    > americano".
    >
    > Non vieta nient'altro, e tutto cio' che non e'
    > vietato, e'
    > permesso...
    >
    > Quindi e' vero: opera legalmente.

    C'e' stato un certo periodo storico in cui una certa parte del mondo mandava una certa tipologia di persone in campi di sterminio. Tengo a precisare che era tutto legale, eh!: timbri, bolle di consegna, firme, registrazioni di quanti convogli, da dove partivano, a che ora arrivavano, tutto scritto, tutto registrato. Quanti da gassare al giorno, premi di produzione si superava la quota e cosi' via.

    Resta il piccolo appunto che non sempre cio' che e' "legale" e' anche "giusto".

    PS: i tedeschi non hanno perso il vizietto di giocare col gas, ma almeno stavolta alla VW si sono limitati a truccare quello di scarico.
    non+autenticato
  • - Scritto da: ...

    > C'e' stato un certo periodo storico in cui una
    > certa parte del mondo mandava una certa tipologia
    > di persone in campi di sterminio. Tengo a
    > precisare che era tutto legale, eh!: timbri,
    > bolle di consegna, firme, registrazioni di quanti
    > convogli, da dove partivano, a che ora
    > arrivavano, tutto scritto, tutto registrato.
    > Quanti da gassare al giorno, premi di produzione
    > si superava la quota e cosi'
    > via.


    E quindi?
    Se non hai nulla da nascondere, non hai nulla da tremare!
    non+autenticato
  • Non è quello che hai da nascondere ma quello che possono farti con quello che sanno di te,se vogliono......
    non+autenticato
  • - Scritto da: W Linux
    > Non è quello che hai da nascondere ma quello che
    > possono farti con quello che sanno di te,se
    > vogliono......

    sono davvero cattivi allora!
    non+autenticato
  • - Scritto da: hhhh

    > E quindi?
    > Se non hai nulla da nascondere, non hai nulla da
    > tremare!

    e se tra un anno andassero al potere dei neonazisti e tu fossi ebreo?

    il concetto di "nulla da nascondere" dipende dal luogo in cui ti trovi e pure dal periodo storico
    non+autenticato
  • - Scritto da: collione
    > - Scritto da: hhhh
    >
    > > E quindi?
    > > Se non hai nulla da nascondere, non hai
    > nulla
    > da
    > > tremare!
    >
    > e se tra un anno andassero al potere dei
    > neonazisti e tu fossi
    > ebreo?

    Ma senza andare troppo di fantasia, se domani andasse al potere l'ISIS e tu fossi qualunque cosa che non gli vada a genio...

    ...ma anche se gli andassi a genio ti arruolerebbero per qualche bella missione suicida, in cambio di un posto assicurato in paradiso!
  • - Scritto da: collione

    > e se tra un anno andassero al potere dei
    > neonazisti e tu fossi
    > ebreo?

    Un po' come se andasse al potere Microsoft e tu fossi un loro utente.
    Ah no, quello che è già così ma con Google.
    non+autenticato
  • - Scritto da: ...

    > PS: i tedeschi non hanno perso il vizietto di

    quei gas lì li hanno passati alla Bayer

    > giocare col gas, ma almeno stavolta alla VW si
    > sono limitati a truccare quello di
    > scarico.

    e la cosa interessante è che la VW fu fondata da HitlerA bocca aperta
    non+autenticato