Gaia Bottà

USA, il tecnocontrollo e il terrore

Proposte di legge per resuscitare il Patriot Act, per garantirsi backdoor di stato anche se il terrorismo usa SMS, per oscurare la rete della propaganda terrorista. Dopo gli attacchi di Parigi, anche Telegram blocca le comunicazioni dell'ISIS: ma è costretta a precisare la differenza tra pubblico e privato

Roma - Gli attentati di Parigi, come prevedibile, hanno suscitato in Rete e per la Rete le reazioni più contrastanti: la solidarietà mostrata dai netizen e dalle aziende che operano online ha presto ceduto il passo al timore nei confronti di ciò che in Rete c'è di incontrollabile: la cifratura, questione ampiamente dibattuta, al centro del bilanciamento tra il diritto dei cittadini alla vita privata e le esigenze di sicurezza nazionale, è stato il primo bersaglio della retorica politica. Ma la propaganda incentrata sulla leva del terrore e sulla panacea del tecnocontrollo continua a riempire le bocche degli inquilini dei Palazzi: nuove proposte ribollono soprattutto negli Stati Uniti, costretti dallo scandalo del Datagate a retrocedere nelle tentacolari pratiche di sorveglianza legittimate a partire dal Patriot Act dall'urgenza di reagire al terrorismo.

E proprio il Patriot Act, giunto alla sua scadenza nei mesi scorsi, resta per qualcuno il modello da seguire: lo è per il senatore repubblicano Tom Cotton, che ha ventilato la proposta di un esplicito Liberty Through Strength Act, con l'intento di posticipare la scadenza della raccolta a strascico dei metadati telefonici fissata dallo USA Freedom Act per la fine di questo mese. Cotton auspica di prolungare la validità della pratica fino alla fine di gennaio del 2017, disponendo d'urgenza di rimandare la riforma della NSA e di consentire all'intelligence di intercettare sulla base di mandati estremamente permissivi.

Se le pratiche di tecnocontrollo mancano ancora di provare concretamente la loro efficacia, la retorica politica indirizza le giustificazioni sulle tecnologie di cifratura: nonostante gli States abbiano formalmente rinunciato a imporre alle aziende di spalancare delle backdoor per agevolare il monitoraggio dei nemici della sicurezza nazionale, è il senatore repubblicano John McCain a premere per un cambio di rotta, avviando un dibattito al Congresso in vista della proposta di un testo legislativo. Poco importa, a questo punto, che sia emerso che il coordinamento degli attentatori sia avvenuto attraverso gli ordinari e intercettabili SMS: la macchina del terrore opera a pieno regime e la lucidità del trattare il bilanciamento tra diritto alla privacy e diritto alla sicurezza è appannaggio di pochi.
La crociata degli States, poi non si combatte solo sul fronte tecnologico e della sorveglianza: oltre ad essere uno strumento insondabile di comunicazioni segrete, la Rete è un veicolo di proselitismo nelle mani dei terroristi. "L'ISIS e le reti terroristiche non possono batterci sul campo militare - ha ammonito il repubblicano Joe Barton - ma stanno tentando di usare Internet e tutti i social media per provare a impressionarci e batterci sul fronte psicologico". La soluzione? Barton guarda all'approccio francese al problema e suggerisce di "abbattere questi siti": pur essendo consapevole che "si moltiplichino come erbacce" e pur dimostrandosi incerto riguardo alle istituzioni che potrebbero agire in questo senso. Il Congressman ha già chiesto alla FCC, cane da guardia della neutralità della Rete e delle sue eccezioni, di meditare sulla questione, in vista di un eventuale coinvolgimento dei fornitori di connettività nella causa del soffocamento della libertà di espressione di coloro che vengano ritenuti usare Internet in maniera "estremamente offensiva e inappropriata nei nostri confronti".
La repressione delle libertà in Rete a mezzo di oscuramenti sull'onda del terrore si dimostra però ogni giorno più inadeguata: è stato necessario denunciare pubblicamente l'accaduto e verificare tre volte la propria identità ad una donna estromessa da Facebook per la sola colpa di portare il nome Isis.



Il dibattito è tutt'altro che sopito, e la quadratura del cerchio tra diritto alla privacy e diritto alla sicurezza, tra libertà di espressione e leggi che puniscono le manifestazioni di odio sembra sempre più complessa. È proprio nel tentativo di cercare questo delicato equilibrio che si è mossa Telegram, applicazione di messaggistica cifrata e privata che ospita altresì canali pubblici, veicolo tanto di comunicazioni riservate quanto di propaganda naturalmente pensata per avere la massima visibilità. Dopo l'annuncio del blocco di numerosi canali pubblici che ospitavano messaggi di terrore i gestori dell'app nel vano di mostrare il proprio supporto, sono stati costretti a precisare che le comunicazioni tra individui non si possono soffocare, a differenza di canali in cui la violazione è manifesta. Una precisazione necessaria a placare la fantasia di di media confusi almeno quanto i politici.

Gaia Bottà
Notizie collegate
  • AttualitàAnonymous e ISIS, antiterrorismo hacktivistaI terroristi devono vedersela anche con gli hacktivisti e con i loro metodi: sui social network sono sotto attacco gli account che sostengono l'ISIS ed è caccia aperta ai fondi digitali
  • AttualitàParigi, Jihad contro la crittografiaDopo gli attentati che hanno colpito la capitale francese, i governanti si scagliano contro le comunicazioni cifrate e quell'"assassino" di Edward Snowden. La cifratura, in sostanza, è una buona giustificazione al fallimento del tecnocontrollo
  • AttualitàFrancia, la Rete del terrorismoLa politica francese calca la mano sugli orrori della Rete, e sulle soluzioni per reprimerli: fino ad oggi sono stati bloccati 87 siti, in futuro c'è chi medita di punire chi li consulta. La lotta alla pedopornografia ha fatto scuola
  • AttualitàFrancia, fronte online contro il terroreSocial media ed aziende ICT si attivano per aiutare popolazione e turisti di Parigi durante le tragiche ore di venerdì. Ed Anonymous torna a minacciare vendetta
36 Commenti alla Notizia USA, il tecnocontrollo e il terrore
Ordina
  • Per controllare la popolazione e fare ciò che si vuole senza reclami, rivolte, boicottaggi, ecc., basta separare le persone e mantenerle nell'ignoranza usando i media in maniera mirata.
    Internet è sininimo di interscambio e nessun governo può permettere che i suoi cittadini pensino con la loro testa e siano troppo informati di cose da tenere nascoste.
    Troppo rischio di autarchia e di controllo del cittadino sui suoi rappresentanti.
    Un pericolo da evitare come la peste, imbrigliando con ogni scusa la sorgente di tutti i mali.
    Magari con intelligenza, convincendo il cittadino che lo si fa per il suo bene e per la sua sicurezza.
    E' fantastico che siano le persone stesse a chiedere di essere messe in gabbia per proteggersi dai leoni liberi.
    non+autenticato
  • Purtroppo posso solo constatare che codesti "americani" finora ne hanno combinati e ne stanno tuttora combinando dei bei "casini" . Sembra che più della democrazia stiano esportando intenzionalmente caos e destabilizzazione mondiale, evidentemente per loro reconditi interessi economici.
    non+autenticato
  • "la Rete è un veicolo di proselitismo nelle mani dei terroristi."

    Qui il vero veicolo di proselitismo è fessbuk insieme agli altri social networks, questi ultimi già ampiamente monitorati. Bastava farsi un giro, dopotutto era TUTTO IN CHIARO. Come al solito però chi aveva il compito di proteggere i cittadini si è voltato dall' altra parte in nome di chissà quali interessi.
    non+autenticato
  • Gli interessi sono evidenti a chi è informato, sottomettere l'europa alle multinazionali americane, avere un scusa per invadere la Siria e le colonie che anni addietro si ribellarono e ottennero l'indipendenza, far accettare ai cittadini europei più austerity e minor privacy in cambio di falsa sicurezza, organizzare l'esercito unico da usare per reprimere manifestazioni constrarie all'europa e all'america, isolare i brics che si oppongono da sempre (in particolare Cina, Russia e Brasile) con embargo, sanzioni, e sottrazione di terre finalizzate al passaggio di scambi commerciali (appunto i paesi del mio oriente).

    - Scritto da: tecnocontro
    > "la Rete è un veicolo di proselitismo nelle mani
    > dei
    > terroristi."
    >
    > Qui il vero veicolo di proselitismo è fessbuk
    > insieme agli altri social networks, questi ultimi
    > già ampiamente monitorati. Bastava farsi un giro,
    > dopotutto era TUTTO IN CHIARO . Come al
    > solito però chi aveva il compito di proteggere i
    > cittadini si è voltato dall' altra parte in nome
    > di chissà quali
    > interessi.
    non+autenticato
  • Il piano UE + brics + medio oriente è gia stato portato a termine da un pezzo, smetterla di rompere i cartoni no eh?! Il cittadino europeo se lo tosi un po' di più viene via la pelle.

    I brics sono in ginocchio già da un pezzo specialmente Russia e Brasile da quando il prezzo del barile di greggio è crollato. La cina è una bestia a parte comunque anche loro stanno decelerando.

    Il medio oriente? Ci fanno quello che vogliono da sempre.

    Sarebbe anche ora di smetterla di rompere i...
    non+autenticato
  • Non c'e' proprio proprio!!!
    Neanche la tua amata Hollywood ti spiegherà mai perché non c'é!!
    Papa bianco, papa nero, papa grigio, papa giallo, papa rosso, per dire!
    non+autenticato
  • l'avevo postata ieri ....

    < a proposito di major ... per rallentare molto la propaganda bisognerebbe usare Hollywood... altro che anonymous..A bocca aperta
    Fare un bel film di stampo hollywoodiano su isis e trademarkare tutto (jiad, daesh, isis ecc)... ogni volta che salta fuori un riferimento, la macchina da guerra di MPAA gia' ben rodata si mette in moto... caxxo hanno piegato governi, ISP, associazioni, banche, giudici, inventato nuovi mestieri.. i grandi content provider gia' si autocensurano da soli.... perfino Telegram (dicono molto usato dai tossici di cui sopra) ha nella policy [ we can take down sticker sets that violate intellectual property rights ] e non aveva niente(*) sui terroristi... l'MPAA e' peggio dell' US ArmyA bocca aperta

    [*] ho riguardato, e ora una nota c'e'
    >
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 9 discussioni)