Gaia Bottà

Adblocker, è lecito sfidare gli editori

La giustizia tedesca riconosce la quinta vittoria ad Adblock Plus: il modello degli adblocker dovrebbe stimolare gli editori a innovare. Uno stimolo sempre più impellente: anche Microsoft, con Edge, potrebbe essere della partita

Roma - Per la quinta volta le autorità tedesche hanno riconosciuto ad Adblock Plus la libertà di permettere agli utenti di schivare certa pubblicità online, e agli utenti la possibilità di esercitare una selezione sui contenuti visualizzati. Se la vittoria per Adblock Plus suona ormai come una conferma, il quadro si fa interessante nel momento in cui l'adblocking si sta configurando come un servizio sempre più orientato alle masse, complici gli stessi sviluppatori di browser, fra cui presto potrebbe figurare anche Microsoft.

Eyeo, sviluppatore di Adblock Plus, ha comunicato l'esito del confronto in tribunale con l'editore del Süddeutsche Zeitung come un noto ritornello: le motivazioni alla base della denuncia dell'editore sono le stesse che hanno mosso Axel Springer, Zeit Online, Handelsblatt e le emittenti RTL Interactive, ProSieben e Sat1, e puntano il dito contro l'interferenza di Adblock Plus con i contenuti pubblicitari e contro le sue famigerate whitelist di Acceptable Ad, su cui di recente Eyeo ha scelto di fare chiarezza nel tentativo di dimostrare che i denari ottenuti ad esempio da colossi come Google, Amazon e Microsoft non siano frutto di un meccanismo estorsivo.

Il giudice di Monaco incaricato di dirimere il contenzioso, ancora una volta, ha dato ragione ad Eyeo: l'argomentazione del tribunale tedesco verte sull'assenza di qualsivoglia contratto tra utenti ed editori che vincoli coloro che visitino i siti web a sorbirsi tutti i contenuti pubblicati. Adblock Plus, secondo quanto riferisce Eyeo a proposito della decisione del giudice, garantirebbe anzi agli editori la possibilità non scontata di monetizzare i propri contenuti e di far filtrare la pubblicità passando dalla whitelist degli Acceptable Ad, offrendo così agli utenti advertising di valore.
A differenza di quanto stabilito in precedenza, quando la giustizia tedesca ammetteva l'operato di Adblock Plus anche in virtù di una scarsa diffusione che non avrebbe turbato la concorrenza sul mercato, in questa occasione il giudice fa riferimento ad un confronto fra modelli di business: non esistono leggi che tutelano il modello di business dell'editoria tradizionale, e proprio la concorrenza degli adblocker dovrebbe sospingere l'innovazione sul mercato.

L'innovazione da parte del settore dell'editoria e dell'advertising appare dunque inevitabile, e possibilmente non concentrata sul semplice disinnesco degli adblocker, come ammesso dagli stessi operatori della pubblicità: le soluzioni di adblocking si moltiplicano e appaiono sempre meno di nicchia, a partire dalle prese di posizione di Mozilla, dalle aperture di Apple agli adblocker con iOS 9, passando per le scelte di Opera e di Samsung, per arrivare alla fioritura di browser ad hoc che vorrebbero mettere a frutto le apprensioni del editoriale e ad iniziative radicali di operatori come Tre. Fra i soggetti interessati a gettarsi nella mischia dell'adblocking, secondo una slide portata alla luce da ZDNet, ci sarebbe anche Microsoft: nei piani di Redmond illustrati a BUILD 2016, oltre all'integrazione delle estensioni in Edge a cui Adblock Plus si è già dichiarata interessata, nel browser potrebbero figurare funzioni dedicate a filtrare la pubblicità. Redmond ha per ora smentito, riferendo di non avere in programma "adblocker nativi" ma di prevedere che terze parti ne svilupperanno sotto forma di estensioni, nonostante nella presentazione si faccia chiaramente riferimento all'intenzione di operare anche autonomamente.

Gaia Bottà
Notizie collegate
  • TecnologiaOpera, l'adblocker è incorporatoPer scuotere l'industria dell'advertising, e offrire ai propri utenti la possibilità di schivare pubblicità e sistemi di tracciamento, Opera sta lavorando a una versione del browser desktop con filtri integrati
  • TecnologiaBrave browser, advertising contro advertisingIl cofondatore di Mozilla e padre di Javascript Brendan Eich annuncia l'avvento di un browser che blocca la pubblicità e il tracciamento per sostituirlo con altra pubblicità personalizzata. Gli utenti, promette, avranno privacy e controllo, anche sulla retribuzione degli editori
  • BusinessGermania, giornali contro gli adblockerScontro tra i siti d'informazione tedeschi e Adblock Plus. I contenuti gratuiti basati sulla pubblicità non possono privarsi delle redditizie visualizzazioni dei banner. Ma la campagna degli editori fa impennare le installazioni
26 Commenti alla Notizia Adblocker, è lecito sfidare gli editori
Ordina
  • Il modello di business basato sugli ADV funziona eccome, basta lasciar correre la selezione naturale evitando di imboccare i fessi con la pappa pronta di "default"... come si é messa in testa di fare papple inimicandosi col mondo intero e aggiungerei con scarsi risultati sul piano tecnico.
    non+autenticato
  • - Scritto da: ADV si
    > Il modello di business basato sugli ADV funziona
    > eccome, basta lasciar correre la selezione
    > naturale evitando di imboccare i fessi con la
    > pappa pronta di "default"... come si é messa in
    > testa di fare papple inimicandosi col mondo
    > intero e aggiungerei con scarsi risultati sul
    > piano tecnico.

    apple se lo puo' permettere perche i suoi indottrinati vivono in uno spichedelico mondo di latte e miele dove le batterie dei loro iphone si scaricano velocemente solo perche il demonio e' invidioso di loro, ma stiiv dall'alto dei cieli ci sta lavorando....
    se berrebbero qualunque cosa, tipo la terra cava, basta solo che venga detto da apple.
    non+autenticato
  • sul mio computer decido io cosa entra e cosa no. fine.
    ovviamente non uso ne' w10 ne' macosx
    non+autenticato
  • Inoltre (o capiscono o capiscono) con le "adsl a consumo" apparte i discorsi di principio l'adblocker è una necessità. Una sessione standard di navigazione è passata da 200/250 mb a 10/20 mb.
    non+autenticato
  • - Scritto da: prova123
    > Inoltre (o capiscono o capiscono) con le "adsl a
    > consumo" apparte i discorsi di principio
    > l'adblocker è una necessità. Una sessione
    > standard di navigazione è passata da 200/250 mb a
    > 10/20 mb.

    con un sito a caso (es: PI), prova a tracciare la massa di dati scaricati per un siingolo articolo: la parte importante (il testo dell'articolo vero e proprio) si limita a pochi kilobyte (per questo specifico articolo della botta' parliamo di 3791 byte), mentre la pagina pesa 100K (25 volte tanto). Infine se si contano anche tutte le varie immagini, NONOSTANTE filtri adblock e quant'altro, assomma a 1836 KB, in pratica 500 volte il "peso" della parte veramente intressante. E questo se guardiamo solo il carico sulla rete: il computer non e' vecchio, internet non e' lenta, semplicemente e' la massa di dati che e' inutilmente obesa. Altro fatto: molto della pagina e' composto da javascript che traccia, cataloga, spia e il cielo sa cosa altro fa.
    Ormai cose come noscript e adblock non sono un optional, ma una necessita' ormai imposta dalla "spregiudicatezza" dei siti.

    Io ho installato un navigatore internet che NON supporta javascript e il computer e' rinato: certo, non vedo le fufferie estetiche e certe parti non funzionano, ma finche si tratta di leggere l'ansa, PI, tomshw e altra roba i questo tipo, l'assenza di javascript e' un toccasana. Certo, magari il testo non e' formattato e semba il "televideo", ma anche un bel chissenefrega ci sta a fronte dell'estrema velocita' di visualizzazione e alla refrattarieta' verso javascript.

    Quando gli amministratori di siti recupereranno il rispetto verso gli internauti (leggi: mai) se ne protra' riparlare, ma fino a quel momento, protezioni al massimo. come diceva Leonida in "300", "prendete da loro tutto, non concedete a loro niente": questo e' quello che fanno a mio giudizio la maggioranza dei siti: beh, la musica sta cambiando.

    PS: e il refresh di PI ogni tot secondi lo giudico veramente inopportuno.
    non+autenticato
  • Gli adblocker sono inaccettabili... vanno proibiti! Se decido di spararti la pubblicità in faccia lo devi accettare, se non lo accetti alzi i tacchi, e anche alla svelta! Indiavolato
    non+autenticato
  • - Scritto da: Pianeta Advertisin g
    > Gli adblocker sono inaccettabili... vanno
    > proibiti! Se decido di spararti la pubblicità in
    > faccia lo devi accettare, se non lo accetti alzi
    > i tacchi, e anche alla svelta!
    >Indiavolato


    Accetto, accetto!
    Clicca per vedere le dimensioni originali
  • - Scritto da: Pianeta Advertisin g
    > Gli adblocker sono inaccettabili... vanno
    > proibiti! Se decido di spararti la pubblicità in
    > faccia lo devi accettare, se non lo accetti alzi
    > i tacchi, e anche alla svelta!
    >Indiavolato

    Tranquillo se-quando succede, io sono una SCHEGGIA!!
    non+autenticato
  • Volevo dire a Gaia che anche per EDGE esiste un software di filtering delle pagine web. Se vuoi farne una review per la sezione download l'indirizzo è: www.urlfilterservice.net
  • Gli adblock porteranno alla fine dell'internet gratis come la conosciamo oggi, tutti i tasselli stanno andando al loro posto... molto beneA bocca aperta
    non+autenticato
  • - Scritto da: SoliDS
    > Gli adblock porteranno alla fine dell'internet
    > gratis come la conosciamo oggi, tutti i tasselli
    > stanno andando al loro posto... molto bene
    >A bocca aperta

    Se la fine del gratis, combacia con la scomparsa della plebaglia portata sulla rete da facebuk, allora ben venga!

    Forse avremo meno siti ma di qualità molto superiore, e invece di cazzeggiare su PI, pagheremo la sommetta che si deve pagare, a quei pochi siti che la meritano.

    Ecchessarà mai.
    non+autenticato
  • Sui siti che se lo meritano (info interessanti e aggiornate, pubblicità non invasiva ed eccessiva) lo si disabilita già oggi molto volentieri capendo benissimo garantire un introito è dovuto.
    Su tutti gli altri siti:
    ublock origin + disconnect + decentraleyes + self-destructing cookies AD OLTRANZA
    non+autenticato
  • - Scritto da: SoliDS
    > Gli adblock porteranno alla fine dell'internet
    > gratis come la conosciamo oggi,

    E torneremo all'internet gratis come la conoscevamo ai tempi di usenet!

    Senza parassiti, e senza utonzi ignoranti.
  • - Scritto da: panda rossa
    > - Scritto da: SoliDS
    > > Gli adblock porteranno alla fine
    > dell'internet
    > > gratis come la conosciamo oggi,
    >
    > E torneremo all'internet gratis come la
    > conoscevamo ai tempi di
    > usenet!
    >
    > Senza parassiti, e senza utonzi ignoranti.

    MII... non farmi pensare sarebbe il massimo, i parassiti sui circuiti per gli amanti dei markettari, a vendergli fuffa, che tanto loro piace, e gli informatici, gli smanettoni, e hackers alla prima maniera sulla rete senza fuffa.
    non+autenticato
  • >
    > E torneremo all'internet gratis come la
    > conoscevamo ai tempi di
    > usenet!
    >

    Gratis non esiste al massimo amatoriale ma con una 28K
    non+autenticato
  • - Scritto da: Mondo civile
    > >
    > > E torneremo all'internet gratis come la
    > > conoscevamo ai tempi di
    > > usenet!
    > >
    >
    > Gratis non esiste al massimo amatoriale ma con
    > una
    > 28K

    Tutto cio' che non prevede la fuoriuscita di centesimi di euro dalle mie tasche e' gratis.
    Dici che con una 28K e' lento?

    Non cambia.
    Il costo in euro/K e' sempre zero.

    E quando dal flusso di dati elimini pubblicita' e fuffa, 28K bastano e avanzano.
  • - Scritto da: panda rossa
    > - Scritto da: Mondo civile
    > > >
    > > > E torneremo all'internet gratis come la
    > > > conoscevamo ai tempi di
    > > > usenet!
    > > >
    > >
    > > Gratis non esiste al massimo amatoriale ma
    > con
    > > una
    > > 28K
    >
    > Tutto cio' che non prevede la fuoriuscita di
    > centesimi di euro dalle mie tasche e'
    > gratis.
    > Dici che con una 28K e' lento?
    >
    > Non cambia.
    > Il costo in euro/K e' sempre zero.
    >
    > E quando dal flusso di dati elimini pubblicita' e
    > fuffa, 28K bastano e
    > avanzano.

    non paghi il telefono?
    non+autenticato
  • - Scritto da: Mondo civile
    > - Scritto da: panda rossa
    > > - Scritto da: Mondo civile
    > > > >
    > > > > E torneremo all'internet gratis come
    > la
    > > > > conoscevamo ai tempi di
    > > > > usenet!
    > > > >
    > > >
    > > > Gratis non esiste al massimo amatoriale ma
    > > con
    > > > una
    > > > 28K
    > >
    > > Tutto cio' che non prevede la fuoriuscita di
    > > centesimi di euro dalle mie tasche e'
    > > gratis.
    > > Dici che con una 28K e' lento?
    > >
    > > Non cambia.
    > > Il costo in euro/K e' sempre zero.
    > >
    > > E quando dal flusso di dati elimini pubblicita'
    > e
    > > fuffa, 28K bastano e
    > > avanzano.
    >
    > non paghi il telefono?

    Ho una flat telefonica verso tutti.
    Sia che chiamo sia che non chiamo.
    Mi conviene chiamare.
  • Ma per le chiamate verso ISP la flat NON VALE!!! ArrabbiatoArrabbiatoArrabbiato
    O nel frattempo dici che l'hanno cambiata? Newbie, inesperto

    Parola di WinaroOcchiolino
    non+autenticato
  • >
    > Ho una flat telefonica verso tutti.

    Appunto, paghi.
    non+autenticato