Gaia Bottà

USA: Apple e i giudici non intralcino la giustizia

Il DoJ ha fatto ricorso contro la decisione del giudice di New York che nei giorni scorsi ha concesso ad Apple di rifiutarsi di consegnare i dati cifrati ospitati su un vecchio iPhone: l'All Writs Act funziona da più di due secoli

Roma - Pur con tutte le differenze fra i due casi, le autorità statunitensi non possono permettersi di perdere la propria credibilità, di rinunciare pubblicamente alla determinazione con cui chiedono ad Apple di collaborare per accedere ai dati che risiedono sui terminali degli utenti: il Dipartimento di Giustizia non accetta di cedere di fronte alla decisione di un giudice che ha decretato che assolvere alle richieste delle forze dell'ordine rischierebbe di aprire la strada a violazioni della privacy ai danni di tutti i cittadini.

Nel processo che si sta discutendo a New York, incentrato su un caso di droga, ad Apple è stato concesso di non sbloccare l'iPhone 5S con iOS7 sequestrato a uno spacciatore: a differenza del dibattuto caso dell'iPhone del killer di San Bernardino, che coinvolge un iPhone 5C con iOS 9 e per cui ad Apple è stato chiesto di sviluppare un apposito firmware per agevolare i tentativi di accesso dell'FBI, Cupertino avrebbe potuto operare come già in passato, estraendo i dati richiesti nell'ambito delle indagini, inaccessibili alla Mela sui dispositivi cifrati animati da OS più recenti. Ma il giudice di New York ha decretato che Apple non sia costretta a collaborare, non sulla base dell'All Writs Act del 1789, una legge che se interpretata in maniera estensiva come vorrebbero le forze dell'ordine statunitensi potrebbe sfociare in una "espansione virtualmente illimitata dell'autorità legale del governo, a violare surrettiziamente la privacy personale".

Il Dipartimento di Giustizia ha dunque fatto ricorso contro la decisione del giudice newyorchese: "si tratta di una richiesta di routine con la quale si chiede ad una azienda terza di collaborare nell'esecuzione di una perquisizione su mandato - si spiega nel documento depositato dal governo - Il Dipartimento di Giustizia ha formulato la stessa richiesta, per lo stesso tipo di collaborazione, alla stessa azienda, dozzine di volte in precedenza. E le corti federali di tutta la nazione hanno autorizzato queste richieste. L'azienda ha sempre collaborato. Fino ad ora". "Apple ha confermato di poterlo fare ancora, anche in questo caso, e agire in questo senso non rappresenta un onere particolarmente significativo per l'azienda" spiega il DoJ: perché, dunque, questo ostruzionismo da parte di Apple e da parte del magistrato?
Il Dipartimento di Giustizia si dà altresì una risposta: Apple, secondo il DoJ, si starebbe arrischiando ad ostacolare il corso della giustizia rifiutandosi di agire nel nome della tutela dei propri utenti, mentre le argomentazioni del giudice si basano sulla "preoccupazione a lungo termine di prevenire futuri abusi da parte del governo". Ma "non c'è alcun fondamento su cui la corte possa prevedere che assolvere a questa specifica richiesta, analoga a quelle assolte in dozzine di casi in precedenza, apra la strada a diversi tipi di richieste in casi diversi - osserva il DoJ - e non c'è motivo per cui questa corte si affidi a questa previsione per limitare la sua autorità nell'applicazione del consolidato All Writs Act".

C'è però chi fa notare che l'applicazione dell'All Writs Act non è stata sempre indiscussa, a differenza di quanto ricorda il DoJ: anche nella giurisprudenza citata dal governo figura un caso in cui si attribuisce alla sola Apple la responsabilità di dichiarare quanto l'esecuzione di un ordine basato sull'All Writs Act, affatto scontata, possa influire sul business aziendale e quindi debba essere valutata caso per caso.

Il Dipartimento di Giustizia ha chiesto che il caso newyorchese venga riesaminato, mentre Apple non può che confermare la propria posizione, a supporto della quale si sono espresse aziende concorrenti e non, associazioni che si battono per i diritti civili, nonché l'Alto commissariato delle Nazioni Unite per i diritti umani: "un'interpretazione non corretta dell'All Writs Act ci spingerebbe in un terreno pericoloso che minaccia la sicurezza e la privacy di tutti".

Gaia Bottà
Notizie collegate
  • Diritto & InternetApple, la legge non impone l'accesso agli iPhone In un caso simile a quello di San Bernardino, un giudice sostiene che l'All Writs Act, brandito per forzare Cupertino a collaborare con la giustizia, non può essere interpretato in maniera tanto estensiva da forzarla a mettere a rischio la privacy degli utenti
  • AttualitàONU, l'iPhone e il vaso di PandoraL'Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Diritti Umani prende parte al dibattito incentrato sull'iPhone del killer di San Bernardino: accondiscendere alle richieste dell'FBI potrebbe aprire la strada agli abusi di governi autoritari e cybercriminali
  • Diritto & InternetUSA, si chiede ad Apple una backdoor di fattoUn ordine di un giudice statunitense impone ad Apple di collaborare per permettere alle autorità di accedere all'iPhone 5C bloccato del cecchino di San Bernardino. Cupertino teme possa diventare un pericoloso precedente e ricorre in appello
5 Commenti alla Notizia USA: Apple e i giudici non intralcino la giustizia
Ordina
  • in un forum come questo non si dovrebbe parlare di IOS, ma solo di Android, il so libero.
    non+autenticato
  • Accidenti! Chissa' come finira' questa vicenda interessantissima! Le sorti del mondo cosi' come lo conosciamo dipendono interamente da questo!!!!!
    Shiba
    3826
  • Tu scherzi, per certi versi è così.
    Un eventuale obbligo per Apple di creare un firmware con backdoor apposite per l'FBI, oltre a comportarne un crollo immediato di vendite (chi compra un telefono sapendo ufficialmente che è accessibile dalla polizia come gli pare e piace? per questo penso che il firmware bucato è già pronto ma verrà fatto passare in sordina), significa che la stessa sorte sarà garantita per qualunque produttore.
    ROM custom a tutto spiano.
  • - Scritto da: ephestione
    > Tu scherzi, per certi versi è così.
    > Un eventuale obbligo per Apple di creare un
    > firmware con backdoor apposite per l'FBI, oltre a
    addirittura? e magari dovrebbe anche distribuirlo come prossimo aggiornamento. E' tutto scritto nell'ordinanza del tribunale di Gotham City, immagino.
    Perche' in quello reale c'e' scritta tutta un altra roba.
    Sintetizzando al massimo c'e' scritto che apple modifichi alcune routine (erase dopo pin failure, delay, e inserimento remoto del pin per poter eseguire in remoto un bruteforce) di uno ios forgiato per girare su un unico gid/uuid/imsi, che venga firmato da apple e caricato in ram ("recovery mode" aka 'update ramdisk'). Il tel rimane nella apple facility room, all'esterno viene esposto il daemon per permettere ai feds il bruteforce. Effettuato il lavoro (ammettendo che il pin venga individuato), il tel viene spento (e ciaociao al firmware) e riconsegnato ai feds (che poi faranno l'estrazione dei dati con encase, elcomsoft o con quel che vogliono).

    No backdoor, No indebolimento degli algo di crittografia, No distribuzione del fw ai feds e men che meno "al poppolo", ecc.
    Si alla rottura di palle (per apple) di sorbirsi nuove richieste da altri PM e/o procure (non automatiche certamente, se il giudice non ritiene sufficientemente importanti le motivazioni ecc)
    Si alla 'battaglia di marketing rovinata' (eh pazienza)
    non+autenticato